Ombre volanti & Ombre a bolle

 Legge del Ritmo, luce, Sole  Commenti disabilitati su Ombre volanti & Ombre a bolle
Ago 262017
 

Tratto dal link : http://www.heinrichfleck.net/astronomia/lemmi/ombre-volanti.pdf
Le ombre volanti (shadow bands) un fenomeno elusivo, di difficile visibilità, che si verifica prima della fase di totalità dell’eclisse, di cui non esiste un’esauriente trattazione né certezza scientifica intorno alla sua
dinamica
.
L’esperienza osservativa sembra suggerire che il fenomeno origini dall’interferenza degli ultimi raggi del Sole con strati non omogenei dell’atmosfera di differente densità, illuminati da una sorgente luminosa poco estesa, quale l’ultima falce solare, e mossi da venti e correnti di diversa velocità.
Il percorso leggermente diverso compiuto della luce prima di giungere a terra attraverso strati di diversa composizione e compattezza, genererebbe il fenomeno, che si presenta più accentuato quando maggiore è la turbolenza atmosferica e minore l’altezza del Sole eclissato, la cui luce giungerebbe così quasi radente.
In questo caso, se i raggi luminosi giungono leggermente sfasati in frequenza, si possono formare bande d’interferenza di colore chiaro e scuro, e poiché un eclisse è un processo in continuo evolvere di gradazione luminosa le bande d’interferenza si mostrano continue.
Dato il basso contrasto che presenta, il fenomeno si evidenzia in genere su superfici bianche come le pareti di una casa.

Disegno delle ombre volanti su una casa in Sicilia durante l’eclisse solare del 1970

Finora l’unica trattazione esaustiva del fenomeno è stata fornita da L. Codona (J. L. Codona. “The scintillation theory of eclipse shadow bands” In: Astronomy and Astrophysics, vol. 164, no. 2, (1986), pp. 415 – 427..).
Dal momento che il fenomeno si verifica (almeno in prevalenza) quando maggiore era la turbolenza atmosferica e minore l’altezza del Sole in eclisse, Codona ha ipotizzato che la falce di luce che giunge a terra compia, proprio a causa della turbolenza, posa compiere due percorsi, con la conseguenza che i raggi luminosi arrivano leggermente sfasati in frequenza formando proprio come avviene bande di interferenza chiare e scure.
Il movimento delle bande (delle ombre volanti) dipenderebbe di conseguenza dalla dinamicità del fenomeno: turbolenza continua e moto apparente del Sole e della Luna.

Diagramma sulle ombre volanti prima e dopo della totalità dell’eclisse ©1998, Eric Strach

Video sulle ombre volanti

video link : https://www.youtube.com/watch?v=1I4YNa5-nuk

L’effetto è sempre presente e risulta visibile solo in questa particolare situazione, ma quello che si realizza è un effetto stroboscopico.
Da consultare l’articolo al seguente link : https://www.fortunadrago.it/5504/sole-immoto-terra-stazionaria-meraviglioso-inganno/

In oltre la falce della luna crea un’altro effetto sull’ombra filtrata dagli alberi che mi piacerebbe chiamarle ombre a bolle (shadow bubbles)

Ombre a bolle

Si verifica quando la luce della falce dell’eclissi filtra attraverso i rami degli alberi :


video link : https://www.youtube.com/watch?v=i_L1xiy5260

Eclissi solare del 21 Agosto 2017
video link : https://www.youtube.com/watch?v=7RmczjiDlwE

Eclissi solare del 21 Agosto 2017 sulla Terra
video link : https://vimeo.com/231484786

2017 North America Total Solar Eclipse Close-up Real-time 4K from ByoungJun Jeong on Vimeo.

Eruzioni di massa coronale (CME) Stealth

 Energia, luce, Magnetismo, Sole, Universo  Commenti disabilitati su Eruzioni di massa coronale (CME) Stealth
Mag 102017
 

Original link : https://phys.org/news/2017-05-space-weather-simulates-solar-storms.html

(Tradotto con Google, traduzione rivisitata)

CME Stealth

Il nostro sole in continua evoluzione espelle continuamente materiale solare nello spazio. I più grandi tali eventi sono enormi nuvole che eruttano dal sole, chiamate espulsioni di massa coronale, o CME. Queste tempeste solari spesso al primo posto con una sorta di avvertimento del flash luminoso di un solar flare, una raffica di calore o di una raffica di particelle energetiche solari. Ma un altro tipo di tempesta ha lasciato perplessi gli scienziati per la sua mancanza di segnali di pericolo tipici: Essi sembrano venire dal nulla, e gli scienziati li chiamano CME stealth.

Differenze tra solar flare (brillamento solare) ed eruzioni di massa coronale CME by NASA

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=TWjtYSRlOUI

Ora, un team internazionale di scienziati, guidati dal laboratorio spaziale Scienze presso l’Università della California, Berkeley, e finanziato in parte dalla NASA, ha sviluppato un  che simula l’evoluzione di queste furtive  . Gli scienziati hanno invocato le missioni NASA STEREO e SOHO per questo lavoro, per una messa a punto del loro modello fino a quando le simulazioni saranno abbinate alle osservazioni spaziali. Il loro lavoro mostra come un lento, silenzioso processo può inaspettatamente creare una massa contorta di campi magnetici sul sole, che poi si stacca via dal sole ed accelera nello spazio, il tutto senza alcun preavviso.

Rispetto alle CME tipiche, che scoppiano dal sole veloce come 1800 miglia al secondo, le CME furtive (Stealth) si muovono ad una sconnessa andatura tra i 250 a 435 miglia al secondo. Che è approssimativamente la velocità del vento solare più comune, il flusso costante di particelle cariche che fluisce dal sole. A quella velocità, le CME Stealth non sono in genere abbastanza potenti per scatenare grandi eventi meteorologici spaziali, ma a causa della loro struttura magnetica interna possono ancora causare lieve a moderati disturbi al  magnetico terrestre.

Per scoprire le origini delle CME Stealth, gli scienziati hanno sviluppato un modello di campi magnetici del sole, simulando la loro forza ed il movimento nell’atmosfera del sole. Decisivo per il modello è la rotazione differenziale del sole, il che significa diverse regioni sul sole che ruotano a velocità diverse. A differenza della Terra, che ruota come un corpo solido, il sole ruota più velocemente all’equatore di quanto non faccia ai poli.

Il modello mostra che la rotazione differenziale provoca campi magnetici nel sole che si allungano e diffondono a velocità diverse. Gli scienziati hanno dimostrato questo processo costante genera energia sufficiente per formare CME furtive nel corso di circa due settimane. La rotazione del sole sottolinea sempre le linee del  nel tempo, alla fine li orditura in una bobina tesa di energia. Quando la tensione è cresciuta abbastanza, la bobina si espande e scatta via in un enorme bolla di campi magnetici intrecciati senza nessun preavviso, quindi la CME Stealth abbandona tranquillamente il sole.

