Evento di Tunguska

 

Attenzione per navigare nel sito fare riferimento alla SITEMAP

Tunguska nel 1908 e Oggi

La mattina del 30 giugno del 1908, in Tunguska, una remota regione della Siberia, qualcosa attraversò il cielo e andò a schiantarsi sulla terra, incendiando e distruggendo circa 3.000 km2 di foresta. La potenza dell’esplosione fu valutata pari ad una nucleare di 20 megatoni.

L’accaduto rimase un mistero inspiegato e diede origine a ipotesi contrastanti. Alcuni parlarono di una collisione della Terra con l’antimateria di un buco nero. Secondo gli ufologi però si trattò della disintegrazione di una navicella per effetto dell’atmosfera terrestre.

Scienziati sovietici sostennero di aver rilevato sul terreno un alto grado di radioattività che venne attribuito al motore a propulsione dell’astronave. I calcoli fatti sulla traiettoria stabilirono che l’oggetto aveva rallentato e questo portò alcuni a sostenere l’ipotesi che i passeggeri del mezzo fecero il possibile per non schiantarsi sul centro abitato.

Già nel suo laboratorio a Colorado Springs, Nikola Tesla studiando le onde stazionarie “registrò” alcune tracce di ciò che credeva fossero segnali radio extraterrestri; ciononostante i suoi pubblici annunci e i dati che aveva rilevato furono duramente respinti dalla comunità scientifica. Tesla aveva notato alcune misure di segnali ripetitivi dal suo ricevitore, che erano sostanzialmente differenti da quelli registrati durante i temporali e dal rumore terrestre. Nello specifico, egli ricordò più avanti che i segnali apparivano in gruppi di uno, due, tre e quattro scatti insieme.

Audio tratto dal progetto “Space Balloon” la registrazione è stata effettuata ad un’altezza di 30.000 ft (circa 10.000 mt)

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Tesla lasciò Colorado Springs il 7 gennaio del 1900: il suo laboratorio fu demolito e le sue apparecchiature vendute per pagare i debiti. Gli esperimenti compiuti in Colorado prepararono Tesla per il suo progetto successivo, la costruzione di un’infrastruttura per la trasmissione senza fili di potenza, che sarebbe divenuta meglio nota come Wardenclyffe che verrà progettata e costruita non solo come un trasmettitore ma anche come un ricevitore.

La mia Ipotesi alla quale si aggiungono le numerose altre è che Tesla abbia ricevuto questo segnale di provenienza extraterrestre utilizzato come “portante” per l’alimentazione eterica di qualche astronave aliena ed abbia commesso l’errore d’amplificarlo ritrasmettendolo (creando inconsapevolmente e di fatto un’arma).

Sul veivolo ricevitore presi completamente alla sprovvista dall’immenso sovraccarico d’alimentazione devono aver avuto solo il tempo materiale per spostarsi velocissimamente in qualche desolata regione (in questo caso Tunguska) dove la successiva esplosione non causasse danni e vittime innocenti.

Documentario Russo con sottotitoli in Italiano

Ulteriore investigazione molto accurata dell’evento di Tunguska a cura di giallop

Il Mistero della Tunguska – https://www.fortunadrago.it/

Geolocazione :

Visualizzazione ingrandita della mappa

FB Comments

comments

  7 Responses to “Evento di Tunguska”

  1. D’accordo con il fatto che c’entra Tesla, ma senza scomodare gli UFOs che di fatto da tanto tempo sorvegliano l’evoluzione e/o involuzione del nostro pianeta, riterrei più realistica una spiegazione più semplice, se semplice può nei fatti concreti esser classificata, di un rimbalzo dell’energia prodotta dalle apparecchiature
    di Tesla, la Wardernclyffe, che abbiano colpito con immane forza e potenza, partendo da Colorado Spring e finendo per rimbalzare su Tunguska. Ma questa è comunque una teoria come le altre, senza pretesa di dire alcunché di novità ed eccezionale.

