Lume Eterno (Lux Aeterna)

 

Schema di un Lume Eterno

Estratto da : “SUL POSSIBILE SIGNIFICATO ESOTERICO DEGLI SCRITTI DEL PRINCIPE DI SAN SEVERO” di Paolo Galiano

Il Principe Raimondo di Sangro nella sua opera del 1756 “DISSERTATION SUR UNE LAMPE ANTIQUE TROUVÉE A MÜNICH EN L’ANNÈE 1753”
di carattere scientifico verte su di una scoperta casuale concernente una materia fatta di “Fosfori” “della consistenza di un butirro (formaggio) molle in tempo di estate” (pag. 3) provenienti dalle ossa umane e in particolare da quelle del cranio (pag. 26), capace di accendersi se accostata ad una fiamma e di durare per un tempo lunghissimo senza mai consumarsi: infatti il Principe spense per accidente la prima dose di essa dopo 92 o 93 giorni (dal 30 novembre al 2 marzo, per la precisione – pag. 9). Da qui il nome di “Lume eterno o sia perpetuo” dato alla sua scoperta dal Principe (Lettere
pag.18), il quale decise di adoperare tale materiale per fare un Lume perpetuo nella Cappella di famiglia.
La perpetuità del Lume, scrive il Principe, è connessa alla capacità che esso ha diassociare a sé le “particelle ignee elementari “ di cui l’atmosfera è ricca: “la durata del suddetto mio lume dipende da quel
nuovo alimento, che si procaccia dalle parti ignee, delle quali è pregna la nostra atmosfera”.

[Il che significa (se vogliamo dare una chiave di lettura) un Lume Eterno ha la possibilità di intercettare le particelle elementari di cui è formato l’etere (le cariche libere mono-magnetiche presenti anche nell’aria) e trasformarle , creando materia combustibile.]

Queste “particelle ignee elementari“ (le “salamandre” di cui parla De Sangro, dai nterpretare come Spiriti del Fuoco etereo) che “scendono” sulla fiamma del Lume e la “rinforzano”, raffigurate da Fludd come fuochi che piovono sulla Terra, sono in modo particolare connesse al “luogo” dell’operazione del Principe, Napoli: “la materia del mio lume riceve il compenso del picciolissimo peso che perde da tanti corpiccioli che nuotano nell’aria [Bioni?] , e specialmente dai vitrosi e dai sulfurei, dai quali, per cagione delle solfatare e del monte Vesuvio, tanto abbonda il nostro Paese” (Lettere a Giraldi pag. 63)

Infine il Principe ci fornisce un’ulteriore informazione circa la “materia” con cui ha formato il suo “Lume perpetuo”: “da certi mesi sono comparse nella superficie [della materia dicui è fatto il Lume] alcune strisce d’un color rosso, cotanto vivo che supera il colore del sangue.
Io vado a giudicare che in questa sua porzione di color sanguigno consista tutta la virtù produttrice di sì rare proprietà e che inoltre ha in sé la virtù di attrarre il fuoco elementare che si trova sparso nella nostra atmosfera” (Lettere pagg. 49 – 50)

Raimondo di Sangro – Incisione – Il Lume Eterno

Testo : Raimondo di Sangro, incisione rappresentante il Lume Eterno mostrato dal Rabbino di Costantinopoli al Barone Andrea di Kempelen (in data imprecisata)
Recita la scritta a spirale : “Io Rabbino Levi figlio di Abib di Gerusalemme Città Santa ho coperto questo vaso con dell’oro per in suo ornamento, e in esso vi è il fuoco nascosto e meraviglioso, e io l’ho adornato per la sua conservazione, e l’ho forato per un pronto uso. L’anno della Creazione del Mondo 5292”

N.B. Facendo qualche calcolo , se al settembre 2012 , festeggiano il 5773 capodanno ebraico , allora 5773-5292 = 481 anni …
2012-481 = 1531 anno di fabbricazione del manufatto!

Traduzione Tratta dal sito : http://www.thebookofaquarius.com/read/31

Le lampade sono stati trovati in tutto il mondo che hanno bruciato per centinaia di anni senza alcuna fonte di potenza apparente. Il parere “scientifico” è che ci deve essere stato un olio segreto ben piena d’olio per la lampada, anche se non hanno mai trovato uno. Ma non è una sorpresa … la sua alchimia di nuovo.