L’evoluzione di un CME Stealth in questa simulazione. rotazione differenziale crea una massa contorta di campi magnetici sul sole, che poi si stacca ed accelera nello spazio. L’immagine del sole è da STEREO della NASA. linee colorate rappresentano linee di campo magnetico, ei diversi colori indicano in cui gli strati di atmosfera del sole hanno origine. Le linee bianche diventano stressati e formano una spirale, eventualmente in eruzione dal sole. Credit: NASA Goddard Space Flight Center / ARMS / Joy Ng,

 

Tali modelli di computer possono aiutare i ricercatori a capire meglio come il sole colpisce lo spazio vicino alla Terra, e, potenzialmente, migliorare la nostra capacità di prevedere tempo, come avviene per la nazione dalla National Oceanic Atmospheric Administration degli Stati Uniti e. Un documento pubblicato nel Journal of Geophysical Research il 5 novembre 2016, riassume questo lavoro.

Original link : https://phys.org/news/2017-05-space-weather-simulates-solar-storms.html

La progressione di un’eruzione solare CME in 5 passi by NASA

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=-tdRTn2lwng

Una Recente attività solare dal 18 Aprile 2017

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=qWlmz0K5Vwc

Dagli Spettri di Luce al Tristimolo

 Energia, luce, Magnetismo  Commenti disabilitati su Dagli Spettri di Luce al Tristimolo
Apr 262017
 

Interamente tratto dal link (e successivi) : https://www.nikonschool.it/experience/colore-melis.php
A cura di: Marcello Melis

Inizia, con questo, una serie di articoli dedicati al colore, alla colorimetria, al Color Management, alla gestione dei profili di colore standard (ICC), ed ai controlli di colore specifici, applicabili sulla fotocamera, in fase di ripresa, o tramite software in fase di fotoritocco.
In questo primo eXperience proveremo a trasportare il Lettore attraverso il ripido percorso che parte dalla natura elettromagnetica della luce ed arriva alla moderna colorimetria che guida e governa tutta la fotografia digitale.
Troveremo risposte a domande come “cosa è la luce?”, “cosa è il colore?”, “è possibile identificare un colore in modo univoco?”, “come viene tradotto un colore dall’occhio?”.

La Luce

Va subito detto che la luce, che sia bianca o che sia colorata, è sempre una composizione di radiazioni elettromagnetiche che hanno esattamente la stessa natura delle onde radio, delle microonde, dei raggi X o dei raggi Gamma. Un’onda elettromagnetica è caratterizzata principalmente dalla propria frequenza di oscillazione. La frequenza si misura in hertz, cioè in oscillazioni al secondo.

Ingrandisci l
Fig. 1: Propagazione di un’onda.

Partendo dalle basse frequenze ed esplorando tutto lo spettro elettromagnetico, incontriamo per prime le onde radio che vanno da qualche chilohertz (KHz, migliaia di oscillazioni al secondo) a qualche centinaio di megahertz (MHz, milioni di oscillazioni al secondo), poi troviamo le microonde nell’intervallo che va da qualche gigahertz (GHz, miliardi di oscillazioni al secondo) a molte decine di GHz, di seguito ci sono gli infrarossi, che cominciamo a percepire con i nostri sensi sotto forma di radiazione proveniente da una fonte di calore come ad esempio una stufa o un termosifone, poi finalmente la strettissima banda della luce visibile, di cui parleremo in modo dettagliato dopo, ed a seguire le radiazioni ultraviolette, i raggi X ed infine i raggi Gamma.

A partire dalle radiazioni nella banda degli infrarossi e per frequenze crescenti, un’onda elettromagnetica viene più comunemente caratterizzata attraverso la sua lunghezza d’onda piuttosto che attraverso la sua frequenza.

Ingrandisci l
Fig. 2: Spettro Elettromagnetico.

La lunghezza d’onda è lo spazio percorso da una radiazione nel tempo di durata di un singolo ciclo. Un’onda elettromagnetica percorre quasi 300.000 km in un secondo; un’onda radio ad esempio con frequenza di 300 Khz avrà quindi una lunghezza d’onda pari ad 1 Km (Onde Lunghe). In formule L=V/F dove L è la lunghezza d’onda, V la velocità di propagazione ed F la frequenza.

Le lunghezze d’onda delle radiazioni nell’infrarosso, nel visibile e nell’ultravioletto hanno dimensioni che vanno da centinaia di micrometri (1 μm = 1 milionesimo di metro) a decine di nanometri (1 nm = 1 miliardesimo di metro, 1μm =1000nm).
Lo spettro degli infrarossi (IR) è molto ampio ed a seconda della disciplina scientifica viene classificato in vari modi. La classificazione DIN/CIE, di interesse fotografico distingue tre bande: IR-A (700nm-1.4μm), IR-B (1.4μm-3μm) e IR-C (3μm-1000μm).
Lo spettro del visibile (VIS) si estende da 700nm a 400nm.


Fig. 3: Lo Spettro Visibile.

Lo spettro degli ultravioletti (UV) viene suddiviso in UV-A (400nm-315nm), UV-B (315nm-280nm) e UV-C (280nm-10nm).

Una fotocamera digitale standard ha in genere una sensibilità spettrale che copre la banda del visibile e mantiene una sensibilità residua, molto bassa, nella banda IR-A (ma questo dipende molto da marca, modello e generazione).
Fotocamere digitali modificate alle quali, cioè, è stato rimosso il filtro IR-cut che elimina l’infrarosso e gli UV, conservano una sensibilità simile a quella che hanno nel visibile, fino a lunghezze d’onda di 800-900nm. Questa variante delle fotocamere digitali trova largo impiego in molti campi disciplinari sia scientifici che artistici, come quelli documentati, ad esempio, su queste pagine con i precedenti eXperience Fotografia digitale infrarossa, l’ultima frontiera e Riflettografia nell’Infrarosso con Reflex Nikon.
Sorgenti e composizione spettrale

Una sorgente di luce in generale è composta da radiazioni a diverse frequenze e può venire caratterizzata attraverso il suo così detto spettro di emissione che è un grafico (o tabella) che indica, per ogni lunghezza d’onda, l’intensità di radiazione emessa.
Possiamo distinguere diversi tipi di spettri associati alle relative sorgenti:

  • spettri monocromatici: sono gli spettri tipici delle sorgenti laser. Tutta l’energia è concentrata intorno ad una unica lunghezza d’onda.

    Spettro Monocromatico
  • spettri a righe: sono l’unione di più spettri monocromatici separati da zone senza energia. Sono tipici della materia rarefatta, come i gas, portata ad eccitazione da qualche fonte di energia. Le righe corrispondono ai salti di energia che fanno gli elettroni degli atomi assorbendo e cedendo energia.

    Spettro a Righe
  • spettri a banda stretta nei quali tutta l’energia è concentrata in una zona molto piccola di spettro e che sono tipici delle sorgenti LED.

