Collezione Padre Crespi Croci (la rinascita)

 Archeologia, Legge del Ritmo  Commenti disabilitati su Collezione Padre Crespi Croci (la rinascita)
Set 032019
 

Tratto dal link origine : https://mysteryplanet.com.ar/site/actualizacion-sobre-la-cueva-de-los-tayos-y-las-colecciones-del-padre-crespi/

(Tradotto da Google, traduzione rivisitata.)

Visita effettuata da due giovani ungheresi nel 2013, che mostra la collezione del Museo. (Per gentile concessione di Endre Wagy e Lendik Erik)

La leggendaria collezione non è andata perduta in un incendio, né è stata sequestrata dal Vaticano, migliaia di oggetti potenzialmente legati ad antiche civiltà sconosciute, in teoria dalla misteriosa grotta dei Tayos, giacciono nascosti in un museo in Ecuador. Ciò è stato confermato dal ricercatore Gustavo Fernández, parte dello staff di Mystery Planet, che ha avuto accesso esclusivo.

Vista generale di alcuni pezzi

Una miriade di articoli, libri, podcast , video su YouTube si sono ripetuti fino a quando non siamo stanchi di ciò che è noto, di ciò che si suppone, di ciò che è ipotizzato e di ciò che si fantastica sulla già mitica Grotta di Los Tayos, in Ecuador. Recenti «documentari» hanno accelerato l’onda e oggi diverse compagnie organizzano «spedizioni a Los Tayos», dove per un paio di migliaia di dollari le parti interessate si sentono parte di un’epica saga. Immagino che vada bene per loro. Personalmente, sono stato un testimone passivo e un attore tangenzialmente intervenuto negli aspetti collaterali di questa storia. Ho scritto della “maledizione di The Tayos” (che sembra influenzare le tragiche morti di personaggi legati a questa storia); Ho saputo accompagnare il ricercatore argentino Débora Goldstern in una presentazione pubblica sull’argomento, ho incontrato e parlato con Julio Goyén Aguado, erede «spirituale» di Janos Moricz, presunto «scopritore» – nelle carte notarili – delle caverne e, soprattutto, Ho incontrato numerose volte Guillermo Aguirre, biografo personale di quest’ultimo e, a sua volta, erede di alcuni materiali che Julio lascia, ricevuto da Moricz. Passarono alcuni anni e supposi che il tema di Tayos sarebbe stato fuori dai radar dei miei interessi; Non ho mai negato l’interesse a conoscerli e ad approfondire l’argomento, ma non era affatto una priorità. Alla fine ho contattato un paio di ricercatori ecuadoriani con l’idea di integrarmi alla fine in una spedizione – dopo accessi sconosciuti; non quel vertiginoso “camino” di sessanta metri in cui portano i turisti desiderosi di adrenalina e che già, Janos il primo e il luglio successivo, indicheranno specificamente che non è l’ingresso al recinto che Moricz ha denunciato come protocollo nel protocollo nel 1969. Stavo cercando, quindi, di salire su un aereo e di unirmi a quelle agenzie turistiche per mostrare alcune foto e dire “Ero nella grotta di Los Tayos”. Il tempo trascorso e nessuno dei miei contatti formalmente disposti ad accettarmi nei loro ipotetici viaggi futuri nel luogo apparve, sembrò che sarebbe rimasto come uno di quegli altri enigmi su cui un server legge molto ma contribuisce poco. Tuttavia, questo universo divertente e sorprendente ha dei verbi difficili da prevedere.

Insieme all’autore e da sinistra a destra, Giovanni Pesantes, Diego Matute e Marcelo Guiracocha, staff del Museo, presso le strutture in cui viene effettuato l’intervento della collezione Crespi.

Perché circa un anno fa propongo di viaggiare in Ecuador come parte delle mie consuete attività di divulgazione. Workshop, corsi di formazione, workshop che i miei lettori già conoscono. Vicino a Cuenca, per essere più precisi. Ci sono stato alcuni giorni e sebbene la bella e coloniale città mi abbia portato ricordi quasi adolescenziali (quando l’ho letto in L’oro degli dei , il controverso e iconico libro di Erich Von Däniken) non c’era tempo a disposizione. Solo un’attenta visita al Museo Pumapungo e continuare a viaggiare. Forse, un giorno, sarebbe tornato. E il “forse” mi ha sorpreso, perché non erano trascorsi dieci mesi quando, di nuovo, mi era stato chiesto lì. Ora per attività più lunghe e con “base operativa” a Cuenca. Trascorrevo diversi giorni, con la disponibilità di tempo per scoprire o, almeno, visitare i luoghi che Däniken, nella sua visita a Padre Crespi e le sue raccolte presumibilmente provenienti dalla Grotta stessa, sostenevano di avere. Ho consultato il mio caro amico José Luis Garcés, il mio organizzatore locale, la possibilità di visitare la chiesa di Maria Ausiliatrice – dove il sacerdote sviluppò il suo lavoro -, forse da qualche parte dove aveva lasciato qualche segno … E quando ho appreso in Ecuador, la notizia è stata vertiginosa.

Statua commemorativa dell’opera di padre Crespi di fronte alla sua parrocchia.

Bene, grazie agli sforzi di José Luis e Giovanni Pesantes, artista plastico locale e proprietario di una galleria d’arte, stavo aspettando un’intervista con le autorità museali già menzionate per discutere dell’argomento. All’inizio, la mia perplessità. Grazie per la gentilezza, ma quale interesse ci sarebbe nel parlare del “tema Crespi” nel museo? E la risposta mi ha scioccato: perché c’erano le raccolte del prete. Ci sono aspetti collaterali di questa storia che richiedono al lettore alcune conoscenze o letture di guida precedenti se si desidera misurare il contesto della situazione, un’introduzione che non posso fare qui ampiamente ma nulla che Google non risolve . Spero che chiunque sia interessato a questo argomento abbia letto il summenzionato libro Däniken (e non sia semplicemente guidato dal commento fatto da terzi al riguardo) e sia consapevole di alcune speculazioni installate come “verità comprovate” che lo circondano.

Copertina del libro di Däniken.

Se dovessimo, tuttavia, fare una breve sintesi, direi che: Däniken non è un personaggio rispettato in Ecuador, esiste un concetto generalizzato che ha esagerato e falsificato i dati sulla storia. In purezza, ciò di cui può essere accusato (e ha ammesso con riluttanza) è che non è mai stato nella Grotta di Los Tayos, uno stato che suggerisce ma che non dice rigorosamente. Allo stesso modo, gli accademici ecuadoriani sono infastiditi dalla presunzione di “extraterrestre” che Däniken dà all’origine del materiale che documenta ed espone in quel libro, e ad altri ricercatori di Los Tayos penso che non gli piaccia semplicemente che ha avuto un così grande impatto in tutto il mondo e non hanno . Presupposto che ovviamente non dovrebbe applicarsi nemmeno alla maggioranza. Ma ci sono, ci sono. Däniken è anche colui che suppone che le migliaia di strani pezzi di metallo incisi da Carlos Crespi provengano da lì. In parte, lo stesso padre lo ha ammesso in quel momento. Altrimenti, dice semplicemente che “gli indiani lo hanno portato molto”. Il “museo” di Crespi – un magazzino in realtà – subì un incendio nel 1962, che si dice abbia fatto sparire la maggior parte dei pezzi. Dei sopravvissuti, molti “presero la via del Vaticano”. Crespi continuò a raccogliere pezzi e presto avrebbe gonfiato in modo suggestivo il suo inventario. Ma prima di morire, la sua incapacità psicologica ha portato al suo ritiro in una casa di cura e i salesiani (l’Ordine a cui apparteneva) avrebbero preso l’inventario ma rapidamente e su ordini più elevati, anche gran parte del salvataggio era stato spedito. Alla Santa Sede, in parte venduta clandestinamente a collezionisti privati, in parte scartata come spazzatura. E così, le “raccolte di padre Crespi”, tra la pigrizia, il motivo del profitto e le cospirazioni di occultamento e silenzio, sarebbero scomparse. Se qualcosa di valore è rimasto perché,

E c ‘est fini . O no …

Museo Pumapungo

Non dimenticherò mai la mattina di mercoledì 20 febbraio 2019. Perché è stato il momento in cui sono tornato al Museo Pumapungo, lo stesso che aveva viaggiato poco meno di un anno fa ignorando ciò che tenevo nella sua stanza sul retro. E poi organizzerò questi “aggiornamenti” per evitare paragrafi noiosi e giudiziosi da parte del lettore, chiedendo solo di sapere che mi riserverò alcuni nomi: la mia cartella su Los Tayos è ora definitivamente aperta e devo tornare, ora sì e dopo la caverna presto. Quindi alcuni dei miei contatti e informatori sono i miei garanti di poter andare avanti purché conservino il loro anonimato.