Io non sono del tutto sicuro di come fare una lampada everburning. Dalla mia comprensione ha bisogno di essere in un contenitore ermetico, lo stoppino deve essere fatta di un materiale che non brucia (forse fatta da alchimia anche), e poi basta solo mettere un po ‘della Pietra nell’olio (o forse no olio e appena la Pietra disciolto in acqua).

Ho trovato un bel articolo su Internet con qualche buona ricerca e la storia sulle lampade everburning. Io vado a citare questo, invece di scrivere le lampade me. L’autore di questo articolo è un ricercatore di storia alternativa chiama Ellen Lloyd. Ellen pensava che le lampade sono state realizzate con una tecnologia aliena, che non è così lontano dalla verità, e forse più credibile della verità. Ma non c’erano alieni, solo gli esseri umani con la Pietra Filosofale.

“Ora la Casa di Salomone, il re era illuminata come di giorno, perché nella sua saggezza aveva fatto splendente perle che erano simili a il sole, la luna e le stelle sul tetto della sua casa.”

(Da: “La regina di Saba e la sua Menyelek Only Son”)

Immaginate di trovare una lampada accesa piccola nascosta in profondità in un caveau antica. Questa lampada misteriosa, che è in perfetta conservazione, ha bruciato continuamente senza carburante per gli ultimi 2.000 anni. Che cosa pensi della tua scoperta notevole?

Molto probabilmente si dovrebbe chiedere se la lampada prezioso che si sta tenendo tra le mani è un oggetto magico, opera di Dio, o forse alcuni poteri maligni. Potrebbe questo antico tesoro essere una prova di tecnologia altamente avanzata? Forse i nostri antenati di scoprire il segreto della luce eterna?

Anche se può sembrare incredibile, e per alcuni anche alcuni risultati impossibili straordinarie mostrano chiaramente che la luce perpetua era piuttosto comune nella preistoria. Ho a che fare con l’avanzata tecnologia antica “Voci da tempi leggendari” in larga misura. Nel mio libro scoprire una serie di strani enigmi da tutto il mondo. Luce perpetua è una tecnologia antica che, per questo oggi rimane un mistero.

Durante il Medioevo un certo numero di lampade sempre accese sono stati scoperti in antiche tombe e templi. Sulla base di antichi documenti si apprende che questi misteriosi oggetti sono stati trovati in tutto il mondo, in India, Cina, Sud America, Nord America, Egitto, Grecia, Italia, Regno Unito, Irlanda, Francia e molti altri paesi.

Purtroppo, saccheggiatori, dai vandali, e scavatori superstiziosi che temevano che questi oggetti possedeva poteri soprannaturali ha distrutto molte delle lampade.

Come tutti sappiamo, il Medioevo non può essere caratterizzato come un periodo particolarmente scientifico. E ‘stato un periodo buio per coloro che persuaso conoscenza. Eppure, la curiosità è una parte della natura umana e ci si interroga. Come gli antichi erano in grado di produrre lampade, che possono bruciare senza carburante per centinaia, e in alcuni casi migliaia di anni? Da chi ha i nostri antenati guadagnare la loro conoscenza segreta?

Naturalmente, il tema della luce perpetua è diventata rapidamente una polemica e le opinioni tra le autorità erano divisi. Alcuni autori hanno respinto l’idea di una fiamma senza fine, nonostante le prove che hanno dovuto affrontare con. Un piccolo gruppo di più persone dalla mentalità aperta e illuminata confermato l’esistenza di, se non eterna, poi la luce, almeno molto di lunga durata. Molti, d’altra parte ha accusato i sacerdoti Pagani di eseguire giochi intelligenti. Tuttavia, la maggioranza dei “imparato” gli uomini ha preso atto delle conclusioni insolite e ha dichiarato le lampade perpetue essere un lavoro del diavolo. Si trattava di una spiegazione comune nel Medioevo. Non appena qualcosa era sconosciuto, di origine pagana o non conforme alle norme stabilite dalla Chiesa primitiva romana è stato etichettato come un’invenzione delle forze oscure, il diavolo ei suoi demoni.