    Spettro a Banda Stretta
  • spettri continui che presentano ampie zone continue di spettro con valori di energia consistenti, tipici delle sorgenti ad incandescenza ed in generale delle sorgenti tipo corpo nero.

    Spettro Continuo

Le sorgenti di luce di gran lunga più comuni sono quelle che presentano uno spettro di radiazioni continuo. Appartengono a questa classe tutte le sorgenti che producono luce attraverso il raggiungimento di alte temperature come le lampade ad incandescenza, le lampade ad arco e lo stesso Sole che ci fornisce illuminazione ed energia. Queste ultime sorgenti rispondo ad una legge fisica che va sotto il nome di emissione da corpo nero.

Una sorgente particolare: il corpo nero

Un tipo di sorgente di luce particolare è quello che si ha quando un corpo raggiunge temperature molto elevate, tanto da diventare incandescente. I fisici chiamano questo tipo di emissione, emissione da corpo nero, ed hanno sviluppato, in particolare il fisico tedesco Max Plank, un modello matematico che prevede la composizione di frequenze ed ampiezze delle varie radiazioni emesse da un corpo a seconda della temperatura cui viene portato il corpo stesso. All’aumentare della temperatura la lunghezza d’onda media emessa diventa sempre più corta ed ad un certo punto la radiazione entra nella banda di radiazioni visibili all’occhio umano. La temperatura a cui inizia a diventare visibile il corpo nero è di circa 1.000 Kelvin (la temperatura in kelvin è uguale a quella in gradi centigradi aumentati di 273.16). A queste temperature il corpo nero appare rossastro. All’aumentare della temperatura il colore si sposta verso il giallo fino ad arrivare al bianco ad una temperatura intorno ai 6.000 kelvin. Aumentando ancora, cioè dai 7.000 kelvin in su, il colore comincia a diventare azzurro e poi blu.

Ingrandisci l
Fig. 8: Corpo Nero a 2000K.
Ingrandisci l
Fig.9: Corpo Nero a 2000K.
Ingrandisci l
Fig. 10: Corpo Nero a 3200K.
Ingrandisci l
Fig. 11: Corpo Nero a 6500K.
Ingrandisci l
Fig. 12: Corpo Nero a 10000K.
Ingrandisci l
Fig. 13: Corpo Nero a 15000K.

Nelle figure sopra, sono mostrati gli spettri emessi dal Corpo Nero al variare della temperatura in kelvin. La forma della distribuzione rimane simile a tutte le temperature, quello che cambia è la posizione e l’altezza del picco che si sposta verso sinistra attraversando lo spettro visibile. Guardando la banda del visibile si vede come al variare della temperatura variano i rapporti di altezza tra i vari colori, cosa che giustifica la variazione di colore complessiva che assume la luce.
Sole, Atmosfera e spettro risultante

Il fatto che intorno ai 6.500 kelvin la luce emessa dal corpo nero ci appaia bianca dipende dal fatto che questa è proprio la temperatura di colore del Sole che, in quanto unica fonte di luce disponibile durante l’evoluzione della vita sulla Terra, per noi è la sorgente di luce naturale di riferimento, e quindi bianca (neutra). In realtà tra l’emissione di corpo nero a 6.500 kelvin e lo spettro di luce del sole (illuminante Daylight D65) ci sono differenze dovute a due cause: il Sole non è un corpo omogeneo (non è un vero corpo nero teorico) ed ha una “superficie” sede di fenomeni estremamente complessi che alterano lo spettro; tra Sole e Terra si interpone l’atmosfera che funziona da filtro ed assorbe le radiazioni in modo diverso a seconda della lunghezza d’onda.

Ingrandisci l

Fig. 14: Illuminante D65 e Corpo Nero a 6500K.

Misura dello spettro: Monocromatori e Spettroradiometri

Una sorgente di luce è quindi generalmente fonte di radiazioni che contengono molte lunghezze d’onda. Utilizzando un particolare strumento, detto monocromatore, è possibile selezionare dalla sorgente solo le radiazioni che cadono in una banda stretta intorno ad una specifica lunghezza d’onda ed ottenere quindi, a valle della sorgente e del monocromatore, una luce monocromatica.

Ingrandisci l
Fig. 15: Monocromatore.

Nella Fig. 15 viene descritto uno dei possibili schemi di monocromatore. La luce della sorgente A entra dalla fessura d’ingresso B e viene collimata (fuoco all’infinito) sul reticolo di dispersione D. La luce dispersa raggiunge lo specchio E e da questo viene focalizzata sul piano d’uscita F, In F quindi si forma l’immagine della fessura B, ma questa immagine è scomposta nelle componenti cromatiche. La purezza della luce G (cioè la sua monocromaticità) dipende dalla dimensione della fessura d’uscita F dalla quale dipende direttamente la larghezza di banda di G.

Uno spettroradiometro svolge la funzione di misurare l’intensità della radiazione al variare della lunghezza d’onda. Le tecnologie utilizzate per la costruzione di uno spettroradiometro sono simili a quelle di un monocromatore, perché in entrambi i casi è necessario separare le diverse componenti in frequenza della sorgente di luce disponibile.

La misura dello spettro può avvenire in due differenti modi: sequenziale o parallelo.
Nella misura sequenziale si dispone di un sensore (una fotocellula) in grado di trasformare la luce che lo colpisce in segnale elettrico. Questo sensore viene posto in una posizione analoga a quella della fessura F del monocromatore e viene utilizzato per misurare l’intensità della radiazione al variare della posizione del reticolo di diffrazione facendo così la scansione di tutto lo spettro.
Nel sistema parallelo viene posto un sensore di immagine (lineare o bidimensionale) in posizione analoga alla fessura F, ma direttamente esposto a tutta l’immagine prodotta dalla lente E. Sul sensore si forma quindi “l’arcobaleno” di colori proveniente dalla griglia di dispersione, ed ogni pixel o fila verticale di pixel, misurerà l’intensità di radiazione di un colore specifico.

Una caratteristica importante di uno spettroradiometro è la risoluzione, ovvero la differenza di lunghezza d’onda minima che lo strumento riesce a distinguere. La Fig. 16 mostra uno spettro misurato con uno strumento a risoluzione di 10 nm (Eye-One Pro con software Babel Color). La Fig. 17 mostra uno spettro a banda strettissima (laser) misurato con uno spettroradiometro a risoluzione di 1.5 nm (SphereOptics con software proprietario). È evidente come la misura del secondo spettro con il primo strumento avrebbe portato ad una misura troppo grossolana per apprezzare la dimensione della banda.

Ingrandisci l
Fig. 16: Spettro a picchi di una lampada a basso consumo.

Irradianza spettrale di sorgente Laser misurata
con spettroradiometro (microwatt /( cm^2*nm)).