La maggior parte è al sicuro

Le collezioni non sono mai state perse. È una bugia che siano stati distrutti nel fuoco o spediti in massa al Vaticano o venduti a collezionisti privati ​​(anche se è inevitabile pensare che forse alcuni abbiano avuto quel destino). Al contrario, un rapporto dello stesso Crespi ai suoi superiori, conservato nel Museo, afferma che “la maggior parte della cosa veramente importante è sicura” e che per ciò che è stato perso ha ipotizzato che “nei mesi o anni seguenti, il contributo degli indiani lo aumenterebbe di nuovo ».

La lega salesiana

Tuttavia, è vero che quando il Museo è chiamato a rilevare le collezioni, rimuovendole dal deposito in Maria Ausiliatrice. Nel mezzo dell’operazione di smistamento e imballaggio, apparvero membri superiori dell’Ordine che ordinarono al personale civile di ritirarsi, selezionarono alcuni pezzi e li portarono in una destinazione sconosciuta …

Antico edificio salesiano, dietro la chiesa. Lì visse padre Crespi e assegnò alcune stanze alle sue “collezioni”

E se qualcuno si chiede perché i dipendenti del Museo si sono sentiti in dovere di obbedire ai frati, non conoscono l’incidenza del clero a Cuenca. Ancora di più: non ha sentito parlare di qualcosa che faccio e di ciò che non fornirò qui maggiori dettagli, proprio perché lo sto indagando: “la Lega salesiana”, nulla a che fare con la Justice League e apparentemente, secondo alcune voci , impegnato in appropriazione indebita, negoziata e reati. Ma finora sono solo voci …

Un preconcetto

Carlos Crespi (nato nel 1897) sembra essere nell’immaginario collettivo come un prete grezzo e ingenuo, dominato dalla sua senilità e incapace di distinguere tra il reale e l’immaginario. È un processo assolutamente ingiusto nei confronti di un uomo che viene ricordato con affetto dai Cuencan. Un umanista fuso, un universalista, che aveva studiato regolarmente in arte, archeologia e cinematografia. Responsabile del primo documentario sull’etnia Shuar , già nel 1926. Partecipante a spedizioni archeologiche in Mesopotamia. Fondatore di due scuole, un ospedale e mentore di diverse organizzazioni umanistiche.

Chiesa di Maria Ausiliatrice, di padre Crespi. Crespi

Era un individuo brillante che – questo è importante sottolineare – solo nella sua tarda età perse la chiarezza intellettuale dei meridiani che lo caratterizzava da sempre. Ergo, non è stato facile ingannare; Non era un “ingenuo” che ha comprato qualcosa che gli ha portato i ladri indigeni. La realtà, scrisse lo stesso Crespi: «il povero, l’indiano, è una persona orgogliosa e dignitosa. Offrire loro un aiuto finanziario in cambio di nulla li fa sentire indeboliti. Pertanto, ha contribuito dando soldi “in cambio di”. In cambio di artigianato, artigianato … e pezzi archeologici (riferito da Diego Matute, assegnato curatore della “collezione Crespi” dal Museo Pumapungo).

A sinistra: elmo “contemporaneo”, forse occupato in una rappresentazione biblica. A destra: copricapo in bronzo, molto antico .

E nel suo magazzino / museo (questo è stato visto con i suoi curatori) la stragrande maggioranza del materiale è stata chiaramente classificata. L’archeologico da un lato, l’origine incerta, dall’altro. E le chicche, al terzo posto. Ricoperti di polvere, rimasero così per anni. E solo ciò che era stato raccolto nei suoi ultimi giorni occupava gli scaffali in modo disordinato e caotico, un riflesso fedele del suo stato mentale in quel momento. Ciò conferma chiaramente la convinzione che Crespi sapesse perfettamente ciò che aveva valore scientifico e ciò che accumulava solo per non offendere i bisognosi che gli si avvicinavano in cambio di alcune monete.

Mestieri decorativi

Il museo mi ha permesso di recensire e fotografare solo una parte molto piccola della collezione. Come si vede nelle immagini, è un esempio di quanto sopra. Abbiamo ad esempio pezzi indubbiamente storici e uno pseudo-elmo di legionario romano di stagno e rame usato in alcune rappresentazioni bibliche locali.

Uno dei grandi pezzi (questo, un metro trenta per due metri settanta) in ottone, presumibilmente “recente” e decorativo.

Cuenca ha due quartieri di lattonieri e fabbri e decenni fa era una delle sue tradizioni cesellate in enormi fogli di ottone allegorie figurative, immagini astratte con soffitti e pareti, una “moda decorativa” di gusto dubbio se la guardiamo dalla prospettiva contemporanea. I grandi “ferri” di Crespi sono: artigianato decorativo. Ma il prete lo sapeva perfettamente.

Pezzi molto vecchi

Poiché è facilmente riconoscibile e sapevo anche perfettamente che un buon numero di pezzi era decisamente vecchio. E non solo quelli scolpiti nell’osso o nel legno: da pettorali, anelli al naso, bracciali e collane ad altri piatti, più piccoli, già quasi incomprensibili, con evidenti tracce di essere rimasti in luoghi bui e umidi per secoli, come mostrano le fotografie. E non solo quelli di gruppi etnici come gli Shuar , i Canaris e gli Tsáchila . Anche quelli “impossibili”, con immagini della Mesopotamia asiatica che conosceva così bene.

Pezzo della collezione Crespi con motivo “Anunnaki”.

Proprio a causa di questa conoscenza precedente e sul campo è che i teorici stranieri hanno accusato Crespi di aver falsificato i suddetti pezzi antichi, poiché era una “coincidenza” che, appunto, avrebbe trovato nel paese sudamericano materiale con echi così lontani latitudini. Un’accusa basata su ciò che è solo speculazione (poiché non ci sono prove che hanno commissionato falsificazioni) è solo irrispettosa. E perché, dopo tutto, potrebbe esserci uno strano filo in questo fatto. Ma non andiamo avanti.

Una storia non raccontata

I ricercatori del museo seguono da anni le orme degli ipotetici “contraffattori”. Ed hanno espresso la loro stranezza: finora non sono stati trovati.

Piatti di bronzo stimati secoli fa.

Piatti di bronzo stimati secoli fa. Sebbene siano stati pochi e già deceduti, nel tessuto sociale di Cuenca c’è sempre qualcuno parente o che conosce un amico del nipote il cui nonno avrebbe potuto fare quelle cose. Ma no; Nessuno appare. E qui ripeto testualmente quello che uno di loro mi ha detto: «Ecco una storia non ufficialmente raccontata».

27.000 reperti

Ora dirò ciò che è stato più scioccante per me. Ho solo la testimonianza di José Luis e Giovanni, che mi hanno accompagnato, anche se c’erano testimoni che non posso nominare. Fu quando mi portarono a vedere l’intera collezione di Padre Crespi. C’è tutto. Ventisette mila pezzi, mi dissero. Non gliel’ho detto, ma non ne dubiterei: quattro enormi stanze in un edificio attiguo dove strati di lastre di ottone ma anche rame e bronzo molto antico sono confusi nel miscuglio, centinaia di articoli in legno, osso, pietra …

Un altro dei vecchi piatti recuperati.