Alcuni hanno ipotizzato che le società segrete ebraico ha conservato ciò che in tempi moderni è conosciuto come l’elettricità. Ad esempio, lo scrittore occulto Eliphas Levi [non credere questo ragazzo, lui è così teatrale] racconta una storia curiosa nel suo libro “Historie de la Magie”. Racconta di un certo rabbino misteriosa francese di nome Jechiele che era un consigliere alla corte di Luigi XIII secolo IX. A quanto pare, Jechiele possedeva una lampada che aveva l’abitudine di piazzare davanti alla sua casa per tutti da vedere. La “luce abbagliante che si alleggerito” non possedeva olio o stoppino. Quando il rabbino è stato chiesto circa la fonte di energia, rispondeva sempre che era un segreto. Jechiele, ovviamente sperimentato un bel po ‘con l’elettricità. Per difendersi dai nemici, ha inventato un pulsante di scarico che ha inviato una corrente elettrica nel battente di ferro alla sua porta. È scritto che, quando Jechiele “toccato un chiodo conficcato nella parete del suo studio, una scintilla scoppiettante bluastro immediatamente balzato indietro Guai a chi tocca il battente di ferro in quel momento;. Avrebbe piegarsi in due, urla come se fosse stato bruciato , poi sarebbe scappato veloce come le gambe potevano portarlo. ”

Ci sono state molte speculazioni riguardo fonte segreta di energia delle lampade perpetue “. Durante il Medioevo e in seguito molti grandi pensatori cercato di risolvere il problema di come preparare carburante che si rinnova più rapidamente come è stato consumato. Tuttavia, nessuno degli esperimenti condotti era veramente successo. Si è rivelato impossibile produrre una copia di un sempre più ardente lampada. Gli antichi ‘la tecnologia è rimasta sconosciuta.

I primi conti di una fiamma divina, una fonte di luce eterna si trovano in vari testi mitologici. Le descrizioni della fiamma eterna, che era considerata una parte del fuoco divino, sono strettamente connesse con gli dèi. Il dio greco Prometeo fu punito per aver dato fuoco al genere umano. Il segreto della fiamma eterna è stata considerata di esclusiva proprietà degli dei. La conoscenza della luce eterna non deve essere passato sopra agli esseri umani. Tuttavia, sembra che alcuni degli dèi stranieri disobbedito e ha rivelato il loro segreto divino per l’umanità. Quando gli esseri umani impararono a produrre luce perpetua, in tutto il mondo templi sono stati dotati di altare fiamme eterne.

Secondo gli antichi Egizi, Greci e Romani la tradizione, una persona morta, potrebbe essere necessario un po ‘di luce sulla strada di suo o la sua per la Valle dell’Ombra. Pertanto, prima che la tomba fu sigillata era abituare per effettuare un sempre ardente all’interno della lampada. La lampada servito come offerta al dio dei morti e ha mantenuto gli spiriti maligni. La sua luce anche offerto il defunto gli orientamenti necessari durante il viaggio agli Inferi. Centinaia di anni dopo, quando sono state aperte le volte scavatori hanno trovato le lampade in perfette condizioni e ancora bruciando.

Finora abbiamo solo parlato in termini generali circa l’esistenza della luce perpetua nell’antichità. È stato stimato che ben 170 autori medievali hanno scritto sulle fenomenali e misterioso sempre accese lampade. Diamo ora uno sguardo ad alcune delle scoperte notevoli.

Plutarco scrisse di una lampada che ardeva sopra la porta di un tempio dedicato a Giove Ammone. Secondo i sacerdoti, la lampada è rimasta accesa per secoli senza carburante e né vento né pioggia potrebbe metterlo fuori.

Sant’Agostino ha descritto un egiziano tempio sacro a Venere con una lampada che vento e acqua non poteva estinguere. Egli ha dichiarato che sia il lavoro del diavolo.

Nel 527 dC, a Edessa, in Siria, durante il regno dell’imperatore Giustiniano, i soldati scoperto una lampada sempre ardente in una nicchia nel corso di un gateway, elaborato allegato per proteggere dall’aria. Secondo l’iscrizione, è stata accesa nel 27 dC La lampada era bruciato per 500 anni prima che i soldati che ha trovato, lo distrusse.

In 140, nei pressi di Roma è stata trovata una lampada brucia nella tomba di Pallade, figlio di re Evandro. La lampada, che era stata accesa per oltre 2.000 anni, non poteva essere spenta con metodi ordinari. Si è scoperto che né acqua né soffiare sul fuoco si è fermato dalla combustione. L’unico modo per estinguere la fiamma era notevole per drenare il liquido strano contenuto nella vasca lampada.