Ingrandisci l

Curve di sensibilità spettrale

Se vogliamo caratterizzare dal punto di vista spettrale un dispositivo sensibile alla luce, abbiamo bisogno di tracciare la sua curva di sensibilità spettrale.
È possibile ottenere questo in modi diversi, uno dei quali, tra i più precisi, richiede l’uso congiunto di una sorgente di luce ad ampio spettro, di un monocromatore e di uno spettroradiometro.
La procedura consiste nell’esporre il sensore ad una sequenza di stimoli monocromatici (sorgente + monocromatore). Ad ogni stimolo, cioè per ogni lunghezza d’onda impostata sul monocromatore, viene misurata con lo spettroradiometro l’energia spettrale “vista” dal sensore, ed allo stesso tempo viene registrato il valore numerico fornito dal sensore in risposta a quello stimolo.
Il rapporto tra il valore numerico prodotto dal sensore e l’energia raccolta dallo stesso, per ogni lunghezza d’onda, determinerà la sensibilità spettrale del sensore.

Ingrandisci l
Fig. 18: Sensibilità spettrale Nikon D700 senza Filtro IRcut.

La Fig. 18 mostra la sensibilità di una fotocamera Nikon D700 priva del filtro di blocco degli IR e degli UV. Come si può notare la sensibilità della fotocamera si estende fino ad oltre i 900nm. In questo caso abbiamo tre curve di sensibilità perché i photo-site (pixel) del sensore sono coperti dalla matrice di Bayer costituita da una scacchiera di filtri rosso verde e blu, e di conseguenza è necessario misurare la sensibilità spettrale per ciascun tipo di filtro.
Curve di trasmittanza spettrale

Altro uso che si può fare di una strumentazione come quella descritta è la misura della trasmittanza spettrale. La trasmittanza spettrale è una curva che assume valori compresi tra 0 ed 1 (dallo 0% al 100% di segnale trasmesso) in funzione della lunghezza d’onda. Un filtro colorato, ad esempio, presenterà una trasmittanza spettrale caratteristica che ne determinerà il colore.
La trasmittanza è semplicemente la quantità di luce che viene fatta passare dal filtro in funzione della lunghezza d’onda. Per determinarla, prima si misura lo spettro di emissione di una sorgente di luce ad ampio spettro, e poi si misura lo spettro di emissione della stessa lampada ma visto attraverso il filtro. La seconda misura diviso la prima, lunghezza d’onda per lunghezza d’onda, fornirà la trasmittanza spettrale.

Ingrandisci l
Fig. 19: Trasmittanza Filtro IRcut di una Nikon D300.

Sensibilità spettrale dell’occhio

Sulla Terra la fonte di luce primaria è sempre stata il Sole. Il Sole ha uno spettro di emissione che raggiunge valori massimi tra i 400 ed i 700nm, con un picco a 555nm. La vita sulla Terra si è dunque sviluppata ed adattata a questa sorgente di luce. Infatti lo spettro visibile per l’Uomo coincide proprio con la banda da 400 a 700nm e la sensibilità massima si ha proprio a 555nm.


Fig. 20: Sensibilità alla luce diurna (efficienza fotopica).

La Fig. 20 mostra la curva complessiva di sensibilità dell’occhio alla luce diurna. Questa è una curva di efficienza che traccia la sensibilità dell’occhio a prescindere dai colori. È stata misurata anche una curva analoga, ma relativa alla visione notturna (scarsità di luce). Questa seconda curva ha la stessa forma ma il culmine è spostato verso sinistra, verso il blu.
Radiometria vs Fotometria

La curva di sensibilità fotopica, detta anche curva di efficienza V(λ), dove λ indica la lunghezza d’onda, è l’anello che mette in corrispondenza le misure radiometriche con le misure fotometriche.
Le misure fotometriche, qualunque esse siano, sono sempre riferite al campo di sensibilità dell’occhio. Una misura fotometrica parte da una misura radiometrica che viene moltiplicata lunghezza d’onda per lunghezza d’onda per la curva di efficienza V(λ), oltre che per altri fattori di scala. Qualsiasi misura fotometrica, quindi, effettuata in una zona di spettro elettromagnetico esterna al visibile, risulterà nulla.

Sensibilità spettrale dell’occhio: coni e bastoncelli

La retina, cioè la parte sensibile dell’occhio umano, è costituita da 4 tipi di sensori: i bastoncelli e tre tipi di coni.


Fig. 21: Sezione di Retina con Bastoncelli, Coni e primi strati di neuroni.

I bastoncelli sono responsabili della visione scotopica, ovvero della visione notturna o in situazioni di carenza di luce. I bastoncelli non sono in grado di distinguere i colori e sono organi ad alta sensibilità con uno spettro di sensibilità che copre tutto il visibile. La sensibilità dei bastoncelli è di mille volte superiore a quella dei coni e ci permette la visione notturna. La sensibilità scotopica, cioè quella notturna, coincide quindi con la sensibilità dei bastoncelli, mostrata in Fig. 22


Fig. 22: Sensibilità in luce notturna (Scotopica).

In luce diurna, invece, la visione è a carico dei coni che mostrano una sensibilità più bassa dei bastoncelli, ma selettiva rispetto alle lunghezze d’onda della luce. I coni sono di tre tipi, differenziati rispetto alla banda di sensibilità (blu, verde e rosso) come mostrato in Fig. 23.


Fig. 23: Curve di sensibilità dei tre tipi di coni.

La conseguenza più evidente derivante dalla fisiologia dell’occhio, consiste nel modo in cui l’occhio interpreta lo spettro di una emissione che cade nel campo visibile. Lo spettro viene “pesato” secondo le tre curve di sensibilità di Fig. 23 producendo tre stimoli nervosi proporzionali all’intensità della radiazione nelle tre zone di sensibilità dei coni. In altre parole uno spettro, che fisicamente potrebbe essere rappresentato da decine di valori (l’intensità misurata ad un certo passo di lunghezza d’onda) viene ridotto a solo tre valori.
Questo passaggio è fondamentale perché è quello su cui si basa l’intero settore dell’imaging digitale come lo conosciamo oggi.
Va subito evidenziato che due spettri che producono la stessa terna di stimoli nell’occhio, non sono necessariamente due spettri uguali. I due spettri appaiono uguali solo all’occhio umano, e per questo vengono anche detti metamerici. Il fenomeno è mostrato nelle Fig. 24, Fig. 25 e Fig. 26.
L’uguaglianza di stimolo non garantisce l’uguaglianza di spettro, e questo è il fenomeno grazie al quale possiamo indurre in un osservatore la sensazione di qualsiasi colore, utilizzando solo tre sorgenti di luce a banda stretta, opportunamente miscelate. Da qui tutta la tecnologia dei dispositivi di riproduzione del colore, come gli schermi video, che sono composti da matrici di elementi, ognuno dei quali contiene tre sorgenti di colore, in genere rosso, verde e blu.


Fig. 24: Spettro di lampada a basso consumo.

Fig. 25: Spettro di lampada ad incandescenza.


Fig. 26: Uguaglianza metamerica dei due spettri.