Un altro dei vecchi piatti recuperati. Mi hanno negato la possibilità di fotografare e di dare i loro nomi. Questo materiale fa ancora parte del processo di intervento (una grande tela bianca in cui i pezzi catalogati erano occupati ordinatamente, ho stimato, nemmeno il 2 o 3 percento del materiale totale). Alcuni penseranno che lo sto inventando. In realtà, si sarebbe preso cura di me. Ero lì e l’ho visto. È un dato di fatto: le collezioni di padre Crespi sono al sicuro. L’intera curatela è nelle mani del Museo.

Un Ala del museo per Crespi

E poi mi hanno dato splendide notizie: nel 2022 inaugureranno un “megamuseo” ampliando le già comode e interessanti strutture della stessa a tre edifici annessi.

Un altro degli oggetti nella collezione.

In quel museo nuovo e rinnovato, ci sarà un’ala, apparentemente quasi un intero edificio, destinato esclusivamente a esporre la “collezione Crespi”. Museologi, storici e archeologi comprendono che anche i pezzi “recenti” sono un “fatto culturale”, un’espressione artistica locale che merita di essere salvata per mettere la vita del salesiano nel contesto e nella prospettiva. Tutto ciò è consustanziale con il fatto che delle supposte “cospirazioni del silenzio” attorno ai pezzi di Crespi ci sono state molte più fantasie che realtà.

Rivendicazione Däniken

È l’occasione per rivendicare Däniken. Avendo camminato per le strade in cui Crespi ha condiviso i suoi sforzi con i bambini e le loro famiglie, dobbiamo la conoscenza mondiale di questo personaggio agli svizzeri che, se non fosse stato così, sarebbero stati costretti a essere un eroe semplicemente locale. Ed è anche vero che – a parte il bluff della sua visita alla Grotta – ciò che ha scritto sull’italiano era assolutamente vero.

La connessione nazista

A scopo informativo, tuttavia, devo condividere – senza la possibilità per ora di dargli più sostentamento anche se sono in procinto di ratificarlo o rettificarlo – una sorta di voce che corre anche a Cuenca su Crespi: che non era né italiano né sacerdote, ma tedesco , un membro del partito nazionalsocialista e inviato sotto copertura dai nazisti (forse gli Anenherbe?) per prendere il controllo delle informazioni archiviate sin dall’antichità a Los Tayos. (n.d.r. ahahahahahahaha!!!)

Con Diego Matute, curatore responsabile

Sembra fantascienza, e l’avrei lasciato da parte, se un’altra voce non mi avesse risuonato, che avevo già letto dall’Argentina: che Janos Moricz stesso non era un povero fuggitivo ungherese e rifugiato dalla seconda guerra mondiale. È stato installato, senza ulteriori prove, che The Hour 25 , il romanzo del rumeno Constantin Virgil Gheorghiu che parla delle sofferenze di un Iohann Moritz (non è necessario evidenziare la somiglianza con “Ianos Moricz”), prigioniero dei nazisti fino a quando la sua tipica stampa ariana è letteralmente “riprogrammata” dalle SS. Un’altra coincidenza: Moricz (il “nostro” Moricz) era anche un tipico ariano, biondo e appuntito alto un metro e novanta.

Pezzi di legno, ceramica e ossa fanno anche parte della collezione.

Un altro dettaglio sorprendente: dietro il romanticismo sofferente di quel romanzo (portato al cinema e interpretato da Anthony Quinn), Gheorghiu nascose anche il suo passato nazista: nel 1941, tra le altre opere, scrisse un panegirico contro gli ebrei e esaltando i nazisti : Ard malurile Nistrului . Ci sono cose che attirano fortemente l’attenzione di Moricz, secondo la sua storia “ufficiale”, arriva in Argentina senza sapere come parlare spagnolo e senza un soldo. Lavora per diversi anni mentre consuma la sua sete di conoscenza presso la Biblioteca Nazionale di Buenos Aires ed è lì che fa alcune scoperte che lo portano a intraprendere il viaggio in Ecuador dove, impiegato in attività minerarie, ha il suo primo incontro con lo Shuar , prima che il che e nell’impossibilità di farsi capire – in inglese e nel mediocre spagnolo di cui parlava – viene fuori con la sua lingua madre e, oh sorpresa, è compreso dagli indigeni che, stupiti che questo strano uomo, con una pelle così bianca, gli occhi Celeste, bionda e così alta da far vibrare il suo dialetto millenario.

Pezzo di legno intagliato in un unico blocco di 2,50 metri di altezza.

Lo stesso Moricz afferma che questo era il motivo per cui lo Shuar lo considerava un “inviato degli dei” e gli rivelava e consentiva solo (e pochi impiegati) l’accesso alle vene minerali di smeraldi e rubini con cui Moricz Ha accumulato una grande fortuna. Ma questa storia nasconde i fatti. Pochi mesi dopo l’arrivo a Buenos Aires (mesi, non anni), Moricz appare di fronte e organizza marce anticomuniste nella capitale argentina. Il fatto che un ungherese di recente emigrazione e presumibilmente senza conoscenza della lingua spagnola possa avere il tempo, i mezzi e i collegamenti per dirigere e organizzare queste attività politiche è, almeno, molto suggestivo e diffida della sua “biografia ufficiale”.

Applicazioni metalliche in pezzi di legno.

Per dirla chiaramente: questa linea teorica sospetta che l’ungherese fosse davvero un ufficiale delle SS, un membro di spicco del Partito o un criminale di guerra che ha approfittato della “rotta dei topi” per rifugiarsi in un paese così comodo per i nazisti fuggiti in quel Come è andata l’Argentina? In tal caso, la confluenza di Moricz e Crespi nella stessa regione del mondo acquisisce un altro aspetto. Più verità che bugie Alcuni lettori mi chiederanno qui delle conclusioni. Non li ho Questa nota aveva solo il modesto scopo di condividere, precisamente, alcuni aggiornamenti. Rompere con alcuni miti e, come spesso accade in questi racconti, ogni nuovo fatto scoperto, ogni certezza dimostrata – come qui, “l’apparenza” delle collezioni Crespi – apre il campo di innumerevoli nuove domande (come la vera filiazione salesiana appena sollevata ) … Ma se mi affretto con una conclusione provvisoria, lo dirò: nella saga Grotta di Los Tayos-Padre Crespi si è rivelato essere più verità che bugie.

Di Gustavo Fernández.

Artículo publicado en MysteryPlanet.com.ar: Actualización sobre la Cueva de Los Tayos y las colecciones del Padre Crespi https://mysteryplanet.com.ar/site/actualizacion-sobre-la-cueva-de-los-tayos-y-las-colecciones-del-padre-crespi/

Le seguenti immagini tratte dal link : https://www.eltiempo.com.ec/noticias/cultura/7/coleccion-crespi-reserva-patrimonio

Conclusioni

E’ un evento meraviglioso e che ridona una speranza per il genere umano di conoscere la sua parte della sua storia mai raccontata.

Per quanto riguarda la tesi che Padre Crespi non fosse italiano e ne sacerdote come scritto in “La connessione nazista”, è semplicemente una tesi senza nessun fondamento e facilmente dimostrabile dai seguenti documenti del professore dottore Carlo Crespi.

Certificato di Battesimo di don Carlo custodito nell’archivio storico della Parrocchia di San Magno

Lettera di referenze del Rettore dell’Università degli studi di Padova

Per maggiori informazioni si può visitare il seguente sito ufficiale, dedicato a Padre Carlo Crespi Croci :

Link sito ufficiale : http://carlocrespi.org/indice/

Confronto tra mura poligonali d’Italia e Grecia.

 Archeologia, Materia  Commenti disabilitati su Confronto tra mura poligonali d’Italia e Grecia.
Ago 222019
 

Tratto dal link origine : http://www.terradegliuomini.com/confronto-mura-poligonali-italia-grecia.html

Riassunto

Esaminando le mura difensive poligonali di Cosa, Alatri, Segni, Cori, Alba Fucens e Circei, si è osservato che le lunghezze dei lati dei poligoni sono multiple di un valore comune, pari a 1,536 cm, mentre le ampiezze degli angoli sono multiple di 1,5°. Stessi valori sono stati riscontrati ad Atene e, nel Mare Egeo, sull’isola di Milo. Da altre osservazioni a Pyrgi ed Orbetello sono emerse due date entro le quali questa tecnica costruttiva veniva applicata.