Intorno al 1540, durante il pontificato di Paolo III, una lampada ardente è stata trovata in una tomba sulla via Appia a Roma. La tomba si credeva appartenere al Tulliola, la figlia di Cicerone. Morì nel 44 aC La lampada che aveva bruciato in volta sigillato per 1.550 anni è stato spento quando esposto all’aria. Interessante di questa particolare scoperta è anche il liquido sconosciuto trasparente in cui il defunto è stato galleggiare. Mettendo il corpo in questo liquido, gli antichi riuscita a conservare il cadavere in una buona condizione che sembrava come se la morte era avvenuta solo pochi giorni fa.

Quando il re Enrico VIII si staccò dalla Chiesa cattolica nel 1534, ordinò la dissoluzione dei monasteri in Gran Bretagna e numerose tombe sono state saccheggiate. In Yorkshire, una lampada che arde è stato scoperto in una tomba di Costanzo Cloro, padre di Costantino il Grande. Morì nel 300 dC il che significa che la lampada era stata bruciare per più di 1200 anni.

In Francia, vicino a Grenoble, nella metà del XVII secolo, un giovane soldato svizzero accidentalmente imbattuto l’ingresso di una tomba antica. Purtroppo, per il giovane non ha scoperta dei tesori d’oro che pensava potesse essere nascosta all’interno. Eppure, la sua sorpresa deve essere stata altrettanto grande quando era di fronte a una lampada di vetro ardente. Du Praz, che era il nome del soldato rimosso la lampada misteriosa dalla tomba sigillata e lo portò in un monastero. Mostrò la sua scoperta notevole ai monaci attoniti e la lampada è rimasta al monastero. E ‘bruciato per parecchi mesi fino a quando un anziano monaco è caduto ed è stato distrutto.

Alcune scoperte indicano che gli antichi volevano conservare la loro conoscenza segreta.

Nelle sue note a S. Agostino, 1610, Ludovicus Vives scrive di una lampada che si trovava ai tempi di suo padre, nel 1580 dC Secondo l’iscrizione, la lampada ardeva per 1500 anni, tuttavia quando è stato toccato cadde in pezzi. Ovviamente, Ludovicus Vives non condividere alcune delle opinioni di Sant’Agostino. Egli considerava le lampade perpetue come un’invenzione di uomini molto saggi e competenti e non il diavolo.

Erano i Rosacroce familiarità con i segreti della luce eterna? Sembrerebbe di sì. Quando la tomba di Christian Rosenkreuz, alchimista e fondatore dell’Ordine Rosacrucian è stato inaugurato 120 anni dopo la sua morte, a lampada che brilla è stato trovato all’interno.

Un altro caso interessante da segnalare è verificato in Inghilterra, dove è stata aperta una tomba misteriosa e più insolito. Si credeva che il sepolcro era di un Rosacroce. Un uomo, che scoprì la tomba, notò una lampada che arde appesa al soffitto, illuminando la camera sotterranea. Come l’uomo ha preso alcuni passi in avanti, certa parte del pavimento si trasferì con il suo peso. Subito, una figura seduta in armatura ha iniziato a muoversi. La figura si alzò in piedi e ha colpito la lampada con una sorta di arma. La lampada preziosa è stata distrutta. L’obiettivo era stato raggiunto; sostanza della lampada è rimasta un segreto.

Le scoperte che ho citato in questo articolo sono solo una piccola rappresentanza di tutti i risultati notevoli in tutto il mondo. Chissà quante più lampade bruciano ancora nascosti in antiche volte, da scoprire e protetti dal mondo esterno.

Gli antichi avevano familiarità con la luce perpetua. Come Eliphas Levi sottolinea: “è certo che i Magi zoroastriani di mezzi di produzione e regia di energia elettrica a noi sconosciute.”

Sì, in effetti e gli antichi Egizi, Greci, Romani e di altre culture possedevano la stessa conoscenza. Il re Salomone era un uomo saggio quando scrisse:

“… Non c’è niente di nuovo sotto il sole. C’è qualcosa di che si può dire, Vedi questa è una novità? E ha avuto già dai tempi antichi che era davanti a noi.”

Il mistero dei Lumi Eterni che ardono, da Ellen Lloyd, 23 agosto 2006

FB Comments

comments