Colorimetria

Partendo dalle osservazioni sulla visione fisiologica, si è sviluppata la Colorimetria moderna. Nel corso della storia, ed in particolare nell’ambito sia della Scienza che delle Belle Arti, diversi personaggi illustri hanno messo a punto sistemi di classificazione dei colori. La colorimetria moderna, muovendo dalla fisiologia e da trasformazioni matematiche, ha messo a punto sistemi di riferimento colorimetrici assoluti che permettono di definire in modo univoco qualsiasi colore.
In particolare la CIE (comitato internazionale per l’illuminazione) ha stabilito sin dal 1931 le curve di sensibilità standard partendo dalle misurazioni delle curve di sensibilità di un campione di persone. La conoscenza delle curve di sensibilità dell’essere umano permette di stabilire le relazioni tra colori che appaiono ai nostri occhi, al di là del metamerismo. Nei vari passaggi di colore tra un dispositivo ed un altro, se si riesce a mantenere costante la sensazione di colore, anche se gli spettri effettivi dell’emissione luminosa cambiano, abbiamo raggiunto lo scopo di mantenere la fedeltà di colore apparente, che è quella che interessa dal punto di vista dell’imaging digitale.
A partire dalle curve di sensibilità misurate sull’uomo, la CIE ha derivato una terna di curve di sensibilità attraverso le quali qualsiasi colore viene identificato con tre coordinate all’interno di uno spazio di colore colorimetrico.
Questo spazio è chiamato XYZ e le curve di “sensibilità” corrispondenti (quelle che, dato uno spettro qualsiasi nel visibile, lo pesano restituendo i tre valori X, Y, e Z) sono quelle illustrate nella Fig. 27.
Queste curve non rappresentano, in realtà, la sensibilità di qualche cosa, ma derivano da opportune trasformazioni matematiche delle curve di sensibilità dell’occhio. Ad esempio la curva “verde”, cioè Y, coincide con la sensibilità fotopica, e restituisce direttamente la misura fotometrica della intensità della luce.


Fig. 27: Color Matching Functions CIE 31.

Qualsiasi colore, dunque, “visto” attraverso queste curve viene trasformato in una terna di valori nello spazio X,Y,Z. Se tracciamo il piano che passa per i valori unitari degli assi otteniamo un triangolo come in Fig. 28. Un colore qualsiasi, trasformato nella terna colorimetrica, è rappresentato da un punto Q in questo spazio. Il vettore che unisce l’origine al punto Q attraversa il triangolo in un punto q. Se misuriamo i valori XYZ di tutti i colori monocromatici dello spettro visibile (dell’arcobaleno), quello che viene fuori è la curva a forma di vela che si vede tracciata sul triangolo.


Fig. 28: Spazio colorimetrico XYZ.

Se schiacciamo l’asse Z sul piano XY otteniamo una nuova rappresentazione nella quale le coordinate XYZ sono trasformate in altre coordinate relative con la seguente formula:
x = X/(X+Y+Z), y = Y/(X+Y+Z), z = Z/(X+Y+Z)

In questo modo otteniamo una nuova rappresentazione grafica, detta Diagramma di Cromaticità, come illustrato in Fig. 29. In questo diagramma vengono rappresentate tutte le cromaticità visibili dall’occhio umano e di conseguenza qualsiasi colore trova una sua collocazione all’interno della zona a forma di vela. I confini della figura rappresentano i colori monocromatici, mentre la base, rettilinea, rappresenta tutte le combinazioni che si ottengono sommando i colori estremi dello spettro (rosso e blu) e quindi sono tutte le sfumature di magenta, colore non presente nello spettro della luce bianca.

Fig 29: Diagramma di Cromaticità (proiezione di XYZ su xy).

Questo diagramma gode di alcune proprietà molto interessanti, tra le quali le seguenti.
Presi due punti qualsiasi, la linea che unisce i due punti rappresenta tutte le possibili combinazioni dei due colori rappresentati da quei due punti.
Presi tre punti, che identificano un triangolo, qualsiasi colore all’interno del triangolo può essere generato (metamericamente) attraverso la combinazione dei colori rappresentati dai vertici del triangolo, in proporzioni equivalenti alla distanza del punto di colore dai vertici.
La seconda caratteristica è ben rappresentativa di quello che succede in un monitor, dove ogni colore viene prodotto per sintesi additiva di tre colori così detti primari, come mostrato in Fig. 30. Qua vengono indicate le coordinate cromatiche dei tre colori a sintesi (rosso, verde e blu), le coordinate cromatiche del bianco del monitor e la curva lungo la quale giacciono tutti i colori che si ottengono al variare della temperatura di colore.

Fig 30: Gamut di Monitor.

Conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo tutti i passaggi necessari per rappresentare in modo univoco un colore.
Siamo partiti dallo spettro di un colore, così come viene trattato in spettroradiometria, abbiamo poi visto che l’occhio è dotato di organi (i coni) in grado di distinguere in qualche modo le varie parti dello spettro visibile, poi abbiamo visto la definizione ufficiale delle “curve di sensibilità” definite dalla CIE, meglio conosciute come Color Matching Functions, ed infine lo spazio colorimetrico XYZ.
Questo percorso di trasformazioni è la base del Color Management, ed è anche la base per comprendere e poi mettere in piedi un corretto work-flow nel lavoro di qualsiasi Fotografo o Grafico.

Fluorescenza visibile da radiazione ultravioletta

 Botanica, luce, Sole  Commenti disabilitati su Fluorescenza visibile da radiazione ultravioletta
Apr 262017
 

Fluorescenza visibile indotta (UVF) e riflessa (UVR) da radiazione ultravioletta applicata ai fiori e alle piante.

Tratto da : https://www.nikonschool.it/experience/fluorescenza6.php

L’Ultravioletto indotto “UVF”

La fluorescenza UV è la proprietà che posseggono alcuni corpi di emettere radiazioni di energia minore, quindi a maggiore lunghezza d’onda, nella banda del visibile quando sono sottoposti ad irraggiamento con radiazione UV. Quando questo avviene si dice che la sostanza è fluorescente. Il fenomeno, che termina in pratica quando cessa l’eccitazione (con ritardi nell’ordine di 10-9 – 10-3s), ha spesso entità molto modesta e risulta osservabile solo in un ambiente totalmente oscurato e dopo un adattamento visivo dell’occhio a bassi livelli di luminosità.

L’Ultravioletto Riflesso “UVR”

L’Ultravioletto Riflesso (UVR) che raccoglie solo la componente UV riflessa dalla superficie oggetto di indagine. La differenza principale rispetto alla fluorescenza UV è da ricercare nei risultati che si possono ottenere e nella metodologia di impiego. L’Ultravioletto Riflesso, a differenza dell’UVF, richiede che solamente la radiazione UV sia registrata dalla fotocamera, perciò bisogna eliminare la radiazione visibile con un filtro da apporre davanti all’obiettivo che deve essere completamente trasparente all’UV, in modo da bloccare la radiazione visibile parassita della sorgente luminosa e la luce visibile della fluorescenza. Dato che il fenomeno della riflessione dell’UV caratterizza i materiali in modo diverso rispetto alla fluorescenza, la versatilità e gli ambiti di applicazione sono molto ristretti.