Introduzione

Quando si parla di mura poligonali si usa un’espressione contratta per indicare che nella faccia a vista i blocchi di pietra impiegati hanno contorni costituiti da un numero di lati che può variare da tre a più di dieci e con angoli che possono essere anche concavi.

Le mura di difesa di molte città presenti soprattutto nell’Italia centrale che hanno queste caratteristiche sono chiamate anche “ciclopiche”, ad indicare le dimensioni particolari dei loro elementi, che sono spesso superiori a 1 m. Il termine, indebitamente attinto da miti e leggende, dovrebbe essere sostituito da “megalitiche”. Questo particolare aspetto avrà grande importanza nel resto dell’esposizione.

Altro nome usato di frequente è quello di “mura pelasgiche”, ma vi è attualmente una tendenza a metterlo sullo stesso piano di “mura ciclopiche”, in quanto l’espressione sarebbe giustificata da dati troppo scarsi e nebulosi presentati dalla letteratura antica.

Giuseppe Lugli (1946) scriveva a questo proposito: “Ė dimostrato ormai che i Pelasgi non hanno nulla a che vedere con le grandi fortificazioni poligonali e che esse non sono così antiche come si credeva un tempo. Il raffronto con le mura di Tirinto e Micene è puramente tecnico e non presenta alcun legame storico ed etnico; le mura più rozze risalgono sul nostro territorio al VI secolo, mentre quelle più accuratamente tagliate si possono datare alla metà e fine del IV.” Questi tempi sono ovviamente da intendersi a.C..

Su questo argomento ritorneremo più avanti.

Bisogna precisare che non tutte le mura megalitiche sono poligonali, mentre non tutte le mura poligonali sono megalitiche. Giuseppe Lugli, che ha compiuto un lavoro sistematico su questo tipo di costruzioni, ha tenuto ben presente la prima parte della frase precedente, ma non la seconda. Egli (1967) ha distinto in cinque classi le tecniche costruttive delle mura antiche del Lazio: opus siliceum, quadratum, caementicium, incertum e reticulatum. Nell’ambito dell’opus siliceum, che identifica con l’opera poligonale in senso lato, riconosce quattro maniere, che ritengo utile esporre, con una descrizione e con esempi miei.

Nella prima maniera i blocchi sono accatastati così come vengono dalla cava, quindi sono grezzi. Possiamo vederne degli esempi ad Atina e al centro di Amelia.

Nella seconda maniera i blocchi sono stati sgrossati in modo da ridurre al massimo gli spazi lasciati vuoti tra una pietra e l’altra, i quali sono inzeppati con pezzatura minore, sagomata per l’occorrenza. La faccia a vista viene resa il più possibile piana, compatibilmente con i mezzi a disposizione, che sono di natura litica. Se ne vedono begli esempi a Roselle e Norba.

Nella terza maniera la sgrossatura sulla faccia esterna diventa più raffinata fino a raggiungere una superficie piana, uniforme per tutto il muro. Inoltre le parti a contatto con gli altri blocchi vengono spianate con opportuni orientamenti in modo che i giunti siano quasi perfettamente chiusi. Lugli precisa che i blocchi erano probabilmente lavorati sul posto “ riportando con una squadra su di essi l’angolo corrispondente di quelli coi quali doveva riconnettersi” e che i piani di posa erano tagliati a scalpello.

Esempi di questa maniera, che è la sola che a rigore merita il titolo di “poligonale”, sono a Cosa, Orbetello, Pyrgi, Alatri, Alba Fucens, Norba e molti altri siti in Italia e all’estero.

Nella quarta maniera vi è una “imitazione dell’opera quadrata, della quale non si raggiunge l’esattezza per risparmio di lavoro. I blocchi sono allettati con lunghi piani di posa che seguono una linea sinuosa e ogni tanto si spezzano per la differente altezza dei filari, sono tagliati secondo quattro lati non paralleli e le giunture verticali sono quasi sempre oblique in sensi inversi”.

Nell’ambito dell’opera quadrata egli distingue tre maniere: etrusca, greca e romana a seconda che i filari siano “senza una costante unità di misura”, perfettamente orizzontali ma di altezza diversa e con una alternanza di una pietra disposta nella faccia a vista con il taglio verticale e di alcune pietre (ad esempio tre) con il taglio orizzontale, oppure alternati di testa e di taglio.

Precisa che non esiste differenza di età fra l’opera poligonale e l’opera quadrata ma solo differenza di tecnica.

Se l’ordine in cui le quattro maniere sono state presentate costituisca, al contrario, anche un ordine cronologico si è molto dibattuto. Rimandiamo a più tardi una discussione sull’argomento, quando affronteremo il problema dell’età di alcuni casi. Per il momento ci addentriamo nella questione della tecnica costruttiva.

Come già detto, secondo Lugli, per l’opera poligonale il risultato del perfetto combaciamento delle facce veniva ottenuto riportando con una squadra l’apertura degli angoli. C’è stata anche un’ipotesi più fantasiosa, ma molto poco pratica, secondo la quale gli angoli di sagomatura venivano determinati ricorrendo a calchi di piombo.

Nuove osservazioni sulle mura poligonali

Se osserviamo attentamente l’incastro delle pietre poligonali, dobbiamo notare che non è sufficiente, come suggerisce il Lugli, determinare l’apertura degli angoli, ma occorre determinare in alcuni casi anche l’ampiezza dei lati. Considerando poi la precisione dei giunti, è stata da me formulata un’altra ipotesi, e cioè che il valore di un angolo o di un lato venisse stabilito non con un riporto ma, più razionalmente, con una misura.

Se l’ipotesi fosse esatta, sarebbe possibile osservare anche quale unità di misura fosse stata adottata e confrontarla con il digitus romano, di 1,85 cm, o con l’analoga unità etrusca. Per quest’ultima il valore, di 1,68 cm, è stato determinato effettuando alcune misure su blocchi squadrati utilizzati per le tombe a dado del VI secolo a.C. della necropoli di Cerveteri in località La Banditaccia e per un tumulo, anch’esso del VI secolo a.C., della necropoli del secondo Melone del Sodo presso Cortona.

Figura 1 – Particolare del muro poligonale di Monte Circeo in località Crocette.

Un controllo di questo genere, effettuato dapprima a Cosa e poi ad Alatri, Cori, Segni ed Alba Fucens, e Circei, non poteva trascurare di considerare l’ordine temporale con cui le pietre sono state collocate. Infatti, se consideriamo ad esempio i tre angoli al centro della Figura 1, possiamo contare con certezza solo su quello appartenente alla pietra di forma triangolare in quanto che esso sicuramente è stato modellato fuori opera, mentre è molto probabile che gli altri due siano stati creati quando le pietre erano già state collocate nella loro attuale posizione; in tal caso non era importante stabilire tanto l’apertura di questi quanto l’apertura di quello rimanente.

Figura 2 – Cori. La pietra al centro ha la conformazione ideale per verificare l’ipotesi che lo spazio che doveva occupare era stato preventivamente misurato per riprodurne la lunghezza della base e l’ampiezza degli angoli. Si possono notare sulle facce dei vari elementi segni lasciati dai colpi di uno scalpello.

Analogamente, per misurare lati modellati fuori opera, occorreva essere certi che la pietra relativa fosse stata messa in opera dopo le pietre ospitanti, e la situazione esemplare è quella di una forma a trapezio rovesciato, con la base minore in basso, poiché il loro alloggiamento doveva essere preparato in un modo più accurato per assicurare il perfetto incastro, come è il caso della Figura 2. Qui, oltre ai due angoli in basso, certamente chi ha eretto il muro ha misurato anche la base minore, mentre per quella maggiore, quasi sicuramente sagomata successivamente alla collocazione della pietra, non vi è la certezza richiesta.

Le misure di lati in situazioni simili a quella della Figura 2 hanno fornito valori che sono risultati multipli di 1,536 cm (Mortari, 2012). Ad esempio, la base della pietra al centro di questa figura misura 115,2 cm. Questo valore non è un multiplo esatto né di 1,85 cm (115,2 : 1,85 = 62,3) né di 1,68 cm (115,2 : 1,68 = 68,6), mentre è multiplo esatto di 1,536 cm (115,2 : 1,536 = 75,0).