  2. C’è un particolare che nell’epoca della Wardenclyffe, il laboratorio di Colorado Spring era stato smantellato, i pezzi venduti per ripagare i debitori.

  3. fu un meteorite e ciò è dimostrato dal suolo acido a causa delle piogge che seguirono , mio padre udì raccontare dagli abitanti negli anni della prigionia in Russia che gli stessi all’epoca percepirono dopo lo schianto odore di zolfo ed altri metalli

  4. Ehm, non per fare il gustafeste, lo scettico e altro, ma la storia narrata cosi’, in questo articolo, riporta vicende alquanto fantasiose (oppure e’ stata modificata di proposito dall’autore per ottenere l’effetto desiderato). La verita’ e’ che a tunguska, di misteri, ce ne sono pochi, se non 0. Il presso del presunto schianto e’ stato solamente terra di atterraggio per un meteorite, la quale onda d’urto causo’ la distruzione della foresta circostante, la presenza del cratere meteorico inoltre, studiata e confermata, lascia pochi dubbi all’interpretazione… Radioattivita’ nel sito a causa dei motori alieni? Buchi neri? Ma ci rendiamo conto di cosa si scrive prima di scriverlo? Ma le fonti dove le prendete? La radioattivita’ nella zona era assolutamente nel range normale, buco nero vicino al nostro pianeta? oltre al fatto che i buchi neri non si creano cosi’ dal nulla, e non ce ne sono nei pressi del nostro caro bel pianeta, nell’eventuale ipotesi riportata, non saremmo qui a discuterne in quanto saremmo stati spazzati via dall’universo… L’ultimo pezzo poi, in cui Tesla ritrasmette il segnale alieno incasinando l’astronave, dire che ha del fantascientifico e’ riduttivo, e non solo, e’ un insulto a persone che, come Tesla, hanno sacrificato anni della loro vita alla ricerca scientifica. Alieni che controllano il nostro pianeta. Vorrei tanto che i sostenitori della teoria aliena leggessero 1(e dico 1, non 50) libri che trattano della materia uomo, tempo e universo e come sono interconnessi, prima di pubblicare informazioni per le quali non si ha uno straccio di dato. Ah dimenticavo, l’informazione Italiana e’ basata completamente su questo meccanismo…

  5. @Maciej con buona pace dell’informazione Italiana, ho dichiarato ch’è una mia Ipotesi, fantasiosa certo, ma è un’ipotesi e sempre tale rimane.
    L’unica cosa certa di Tunguska è stata l’esplosione e ch’è avvenuta dall’alto!
    Tutto il resto è da dimostrare! cmq nella pagina ho allegato un’interessante lavoro d’investigazione di “giallop” a quest’indirizzo:

    http://scenario-tunguka.blogspot.com/

  6. @Maciej. Però pure tu stai dicendo cose che a me non risultano, visto che il mistero è nato proprio a causa dell’assenza del cratere d’impatto. In realtà per poter corroborare l’ipotesi del meteorite si è dovuto ipotizzare che si trattasse di un corpo composto in buona parte di ghiaccio e neve che è deflagrato prima dell’impatto al suolo a causa del surriscaldamento per l’attritto. Tuttavia non sono ben chiare le modalità della deflagrazione e la presenza di radioattività (veramente alta). Si pensa fosse un corpo radioattivo, ma ripeto non vi è nulla di ben spiegato. Una certa dose di mistero rimane.

  7. Ma perchè non può essere stato direttamente Tesla a produrre una esplosione di questo tipo tramite i suoi esperimenti fatti con la Torre di Wanderclift ?
    Ebento di Tunguska 1908
    Esperimenti con Torre di Wanderclift tra il 1905(anno del completamento) e 1917(anno della distruzione)
    La tecnologia HAARP , sviluppata in ambito militare basandosi su lavori di Tesla, è ritenuta in grado di mutare il tempo, causare terremoti.