Da consultare anche l’articolo al seguente link : http://www.holovachov.com/fluorescence

Da consultare anche l’articolo presente sul sito sulla Camera Kirlian link : https://www.fortunadrago.it/3729/kirlian-camera/

Video di David Wolfe link : https://www.facebook.com/DavidAvocadoWolfe/

video link : https://www.facebook.com/DavidAvocadoWolfe/videos/10154427297426512/

Fluorescenza indotta (UVF) su piante e fiori

La seguente galleria di foto è di proprietà di Craig P. Burrows link : https://www.facebook.com/cpburrowsphotography/
Sito di Craig P. Burrows link : http://www.cpburrows.com/

La seguente galleria di foto è di proprietà di Oleksandr Holovachov link : http://www.holovachov.com/
Tratto dal link : http://www.holovachov.com/p187256964

Da consultare anche l’articolo presente sul sito sulla Camera Kirlian link : https://www.fortunadrago.it/3729/kirlian-camera/

Rifrazione Sferica

 Energia, Etere, Geometria, luce, Sole  Commenti disabilitati su Rifrazione Sferica
Feb 092017
 

Rifrazione (significato) : deviazione subita da un’onda che ha luogo quando questa passa da un mezzo ad un altro nel quale la sua velocità di propagazione cambia. La rifrazione della luce è l’esempio più comunemente osservato, ma ogni tipo di onda può essere rifratta, per esempio quando le onde sonore passano da un mezzo ad un altro o quando le onde dell’acqua si spostano a zone con diversa profondità.

Link originale : https://www.artofclaytaylor.com/single-post/2017/02/07/Spherical-Refraction—The-Relationship-Between-Light-and-the-Universal-Shape

Tratto dall’articolo di Clay Taylor

Rifrazione Sferica – Il rapporto magnetico tra luce e la forma universale

Una domanda principale che si pone nello studio della geometria e lo studio della luce riguarda il comportamento della luce sulla sfera.

La sfera è di per sé niente di meno che la forma universale e perfetta. E ‘in un certo senso la prima e l’ultima possibilità di grande miracolo della dimensione l’unico grande matrimonio di singolarità e l’infinito, l’unificazione della polarità e la causa prima delle 3 dimensioni di base dello spazio triangolare. È insieme un unico punto, una singola superficie ma un contenitore di infiniti punti. E ‘infinitamente divisibile, ha curvatura completa che esprime ogni angolo e sia la convessità e concavità è costruito in esso. Chiaramente, per descrivere le sue caratteristiche è quella di utilizzare parole che sembrano paradossali e contraddittorie …

È per mezzo della sfera che l’uomo e la sua scienza può arrivare a capire veramente la natura e, forse, la grande verità della causa. La totalità della matematica vera, geometria e fisica devono la loro fedeltà alla sua ragione. Allo stesso modo, è stato elogiato per tutto il tempo come la forma dei cieli e dello stesso Dio.

Quale sarebbe la sfera aiutare a rivelare per quanto riguarda la natura della luce? Ho lavorato per osservare da vicino e documentare le molte dinamiche sottili di questa domanda in molti modi.

L’immagine vista riflessa su di una bolla di sapone, per esempio era piuttosto un puzzle da capogiro. La superficie esterna della bolla riflette un’immagine e quindi è la superficie interna. Si può anche vedere la luce da oltre la bolla che ha reso con il tuo occhio senza riflessione. Poi vi è la distorsione sia quella luce e la luce riflessa da due emisferi però il gradiente completa di curvatura. Poi vi è la rifrazione della luce sui fenomeni di colore che vediamo in più nella bolla di sapone. Il risultato è un’immagine altamente complessa con numerose sottigliezze facilmente trascurate.

Considerando tutto questo? Non è facile mettere alcuni di questi concetti in un linguaggio, e tuttavia abbiamo tutti giocato con questa forma da quando eravamo bambini. Ma andiamo avanti con fiducia, esso diventa sempre più interessante lo prometto!

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

(n.d.r. Da consultare anche l’articolo : Tutto non è che bolle di sapone )

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=GKvT1lRWhE0

Naturalmente una sfera di cristallo (o sfera di vetro ottico) non è affatto una semplice impresa da comprendere. Le informazioni elettromagnetiche visive sta convergendo su di essa da tutte le direzioni, con alcuni comportamenti conseguenti, eppure affascinanti concernenti la luce.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

L’Inversione

Uno dei principali fenomeni di ottica sferica è il “flip”, l’inversione dell’immagine del mondo oltre la visuale. Tuttavia, questo fenomeno dipende interamente la vicinanza di oggetti in relazione alla sfera, così come il ricevitore riceve l’immagine (come l’occhio della telecamera.) L’immagine sarebbe in un determinato rapporto di distanza ingrandimento in una misura che sarebbe poi per capovolgere  ottenendo il corretto orientamento tramite un’inversione polare.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Ecco un esempio di inversione polare di un capovolgimento immagine da capovolta verso lato destro in alto. L’immagine di un occhio a distanze abbastanza lontano dalla sfera è a testa in giù, come il paesaggio è nell’immagine precedente. Quanto più la l’immagine dell’occhio fotocamera o arriva a sfera, tanto più amplificato l’occhio diventa, fino a quando l’immagine capovolge totalmente lato destro in alto. L’anello blu circonda l’occhio è in realtà lo stesso occhio capovolto ingrandito, prima del confine dell’ inversione polare. Questo è un esempio di un comportamento fondamentale di spazio- che di una condizione al contorno . Il mondo materiale è formato per mezzo di condizioni al contorno. Ogni atomo è fatto individuale e distinta da una condizione al contorno, mentre simultaneamente condivisione di una connessione con l’universo è una parte costitutiva. Qui la luce immateriale dimostra questa impresa misteriosa e fondamentale per mezzo della forma universale della sfera.

Questo effetto di prossimità stavo osservando sfidato alcune riflessioni fondamentali che ho avuto per quanto riguarda la luce in vicinanza. Si potrebbe naturalmente pensare che la luce che cade su una sfera, semplicemente cade su una sfera non diversamente indipendentemente da quanto vicino o quanto era in relazione alla sfera. Voglio dire, non vedete l’immagine del paesaggio capovolto dal lato destro all’interno di una porzione dell’immagine che si crea? Cosa c’è di diverso dalla luce che ha colpito la sfera da diversi piedi di distanza rispetto alla luce che ha colpito la sfera da 2 pollici di distanza? Forse la luce è più di particelle fotoniche o di onde che viaggiano attraverso lo spazio vuoto disconnesso? Forse vi è infatti un campo magnetico “eterico”, che definisce lo spazio in un modo che si comporta in conformità con le leggi armoniche immutabili che non abbiamo ancora imparato?