L’unità di misura trovata dunque non è risultata né romana né etrusca.

Per la misura degli angoli, per cui è richiesta una maggiore accuratezza, si è optato per l’utilizzo di immagini fotografiche, riprodotte e opportunamente ingrandite al computer, avendo cura di riprendere l’immagine con la minore parallasse possibile. L’effetto risultante era sufficiente per apprezzare bene anche il mezzo grado. Sono stati fotografati particolari delle mura di Cosa, Alatri, Alba Fucens e Circei. Nella Figura 2 è possibile verificare che i due angoli della pietra al centro sono di 93 e 105°, mentre ancora di 93° è l’angolo del blocco in alto a sinistra.

La maggior parte delle misure ha dato valori multipli di 3°, ma in diversi casi si sono trovati valori multipli di 1,5° (Mortari, 2012); ad esempio, l’angolo al centro della Figura 1 è di 82,5°. Il risultato è sorprendente non solo perché conferma che si tratta di opere preromane, ma anche perché testimonia l’uso di un sistema sessagesimale diverso da quello che conosciamo, dividendo l’angolo retto in 30 oppure, più probabilmente, in 60 parti.

Figura 3 – Atene. Elemento esagonale di un muro poligonale di contenimento.

Il passo successivo di questa ricerca è stato di andare a verificare se nell’altra parte del bacino mediterraneo in cui si concentrano mura poligonali, cioè la Grecia, l’identità della tecnica costruttiva si estende fino all’uso delle stesse unità di misura riscontrate nel Lazio, nell’Abruzzo e nella Toscana.

La prima località in cui sono state studiate queste opere poligonali è ad Atene, ai piedi del lato meridionale dell’Acropoli. Qui, lungo il peripatos che congiunge i due teatri di Erode Attico e di Dioniso, vi è un muro, il cui tratto meglio conservato, di circa 25 m di lunghezza e di altezza tra 1,5 e 2 m, serviva di sostegno per la formazione di un ampio terrazzo, sul quale è sorta poi la Stoà Ionica. Tre pietre sono state prese in considerazione per le condizioni favorevoli alle misure, con lati ben definiti. La prima, di forma esagonale, è mostrata nella Figura 3.

Sono stati misurati i tre lati della parte inferiore e i quattro angoli che li interessano. Partendo da sinistra i lati hanno fornito le seguenti misure: 41,5 16,2 e 40,0 cm, che, divise per 1,536, danno 41,5 : 1,536 = 27,0; 16,2 : 1,536 = 10,5; 40,0 : 1,536 = 26,0. Se dividiamo gli stessi valori per la misura del dactylos greco, di 1,93 cm, abbiamo 41,5 : 1,93 = 21,5; 16,2 : 1,93 = 8,4; 40,0 : 1,93 = 20,7. Questi risultati indicano dunque che qui veniva utilizzata la stessa unità di misura dell’Italia centrale e la metà di essa.

Per le misure dei quattro angoli, sono risultati, sempre procedendo da sinistra, i valori di 112,5 157,5 150 e 121,5°. Sono tutti multipli di 1,5°, come si era riscontrato in Italia.

Figura 4 – Atene. Particolare del muro poligonale.
Figura 5 – Atene. Pietra a contorno quadrangolare.

Della seconda pietra, illustrata nella Figura 4, è stata determinata la lunghezza del lato inferiore più lungo, che è di 99,0 cm, molto prossimo a 1,536 x 64,5 = 99,072 cm. L’angolo formato con il lato inclinato è di 141°. La terza pietra ha una forma intermedia tra un trapezio rovesciato e un triangolo (v. Figura 5). Il lato inferiore è lungo 71,4 cm, corrispondente a 1,536 x 46,5 = 71,424, mentre i due angoli che sono formati con i due lati adiacenti sono risultati di 151,5 e 61,5°, anch’essi multipli di 1,5°.

La seconda località greca è l’isola di Milos, molto nota agli archeologi per essere stata una sede importante della cosiddetta Civiltà Cicladica. La cittadella di Phylacopì, sulla parte settentrionale dell’isola, si è qui sviluppata in tre periodi appartenenti all’Età del bronzo, il primo dei quali è datato tra il 2300 e il 2000 a.C., ma le mura difensive che si trovano non sono così elaborate come le mura che stiamo per trattare.

Il sito che interessa si trova circa 500 m a NNE del villaggio di Klima, all’imboccatura dell’ampio golfo che caratterizza quest’isola. Klima aveva un porto, e il muro proteggeva la relativa acropoli. I Romani hanno potenziato le strutture portuali e hanno completato la cinta difensiva aggiungendo, tra l’altro, un bastione a pianta circolare in prossimità della sua porta principale di accesso.

Figura 6 – Isola di Milos. Tratto di muro poligonale che si estende ad est del teatro romano.

Del muro poligonale originale, costruito con locali pietre di natura vulcanica, restano due tratti, separati da alcune decine di metri. Il tratto maggiore è lungo circa 200 m e si estende lungo un sentiero che dal teatro romano conduce, più a est, all’ingresso delle catacombe paleocristiane (Figura 6); un secondo tratto è limitato a una decina di metri e si trova presso la nicchia dove fu ritrovata la statua di Afrodite che ora è al Louvre.

Figura 7 – Milos. Tratto di muro difensivo in opera lesbia, caratterizzato dall’abbondanza di superfici curve lungo i contatti orizzontali.

Presso il bastione vi è un terzo tratto preromano, lungo una decina di metri, ma la tecnica seguita è quella della cosiddetta “opera lesbia”, che appare come una derivazione dell’opera poligonale, con maggior abbondanza di giunti curvi (Figura 7).

Scranton (1941) la tiene giustamente distinta dall’opera poligonale. Un esempio di opera lesbia è la parte più recente della sostruzione del tempio di Apollo a Delfi. Questo terzo tratto preromano è formato da elementi di dimensioni minori e più uniformi rispetto ai primi due tratti, quasi tutti con lati di circa 40 cm e con la faccia a vista bugnata; solo nella parte inferiore del muro gli elementi sono simili a quelli del muro poligonale vero e proprio, e ciò fa pensare che il tratto in questione sia stato rifatto utilizzando parte di ciò che rimaneva di un muro poligonale. Nella parte superiore, mentre i giunti verticali sono quasi sempre dritti, quelli orizzontali sono per lo più curvi. Il contatto lungo i giunti non è perfetto e tutta la lavorazione appare meno accurata dei due tratti in opera poligonale.

Ritornando al tratto più esteso, esso aveva una funzione mista di protezione e sostegno, con un’altezza che variava tra 7 e 12 ÷ 13 m, fino a raggiungere la quota di un ripiano superiore. Dove l’altezza era maggiore troviamo una risega orizzontale, in corrispondenza della quale la parte superiore del muro è più arretrata di 10 ÷ 12 cm. Potrebbe non essere casuale il fatto che la differenza di quota tra la risega e il punto dove il muro arrivava alla massima quota (verso il teatro, ad ovest) era di 7,7 m. Tenendo conto che la spinta del terreno dietro un muro di sostegno cresce con il quadrato dell’altezza e che solitamente, quando vengono superati i 6 m, un muro di questo tipo viene considerato notevolmente impegnativo, il valore di 7,7 m è apparso subito molto particolare. Per questa ragione potrebbe non essere un caso che si sia scelta una altezza che è 500 volte l’unità di misura che stiamo cercando e che potrebbe essere 10 volte un braccio di 77 cm.

Figura 8 – Milos. Elemento dal contorno rettangolare molto accurato

In questo tratto le pietre bugnate sono nettamente scarse, e sono limitate a litotipi difficili da spianare per la facilità con cui vi si generano fratture del tipo concoide. Nella Figura 8 il blocco maggiore corrisponde un po’ a queste caratteristiche. Esso ha presentato, ai fini della presente ricerca, due grandi vantaggi. Il suo contorno è molto regolare, anche se è stato modificato, nell’angolo in basso a destra, poco prima del suo posizionamento. Inoltre i due lati minori sono esattamente ortogonali rispetto alla base. Ciò ha permesso di determinare con esattezza la sua lunghezza, che è risultata di 102,0 cm. Questo valore è pressoché coincidente con 1,536 x 66,5 = 102,1 cm.

