Pier Luigi Ighina

 
PierluigiIghina

Pier Luigi Ighina nasce a Milano il 23 Giugno del 1908 e  muore a Imola l’8 Gennaio 2004.

Fu discepolo e collaboratore di Guglielmo Marconi : è uno scienziato pressoché sconosciuto al pubblico, perché le sue scoperte ed invenzioni non hanno ottenuto alcun riconoscimento dalla scienza accademica. A differenza del poliedrico, ma ingenuo ricercatore ed inventore serbo Nikola Tesla , Pier Luigi Ighina non si fidò mai dei potenti con cui evitò ogni collaborazione, conscio che le sue invenzioni sarebbero state usate solo a fini malefici e per lucrare.

Ighina affrontò lo studio dell’atomo da una prospettiva alquanto diversa rispetto agli altri ricercatori: infatti, invece di sottoporre l’atomo all’azione di potenti campi magnetici o di particelle ad alta energia, decise di contenere il suo movimento usando altri atomi, definiti assorbenti, che impediscono agli atomi luce ed a quelli esterni di interferire nell’osservazione.

Attraverso questo accorgimento e mediante il microscopio atomico lenticolare di sua invenzione, Ighina riuscì a classificare varie categorie di atomi in base alle loro differenti pulsazioni.

Un concetto importante da sottolineare è che “l’atomo non oscilla, ma vibra, non si può dividerlo, sarebbe però possibile dividere la sua energia, ma non l’atomo stesso”. La scoperta dell’atomo magnetico avvenne casualmente come scrive lo stesso Pier Luigi Ighina : “Ero intento a queste prove quando, spostando inavvertitamente una calamita lì vicina, vidi che tutti gli atomi in osservazione si erano messi vertiginosamente in movimento scomparendo poi in una massa luminosa”. L’atomo magnetico è il più piccolo rispetto agli altri atomi, possiede una pulsazione più veloce ed inoltre ha la caratteristica di “imprimere il movimento a tutti gli altri atomi, diventando così il promotore di essi”.

Una delle apparecchiature costruite da Ighina, il regolatore di vibrazioni atomiche magnetiche, si basa proprio sull’energia dell’atomo magnetico e più precisamente sulla variazione della frequenza di vibrazione della materia con la trasformazione della stessa.

Con questa energia sarebbe possibile guarire qualsiasi malattia , fondere i metalli a distanza , produrre energia elettrica, completo controllo meteo-logico , neutralizzare le radiazioni, neutralizzare i terremoti , investigare il sottosuolo alla ricerca di giacimenti petroliferi o falde acquifere, aumentare i raccolti agricoli ed altro ancora.

È indubbio che il campo magnetico sia fondamentale per la vita sulla Terra, anche se la scoperta di come sia possibile la trasformazione della materia e la produzione di monopoli magnetici risultano piuttosto difficile da concepire.

Per Ighina, tutte le forze esistenti in natura sono il riflesso diretto e indiretto di un unica forza primordiale che è l’energia che scaturisce dal Sole. Tale irradiazione solare riflettendosi si equilibra con sé stessa e condensandosi esplode e quindi si irradia di nuovo e di nuovo si riflette e così si moltiplica. L’energia solare è una forza positiva che, riflettendosi, diventa negativa. Il Sole accoglie in sé questi suoi riflessi, li trasforma e li irradia nuovamente in maniera positiva e così via. Tale concezione ricorda quella di Reich sull’energia orgonica, distinta in orgone vitale (OR) ed orgone mortale (DOR).

Noto è il macchinario di Pier Luigi Ighina con cui egli riusciva  a causare le precipitazioni o a diradare le nuvole. Sarebbe interessante se qualche ricercatore indipendente, riprodotto tale congegno, lo sperimentasse per favorire la pioggia, in presenza delle scie chimiche igroscopiche.

Pollution - Franco Battiato (1972)

Documentario : “L’UOMO DELLE NUVOLE”

Video sull’intervista ad Ighina pubblicata su “Sabato Sera” e numerata come Allegato N.66

Pier Luigi Ighina


Ighina – La Legge del Ritmo (Colla Magnetica… di derekwillstar

Video sulla Colla Magnetica (Universale) di Pier Luigi Ighina

Continua :

(Attenzione! se usate Google Chrome non verrà visualizzata la raccolta di documenti)

Documenti di Pierluigi Ighina


Allegati Del C.I.S.M.


Ulteriore risorsa di documenti :
https://www.dropbox.com/sh/xg924qtycvge9on/ZF2tfpnPor

Geolocazione :

Visualizzazione ingrandita della mappa

Se volete omaggiare la salma del defunto , potete farlo a queste coordinate :

Dati anagrafici e localizzazione di IGHINA PIER LUIGI STEFANO
Nominativo : Ighina Pier Luigi Stefano
Data nascita 23/06/1908
Data decesso 08/01/2004
Età 96
Cimitero LI Linaro
Settore PN3 Parte Nuova Terzo Lotto
Blocco B Colombari Dal N. 365 Al N. 464
Posto 373 fila 4

http://cimiteri.comune.imola.bo.it/forms/DefuntoRicercaVisualizza.asp?q=3326C5810B3D83A7574010B3D8385EF9010B3D8396A36810B3D8353D40810B3D8|241E6C|136A94

FB Comments

comments

  3 Responses to “Pier Luigi Ighina”

  1. Una mente ed un pensiero degni di essere approfonditi, che non meritano assolutamente di rimanere nell’ombra. Semplicemente affascinante

  2. Finalmente!! Grazie…

  3. Alberto,
    sto andando avanti nella lettura :illuminante. Continui a scrivere se puo’ , molto utile.Grazie di cuore. luca