Era evidente vi è infatti una geometria definitiva che impone questo processo, ho dovuto trovare metodi per rivelare ciò che stava accadendo con i raggi di luce. Ho deciso di studiare la sfera come vorrei tramite un prisma. Usando solo la luce del sole, eliminando la prossimità della sorgente luminosa possa essere un fattore nella geometria prospettiva. Per esempio, una torcia elettrica, per la vicinanza magnificata ombre in un angolo e lanciare una prospettiva e mi darebbe misurazioni meno ideali degli effetti di lente e rifrazione generati dalla sfera. Il sole però è virtualmente a ciò che noi chiamiamo una distanza infinita. Nella geometria, a distanza infinita, oggetti tridimensionali appaiono bi-dimensionali. Le ombre proiettate da un oggetto da raggi di luce del sole sono perfettamente parallele. Così il sole fornirà una misura ideale e costante nei fenomeni risultanti.

Il primo metodo che ho provato era di creare vapore acqueo intorno alla sfera e fotografare il comportamento dei raggi solari. Questo metodo ha rivelato in modo spettacolare uno dei comportamenti chiave della lente sferica – il punto focale.

Rifrazione Sferica by Clay Taylor

Rifrazione Sferica by Clay Taylor

Il Punto focale

Qui vediamo tutto alla luce del sole che ha colpito l’emisfero adiacente, con particolare attenzione a un certo punto. Vediamo questa luce apparentemente curva a mezz’aria come un imbuto, con un raggio centrale incredibilmente luminoso che si ferma improvvisamente in un punto costante e determinante nello spazio. Come una lente di ingrandimento della forma ideale, questo fascio è estremamente concentrato e potente e ha bruciato molte cose che possiedo in procinto di ottenere la sua foto scattata. Sembra quasi innaturale, anche, come una “spada laser” direttamente da Star Wars. Perché il fascio di luce termina a mezz’aria in un punto così definitivo? Come si curva a mezz’aria esternamente alla sfera?

Utilizzando l’esempio dell’immagine della sfera con l’occhio, è all’interno della vicinanza di questa luce cono che il sole (se fosse un osservatore stesso) avrebbe essenzialmente vedere l’immagine dell’occhio come lato destro alto. Al di fuori di questo cono di luce, l’occhio sarebbe osservata dal sole come capovolta. Il confine di questo cono di luce è dove l’occhio si è ingrandita al cerchio che circonda l’immagine corretta all’interno di esso. Questa condizione al contorno è un caratteristica neutra una condizione di inversione polare interscambio / polare è un concetto fondamentale per capire quando si cerca di comprendere campi magnetici e teoria atomica. Come si può vedere documentata a immagine di questo imbuto luce, condizioni al contorno neutro (che sono stati dati molti nomi nel corso del tempo, come il campo dielettrico e molti altri) possono assumere diverse forme geometriche. Esso può essere un punto, una circonferenza, un aereo, un cono, un asse, un equatore e come rivelato in campi magnetici, una spirale di quiete bilanciare le correnti di polarità magnetica opposte nel campo magnetico universale sono un costituente. Questo elemento neutro è uno dei componenti di base tridimensionale di spazio-tempo e tutte le sue manifestazioni dell’energia.

Da consultare anche il sito di Jon DePew link : www.coralcastlecode.com

Sono stato in grado di effettuare una misurazione precisa di questa caratteristica della luce. Come previsto, ho trovato il punto focale di estendere ad una distanza pari alla metà del raggio della sfera. In teoria musicale, ciò rappresenterebbe l’ottava. Si potrebbe dire il punto focale della sfera mantiene sostanzialmente il tono fondamentale della luce solare geometricamente.

L’imbuto luce emerge da un cerchio uguale a 20 gradi di diametro di 360 gradi della circonferenza della sfera, che dividono la circonferenza esattamente 18 volte.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Ho citato sopra il concetto di punto di vista del sole nel descrivere ciò che stava avvenendo qui. Beh, sono stato anche in grado di catturare ciò che il sole vedrebbe dal suo “punto di vista”. Ho dovuto fotografare la sfera da molto lontano con una fotocamera abbastanza piccola da oscurare il sole per quanto più era possibile farlo.

La Vista dall’occhio degli Dei

Io chiamo questo, “Vista dall’occhio degli dei” La circonferenza esterna e il punto direttamente in mezzo sono assolutamente illuminati con i soli propri della luce riflessa. Questa vista dei soli forse di quello che Jon DePew chiama “la particella neutra della materia.” Mi ricorda l’antico simbolo egizio per il Sole, o Amon Ra. Vedremo questo fenomeno rivelato in dettaglio più avanti.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Sapevo che c’era molto di più da trovare. Mentre stavo studiando la teoria dei colori e la rifrazione della luce, al momento, ero intento a mappare gli effetti di rifrazione prodotti della sfera.

Da consultare l’articolo al seguente link : https://www.artofclaytaylor.com/single-post/2016/08/22/The-Magnetic-Spectrum-of-Inertial-Polarization

Da consultare l’articolo al seguente link : https://www.fortunadrago.it/2839/la-luce-il-buio-e-i-colori/

Il mio metodo per rivelare ulteriormente questi effetti è stato quello di dividere in qualche modo la sfera al suo piano centrale parallelo ai raggi del sole. Per fare questo, ho prodotto un grande, dritto e carta sottile e tagliare un foro in esso esattamente la dimensione della sfera. La vestibilità sfera in esso come un guanto. Inclinando il bordo della carta direttamente verso il sole per ridurre la sua ombra, per quanto possibile, sono stato in grado di rivelare tutti i fenomeni luminosi che si sono verificati sulla sua superficie piana senza limitare alla luce solare l’accesso alla sfera stessa.

Ecco alcune delle immagini che ho prodotto in questo processo:

Questo ha rivelato un mondo molto più elaborato nascosto della luce di quanto mi aspettassi, con una moltitudine di comportamenti leggeri specifici. E ‘veramente mi ha lasciato a bocca aperta per la parte migliore di una settimana … e non vorrei far finta che non ha ancora timore di lasciarmi!

Ancora una volta, il sole mi ha fornito comportamenti costanti e misure definitive. Queste caratteristiche erano presenti in qualsiasi momento i raggi elettromagnetici del sole di luce venivano indotte all’interno di questa sfera di vetro. E non fare errore su di esso, che è esattamente ciò che stiamo studiando qui- le geometrie di induzione elettromagnetica e rifrazione.

Anatomia della Rifrazione Sferica

Ho preso le misure dettagliate di tutti gli angoli e le posizioni e grandezza di queste molte caratteristiche ottiche e riprodotto il più esattamente possibile in questa immagine singola. È importante comprendere che tutti questi angoli e proporzioni verrebbero mantenuti indipendentemente dalle dimensioni della Sfera ed i rapporti dei fenomeni luminosi sono tutti scalate insieme con le dimensioni della sfera.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Quello che vediamo in questa immagine come linee angolate sono in realtà coni tipo-arcobaleno (come un dato di fatto, sono la fonte dei fenomeni arcobaleno.) Le singole rette sono i raggi. C’è una linea orizzontale che è un arcobaleno davvero affascinante che si estende come un disco piatto perfetto dal fronte della sfera. È possibile vedere i cilindri perfettamente paralleli che sono l’ombra della sfera e la luce riflessa ritornare verso il sole dalla circonferenza dell’emisfero lato sole. Un raggio centrale riflette come ben questo è il cerchio illuminato e punto di luce che abbiamo visto nel “Vista dall’occhio degli dei”.