Figura 9 – Milos. Blocco ben squadrato sovrastante una risega larga 10-12 cm. La sua base misura 110,6 cm, pari esattamente a 72 volte 1,536 cm.

Un secondo blocco è rappresentato nella Figura 9. Esso è situato subito sopra la risega; ha la superficie inferiore piana, la quale misura una lunghezza di 110,6 cm, determinabile bene perché sono ben ricostruibili le facce in contatto con le pietre laterali. Questo valore coincide con 1,536 x 72,0 = 110,59 cm.

I due elementi presentati per primi sono tra i più voluminosi di tutto il muro. Confrontati con quelli delle opere analoghe dell’Italia centrale, essi appaiono decisamente di dimensioni più piccole, e riesce arduo parlare di quest’opera come di un’opera megalitica. Tuttavia occorre tenere presente che i materiali locali utilizzati non consentono di ottenere misure maggiori, e quindi pietre più lunghe di 1 m sono eccezionalmente grandi per Milo, come è dimostrato dal fatto che nella successiva opera lesbia la taglia massima è nettamente minore, circa la metà.

Un terzo blocco, il più piccolo ad avere una forma prossima al trapezio nella Figura 10, ha fornito misure di 27,6 ÷ 27,7 cm. Anche in questo caso il confronto con le misure delle mura italiane è stato positivo, essendo 1,536 x 18,0 = 27,65 cm.

Figura 11
Figura 11 – Milos. Le misure dei vari segmenti della base piuttosto articolata di questo elemento acquistano affidabilità se sono fatte in modo cumulativo.
Figura 10
Figura 10 – Milos. La base minore del blocco più piccolo a forma di trapezio rovesciato, in basso a destra, misura 27,6-27,7 cm, pari a 18 volte 1,536 cm.

Il quarto elemento considerato (Figura 11) ha una base più articolata; tale particolare rende difficile fare misure accurate dei vari segmenti, a meno che non si effettuino quattro misure cumulative utilizzando uno stesso punto di partenza. Le quattro misure, iniziate da sinistra, sono state di 32,2 43,0 57,0 e 76,7 cm. Possiamo confrontarle con 1,536 x 21 28 36 e 50 ovvero con 32,26 43,01 56,81 e 76,80 cm e concludere che almeno tre delle quattro misure corrispondono bene a multipli interi dell’unità di misura determinata in Italia.

La base di un quinto blocco, a forma di pentagono ha fornito misure di 82.8 ÷ 82.9 cm. Anche in questo vi è una buona corrispondenza con 1,536 x 53,0 = 82,94 cm.

Le due pietre che sottostanno alla parte destra del blocco rettangolare della Figura 8 hanno le due basi leggermente diverse: 32,2 e 31,5 cm, che corrispondono a 1,536 x 21,0 e 20,5 = 32,256 e 30,488 cm rispettivamente.

Figura 12
Figura 12 – Milos. Nonostante la profonda erosione di questa pietra, la sua base è ben delimitabile e ha fornito la misura di 72,2 cm.

Nella Figura 12, nonostante l’erosione dell’elemento al centro e grazie alla maggiore durezza e resistenza delle tre pietre confinanti, si è potuta determinare con sufficiente precisione la lunghezza che doveva avere in origine la sua base: 72,2 cm, che coincide con 1,536 x 47,0 = 72,19 cm.

Per le misure degli angoli, più difficili da determinare rispetto a quelle dei lati, la più significativa è offerta dalla pietra in basso a destra della Figura 8, i cui contorni sono netti e hanno permesso di precisare che il suo angolo in basso a sinistra è di 88,5°. Ma anche la pietra della Figura 11 ha fornito due valori interessanti, ambedue di 100,5°, mentre l’angolo a destra nella Figura 12 è risultato di 105°.

Purtroppo molti elementi del muro si sono logorati non solo sulla faccia a vista ma anche sulle altre facce, e per questa ragione non si sono potute effettuare un buon numero di misure.

In definitiva, anche se si sono esaminati due soli siti nell’area greca, possiamo sostenere l’idea che probabilmente tutte le opere megalitiche poligonali (in senso stretto, quindi) che si trovano su territorio italiano e greco sono state costruite con una stessa tecnica e in particolare con le stesse unità di misura per le lunghezze e per gli angoli.

L’adozione di una stessa tecnica costruttiva, tra l’altro molto accurata, rende verosimile l’ipotesi che tutte le mura megalitiche con opera poligonale appartengano a uno stesso, ben determinato, periodo di tempo.

Problema dell’età delle opere poligonali megalitiche

Figura 13
Figura 13 – Necropoli di Cerveteri, località Banditaccia. Muro poligonale con elementi di modeste dimensioni appartenente a un tumulo del VII secolo a.C..

Quando si parla di opere poligonali bisogna fare un’importante distinzione: se si tratta di mura megalitiche o no. Opere poligonali erano realizzate sia da Etruschi che da Romani ma con dimensioni degli elementi assai ridotte rispetto a ciò che appare nelle mura megalitiche. Nella Figura 13 possiamo osservare un tratto di muro con blocchi a contorno poligonale appartenente ad una delle tombe più antiche della necropoli della zona della Banditaccia presso Cerveteri (VII secolo a.C.).

Quando si tratta di blocchi di ridotte dimensioni, dell’ordine di 40 o 50 cm, è più economico sagomare sul luogo blocchi, magari riciclati, a forma di poligono irregolare con l’uso di martello e scalpello e la tecnica del prova e correggi, oppure con l’aiuto di goniometro e metro (come è il caso della Figura 13), anziché usare blocchi regolari e squadrati, che devono essere preparati in cava, trasportati con precauzione fino alla zona di impiego e non sempre possono essere facilmente riutilizzati come tali. E si tratta quindi di distinguere tra un semplice lavoro di tipo “artigianale” e uno più complesso, fatto in serie, che potremo chiamare “industriale”.

Se ritorniamo alle mura poligonali più interessanti per noi, quelle megalitiche, e prendiamo il caso del blocco squadrato di Figura 8, esso è stato ricavato con estrema accuratezza a colpi di scalpello, mentre sarebbe stato molto più semplice tagliarlo con una sega, se i costruttori avessero avuto a disposizione questo strumento. Se ne può inferire che probabilmente in un cantiere così importante la mancanza di seghe fosse dovuta al fatto che la sega non era ancora stata inventata. Infatti, quando vengono usate le seghe, sistematicamente vengono approntate pietre squadrate, e lo scalpello diventa uno strumento secondario.

D’altra parte, prima dell’invenzione della sega, è intuibile che il passaggio dalla seconda alla terza maniera sia stato possibile solo dopo l’introduzione dello scalpello. Possiamo vedere segni evidenti lasciati da uno scalpello nelle pietre del muro di Figura 2. La forma poligonale nella faccia a vista era dettata dall’utilizzo più economico, dal punto di vista dell’energia impiegata, dei blocchi ricavati in cava, mantenendosi il più vicino possibile alla forma generalmente irregolare di questi e avere così il minimo sfrido.

Il passaggio tra la seconda e la terza maniera deve avere rappresentato l’inizio di quella rivoluzione nella lavorazione dei metalli che è stata la metallurgia del bronzo, e perciò dovrebbe avere un valore “cronostratigrafico” in archeologia. Questa affermazione ha un valore generale e non limitato a casi singoli, essendo che dopo l’introduzione della terza maniera è ancora possibile il mantenimento delle maniere precedenti, se vi è qualche convenienza per farlo. Un ragionamento analogo può essere fatto considerando il passaggio all’opera quadrata, del quale però ci occuperemo più avanti.

Le considerazioni fin qui fatte portano a conclusioni che sono molto diverse da quelle a cui la maggior parte degli studiosi arrivano. Possiamo prendere in esame, per esempio, una delle più recenti testimonianze di quello che è il parere più diffuso sull’argomento estraendo alcune frasi dall’introduzione del recentissimo studio sulle mura poligonali curato da Eugenio Polito (2011) per conto dell’amministrazione provinciale di Frosinone.