Qui ci sono entrambi gli emisferi in maggior dettaglio, click to expand:

Chiaramente ci sono molte dinamiche disponibili per essere sezionato in dettaglio. Ho iniziato impostando i miei set sulle caratteristiche principali della rifrazione, con la speranza che rivelerebbero un principio guida.

Direttamente parallele ai raggi solari si estendono due fasci spettro spettacolari, uno riflette direttamente verso il sole dalla punta del fronte dell’emisfero sole e altro fascio esteso esattamente dalla parte opposta. Ancora una volta, queste travi avevano distanze definite, che termina in un punto come se dovessero dissolversi nel nulla. Mi aspettavo che avrei trovato il rapporto aureo Phi a dirigere questi comportamenti.

Phi e spettro magnetico

Ho preso le loro misure e analizzato proprio come ho fatto le lunghezze d’onda dei colori nel mio progetto rifrazione ho collegato in precedenza (ho trovato rapporti phi che determinano le lunghezze d’onda centrali di tutti i colori che hanno portato al processo di rifrazione.) Come è la dimensione della la sfera stessa che gestisce le scale di questi fasci, ho misurato il rapporto del 3 di loro insieme. L’ ampio raggio di punta lontano dal sole meno il diametro della sfera al diametro della sfera meno il raggio più piccolo che punta verso il sole mi ha dato il rapporto Phi!

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Questo è il modo che ho più volte usato per trovare phi quando si studia la luce e l’elettromagnetismo. Come si ottiene un rapporto di due valori tra 3 oggetti? Si potrebbe trovare nella differenza tra il 3. Inoltre, se qualcosa ha una grandezza di sorta, come un diametro nel caso di questa sfera, o una lunghezza d’onda o frequenza nel caso di luce e colore, la differenza tra grandezze possono prevedere un rapporto, dal momento che non hanno altrimenti a che fare con i punti adimensionali.

Questa scoperta fenomeni luce ulteriormente dimostrato a me premessa di Jon DePew in materia di energia (anche molto sfuggiva a da altri come Ed Leedskalnin e Walter Russell e innumerevoli antiche filosofie e gli insegnamenti tramandati nel tempo in maniera innumerevole.) Tutta l’energia è composto da 2 opposti correnti magnetiche e le particelle neutre di materia, e che il valore intrinseco finale tra queste 3 cose è Phi (che non dovrebbe essere limitata al singolo rapporto numerico prescritto ad esso, ma piuttosto come dividendo/rapporto equale di qualcosa.) vedere alcuni dei lavori di Jon al sito  : www.coralcastlecode.com

È come se il sole e la sfera si concordano perfettamente. Quale migliore analogia con una “particella neutra della materia” di una Sfera chiara e trasparente con l’energia della luce che la colpisce viene perfettamente divisa in due opposti raggi dello spettro magnetico in proporzione aurea alla sfera come particella neutra in sé?

Naturalmente, ho trovato phi manifestarsi nella geometria dei fenomeni luminosi anche in molti altri modi. Per esempio, il centro della sfera all’inizio del fascio spettro miniatura sporge appena sopra la sua superficie rispetto alla parte superiore della trave spettro estende oltre che uno:

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

Questo mi porta a una caratteristica sorprendente di rifrazione sferica che vorrei concludere su per ora.

Come si può notare, queste travi spettro sono arricchiti da un cono di rifrazione e una colonna centrale di luce bianca. Un cono di luce arcobaleno emerge dalla superficie della sfera e converge verso un punto, da dove è sostanzialmente invertita là mentre si espande quindi oltre questo punto. Sì … un altro concetto difficile da trasmettere a parole.

Se avete tenuto un pezzo di carta perpendicolare al cono di luce, si vedrebbe che viene proiettato un arcobaleno circolare che farebbe diminuire in termini di dimensioni quanto più si è vicini al colore centrale della luce verde, da dove il cerchio sarebbe quindi espandere con le posizioni del colori all’interno l’arcobaleno invertito. Ad un punto, ogni colore ha il suo centro in questo processo che si manifesta radialmente nel fascio di luce colorata.

Ecco un video che ho preso di questo fenomeno esatto:
Video link : https://youtu.be/LpbOj05Ut-I

Un fatto notevole è che l’angolo che il cono di luce arcobaleno assume il lato che riflette indietro verso il sole è molto antica e celebrata una, molto legata a innumerevoli costanti matematiche. L’angolo che porta al centro di questo fascio spettro nella posizione di luce verde (posizione centrale dello spettro di luce visibile) è pari a 51,84 gradi dal piano centrale perpendicolare della sfera.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

rullo di tamburi … questo è l’angolo di inclinazione della Grande Piramide di Giza!

 Inoltre, se fossi di includere il design della piramide, la superficie della sfera sarebbe uguale altezza al piano della “Camera del Re”. Questo fascio spettro più piccolo avrebbe cominciato a lo stesso livello ed estendere alla parte superiore del soffitto della “Grande Galleria”. La camera della regina andrebbe a toccare il disco arcobaleno in rifrazione orizzontale e molto altro ancora.

(c) Clay Taylor 2017

(c) Clay Taylor 2017

La realtà di questa antica struttura stupefacente è sempre di gran lunga più strana della fantascienza stessa …

Beh, ho bisogno di fermarsi da qualche parte. Spero vi sia piaciuto questo incursione nel mondo segreto della luce e guadagnato un po ‘di apprezzamento per la forma sferica universale della natura!

Vi lascio con la mia poesia dal titolo, “The Riddle of the Sphere” (l’indovinello della sfera)

My outside faces in, my inside faces out, but only when you try for once to finally figure me out.

I am the perfect shape, within and without my equal mates, those who think me flat haven’t turned me all about.

I was the center of the universe, yet I orbit my own sun.

Those who think we three are different, would be surprised that we are one.

Traduzione :

Nei miei volti esterni, il mio intimo si affaccia, ma solo quando si tenta per una volta di capirmi finalmente figuro fuori.

Sono la forma perfetta, dentro e fuori i miei uguali compagni, quelli che pensano di me piatto non sono ancora rivolti a me.

Io ero il centro dell’universo, ma in orbita nel mio sole.

Coloro che pensano che noi tre siamo diversi, rimarranno sorpresi che siamo uno.

Tratto dal link originale : https://www.artofclaytaylor.com/single-post/2017/02/07/Spherical-Refraction—The-Relationship-Between-Light-and-the-Universal-Shape

(c) Clay Taylor 2017

Tradotto con google, traduzione rivisitata.