Secondo questo studioso la “fioritura di grandi circuiti murari poligonali” avvenne nel Lazio in epoca romana con “il miglioramento e la persistenza di tale tecnica… fino alle soglie del I secolo a.C.”. Inoltre “si dovrà riconoscere che … l’avvento delle mura a giunti regolari non pare risalire oltre il IV secolo a.C.. … La stessa tecnica muraria … trovò applicazione … in centri estranei al Lazio … non prima dell’avanzato IV secolo e interessò città come Alba Fucens, nell’Aquilano, Amelia in Umbria, Cosa e la vicina Orbetello nella Toscana meridionale costiera e Lucca nella parte settentrionale della stessa regione.”

Viene portata avanti, in particolare, da questo autore l’idea che le cinte murarie delle diverse città siano opera di coloni che, provenendo dal Lazio meridionale, dove si erano specializzati nell’eseguire cinte difensive in opera poligonale, seguivano l’espansione territoriale di Roma. Per esempio essi sarebbero gli artefici delle mura di Cosa tra il 273 e il 264 a.C.. È evidente in questo modo di pensare l’influenza del Lugli, che attribuiva tutte le quattro maniere all’epoca romana ed ha stabilito, per esempio, che la roccaforte del Circeo è stata costruita dai Romani nel 393 a.C..

Una delle poche voci che escono dal coro, dovuta a Mario Pincherle (1990), riconosce che per le mura megalitiche poligonali l’età deve essere ben più antica, per via delle notevoli affinità con le analoghe opere murarie in Grecia, e suppone una derivazione minoica … a meno, potremmo aggiungere, che i coloni del Lazio meridionale non siano andati al seguito di Roma conquistatrice a costruire opere poligonali anche all’estero.

Figura 14
Figura 14 – Milos. Zona del teatro romano. I valori dell’altezza delle pietre, perfettamente squadrate, risultano essere esattamente multipli del digitus romano (1,85 cm) o della sua metà.

Per fugare questo dubbio, semmai ce ne fosse ancora bisogno, è da considerare la rilevante differenza di tecnica costruttiva esistente tra il muro poligonale di Milo e i muri in opera squadrata che sono presenti nella stessa roccaforte di Klima, chiaramente di produzione romana. Dalla parte opposta del teatro rispetto al lungo muro poligonale, si può ammirare infatti un muro di sostegno (Figura 14) con 14 corsi di pietre perfettamente squadrate, le cui singole altezze a partire dalla seconda fila dal basso e fino alla terzultima fila sono di 55,5 55,5 50,9 50,9 49,05 54,6 49,05 44,4 50,9 56,4 e 54,5 cm.

Considerando che il dito romano era di 1,85 cm, abbiamo da confrontare questi valori con i multipli 1,85 x 30 30 27,5 27,5 26,5 29,5 26,5 24 27,5 30,5 29,5 che risultano essere pari a 55,5 55,5 50,875 50,875 49,025 54,575 49,025 44,4 50,875 56,425 54,575 cm, da cui si nota non solo che i Romani usavano a Milo la loro propria unità di misura, e pure la mezza unità, ma anche che la precisione con cui tagliavano queste pietre era millimetrica, segno che le seghe che utilizzavano dovevano essere supportate da macchine apposite per ottenere un risultato così preciso.

Avendo appurato che l’unità di misura utilizzata per le opere poligonali dell’Italia centrale e dell’isola di Milo è la stessa ed è di 1,536 cm, dobbiamo ammettere che quelle mura difensive sono precedenti rispetto non solo alle più antiche costruzioni romane ma anche a quelle etrusche.

Nel momento in cui sembra che il processo di retrodatazione non possa continuare facilmente, ci possiamo avvalere di una diversa opportunità, venutasi a creare esaminando le mura poligonali di Pyrgi, presso Santa Severa, un luogo importante per l’archeologia perché è risultato essere stato frequentato dall’uomo fin dal IV millennio a.C..

Osservando attentamente come si presenta la situazione di Pyrgi, tre aspetti risultano assolutamente singolari. Per prima cosa, la cinta muraria, che si svolge su un perimetro rettangolare con il lato maggiore perpendicolare alla linea di costa, ha la sua metà verso mare che raggiunge 4 m di altezza mentre la metà rimanente presenta un’altezza uniforme di circa un metro. Se le altezze modeste fossero semplicemente l’effetto di uno smantellamento incompleto, non appare chiaro per quale ragione la metà più bassa sia regolare e continua.

Il secondo aspetto riguarda l’utilizzo dell’area in epoche etrusca e romana. I Romani conquistarono la zona nel 281 a.C. e stabilirono un loro castrum proprio all’interno della metà verso mare del recinto descritto, e si ritiene comunemente che questa data sia anche quella della costruzione dello stesso recinto.

Tale opinione viene giustificata dal fatto che gli Etruschi di Caere, quando allestirono un’area portuale nella stessa zona, costruirono una cittadella con ben tre templi non nell’area entro il recinto in opera poligonale ma a una distanza di 200 m da esso, anche se questo era stato edificato su un terreno molto più stabile. Infatti la zona delle costruzioni etrusche ha subìto una forte subsidenza, e alcuni dei loro edifici si trovano ora tre metri sotto il livello del mare, mentre l’area racchiusa dal muro megalitico non ha subito lo stesso fenomeno.

Figura 15
Figura 15 – Santa Severa. Muro megalitico che ha ospitato il castrum della colonia romana di Pyrgi. Numerosi fori di litodomi si sono creati dopo che questa pietra è stata ridotta rispetto alla forma originaria.

Figura 15 – Santa Severa. Muro megalitico che ha ospitato il castrum della colonia romana di Pyrgi. Numerosi fori di litodomi si sono creati dopo che questa pietra è stata ridotta rispetto alla forma originaria.

Come mai gli Etruschi, così attenti generalmente nello scegliere un sito dove costruire una città, non hanno scelto di sfruttare le difese già in buona parte erette su un terreno di migliori caratteristiche? La risposta viene da un terzo aspetto di quest’area. In una elevata percentuale, le pietre di arenaria del muro poligonale sono perforate da litodomi. La superficie interessata può essere sia quella della originaria faccia a vista, sia una superficie più arretrata dove la pietra si è fratturata (Figura 15), sia la superficie che ora limita superiormente il tratto di altezza minore (Mortari, 2012).

È logico pensare che il mare abbia invaso la zona in esame interrompendo la costruzione e si sia ritirato solo poco tempo prima che avvenisse la conquista romana. È da scartare l’ipotesi che si sia trattato di un movimento verticale della cosiddetta terraferma perché il centro di attività vulcanica a cui potrebbe essere riferito il fenomeno è troppo distante nel tempo e nello spazio. Resta da ipotizzare che sia intervenuta una variazione del livello del mare.

Figura 16
Figura 16 – Variazioni del livello del mare degli ultimi 10.000 anni. I vari simboli rappresentano datazioni con il metodo del radiocarbonio di indicatori di livello, come ostree e mangrovie, raccolti a determinate quote rispetto al livello del mare attuale in varie aree ritenute stabili. Da Mortari, 2005.

Uno studio molto dettagliato di come è cambiato il livello marino dopo l’ultima puntata glaciale e in particolare negli ultimi 10.000 anni è stato compiuto dallo scrivente (Mortari, 2005, 2010) e viene riportato, per la parte che ci interessa, nella Figura 16. La linea che descrive il cambiamento è stata ricavata studiando variazioni cicliche di vario periodo del livello del mare. Il ciclo fondamentale per comprendere le variazioni ha un periodo di 2528 anni (Mortari, 2012). È peculiare di queste variazioni un carattere improvviso che si alterna a periodi relativamente molto più lunghi di stasi, molto diversamente da come la variazione del livello del mare è interpretata comunemente, cioè con modalità graduale. In particolare si alternano due stasi con durate diverse, rispettivamente di 2013 e 148 anni, mentre i raccordi tra i due stazionamenti avvengono con stasi minori, di 10,5 anni in media. L’attuale stazionamento maggiore è previsto terminare nel 2012.

Un altro particolare, molto significativo per i nostri scopi, distingue questa ricostruzione da quelle, purtroppo, molto diffuse nella letteratura geologica, le quali considerano una risalita continua del livello del mare a partire dall’inizio della deglaciazione, avvenuto circa 22.750 anni fa, fino ad oggi. Queste ricostruzioni trascurano ciecamente le numerose tracce e indizi di un mare nettamente al disopra dell’attuale livello intorno a 5000 anni fa, quando le temperature globali erano 2÷3° maggiori di adesso. Tra le tracce disponibili ci sono resti di organismi marini che vivevano in prossimità del livello del mare, come ad esempio ostree e mangrovie. Un buon numero di resti del genere sono stati raccolti in aree notoriamente stabili, sono stati datati con il metodo del radiocarbonio e le loro età compaiono nella Figura 16, confermando l’andamento generale del grafico.

Vi è un dettaglio importante che occorre precisare. La base del muro e il piano di calpestio che ora la circonda sono oggi a una quota di 1,6 ÷ 1,7 m. Tra il 5350 e il 3044 a.C. il livello del mare è stato stazionario alla quota di 1,7 m. Possiamo intuire che la cinta muraria del luogo dove poi sorgerà Pyrgi è cominciata ad essere edificata verso la fine di questo intervallo di tempo.

Quando la costruzione era già avanzata, la superficie del mare si è innalzata improvvisamente più volte e nel giro di 73 anni si è portata alla quota di circa 5,5 m. Dopo avere raggiunto la quota massima di 7 m intorno a 4800 anni fa, il mare è sceso a 4 m e poi a 2 m, dove è rimasto tra il 443 e il 295 a.C.. Nel 295 il livello era sceso a 1,75 e scenderà ancora dieci anni più tardi fino a 1,5 m.

Quando i Romani sono arrivati in quest’area, nel 281 a.C,, il mare dunque era già ritornato a un livello di poco inferiore a quello a cui si trovava quando la costruzione del muro era stata iniziata. E non è stato più un problema il riutilizzo dell’opera interrotta.

In conclusione, abbiamo una data precisa della interruzione della costruzione di questo muro megalitico in opera poligonale: il 3044 a.C..

Se per il muro poligonale di Pyrgi è stato necessario osservare i fori di litodomi per arrivare a conoscere la sua età, per l’analogo muro di Orbetello il discorso è più semplice. Basta considerare che della sua altezza complessiva di 7 m (Pincherle, 1990) ben 4 sono sott’acqua. Il mare, dopo essere rimasto alla quota di -9 m tra l’8174 e il 5572 a.C., si è stabilizzato a -4 m tra il 5499 e il 5351 a.C.. Anche su questo muro si possono osservare fori di litodomi, seppure con molta maggiore difficoltà a causa della natura della roccia, molto alterabile in superficie perché costituita da un calcare dolomitico fittamente interessato da microfratture. Se, come si è ipotizzato a Pyrgi, anche qui la costruzione del muro è stata iniziata alla quota del mare, è in quest’ultimo intervallo di tempo che deve essere collocata la data di costruzione del muro di Orbetello.

La data minima del 5351 a.C. pone un rilevante problema. Abbiamo sostenuto che l’opera poligonale è uno dei prodotti dell’uomo che è stato possibile grazie alla metallurgia del bronzo. Mentre la diffusione del bronzo in Europa viene fatta iniziare non prima del 3500 ÷ 3300 a.C., il caso di Orbetello ne fa retrodatare l’inizio di circa 2000 anni.

Dato che le mura poligonali appaiono come una evoluzione delle mura di prima e seconda maniera, c’è da pensare che chi ha adottato la tecnica poligonale ha probabilmente anche inventato la metallurgia del bronzo. È possibile che, trattandosi di una invenzione di importanza strategica, essa abbia avuto applicazioni solo in campo militare finché non è stata imitata da altre popolazioni e ha potuto estendersi all’uso civile.

L’allestimento di questo tipo di muro, legato dunque all’impiego di scalpelli, precede sicuramente la tecnica che in modo sistematico lavora le pietre ottenendone blocchi squadrati e che sfrutta l’invenzione rivoluzionaria della sega.

Basta quindi passare in rivista le opere più antiche di quest’altro genere per avere un’idea di quale può essere il terminus ante quem si è passati dallo scalpello alla sega ovvero dall’opera poligonale all’opera squadrata perfetta. Potremmo prendere come riferimento provvisorio il 2650 a.C., che è all’incirca la data a cui è fatto risalire il complesso funerario del faraone Zoser della III dinastia a Saqqara. Qui le pietre sono squadrate magistralmente, e ciò fa pensare che forse è proprio l’antico Egitto che ha dato origine alla nuova tecnica, avendo conosciuto la metallurgia del bronzo fin dal periodo protodinastico, intorno al 3150 a.C., e avendo poi raggiunto una straordinaria ed ineguagliabile abilità nel campo delle costruzioni durante l’Antico regno.

Dopo tale innovazione è possibile ritornare indietro all’uso dello scalpello anche per opere importanti, ma non alla tecnica poligonale in mura megalitiche. Lo possiamo osservare nelle mura di Micene: le più antiche sono della seconda maniera. C’è poi qualche punto ripristinato con tecnica poligonale e infine, nel corridoio di accesso alla Porta dei leoni si riconosce un’opera squadrata ottenuta con l’uso di martello e scalpello per il fatto che la squadratura non è perfetta. Quest’ultima modalità si ripete nel dromos che conduce alla tomba a tholos “di Atreo”.

Con grande probabilità l’invenzione della sega può dunque essere collocata nel tempo tra l’età del muro poligonale di Pyrgi e i più antichi monumenti di Saqqara, ovvero in quei quattro secoli compresi tra il 2650 circa e il 3044 a.C.. Essa segna molto probabilmente anche la fine della tecnica poligonale s.s..

In definitiva, si può ipotizzare che le varie modalità costruttive esaminate:
1) – opera megalitica grezza
2) – opera megalitica sgrossata
3) – opera megalitica poligonale
4) – opera squadrata
abbiano iniziato ad apparire con questo stesso ordine cronologico. Ritengo che la quarta maniera di Lugli sia successiva all’opera squadrata in quanto ne sarebbe semplicemente una grossolana imitazione.

È difficile dire quando sia comparsa l’opera lesbia. È importante che il periodo di sua massima diffusione sia il VI secolo a.C. e limitatamente al mondo greco, perché ciò suggerisce un suo carattere relativamente recente.

È il caso di rilevare infine che pietre squadrate con uso di scalpello erano già impiegate sistematicamente nei muri difensivi in opera poligonale, ma solo in corrispondenza delle porte principali e dei marcati cambiamenti di direzione.

Considerazioni finali

L’uniformità, la precisione e la diffusione geografica della tecnica utilizzata per erigere mura poligonali è il filo di Arianna che ci può fare risalire a quella grande civiltà che per almeno 2000 anni – probabilmente sono molti di più – ha dominato il bacino del Mediterraneo disseminandolo di proprie roccaforti e di cui purtroppo si è persa l’identificazione.

Se dunque facciamo corrispondere questa misteriosa civiltà con la tecnica dei muri con elementi poligonali, possiamo immaginarne il declino tra il 3000 e il 2500 a.C. circa. D’altra parte non conosciamo ancora il momento del suo inizio, che dovrebbe corrispondere non alla prima apparizione dell’opera poligonale ma almeno al primo utilizzo dell’opera megalitica sgrossata.

Come fare per identificare questa civiltà? Un modo è di scavare nella letteratura antica. Vi sono molte strade che conducono ad un unico nome: i Pelasgi. I quali orbitavano intorno al Mar Egeo. Ma chi erano questi Pelasgi?

Secondo Virgilio essi furono i primi abitatori della nostra penisola e per Strabone furono i fondatori di Caere, di cui abbiamo parlato a proposito di Pyrgi. Per Erodoto erano gli abitanti della Grecia prima dell’arrivo dei popoli di lingua ellenica, quando la regione si chiamava “Pelasgia”; successivamente, nel periodo classico, essi abitavano Lemno. Stranamente però una loro più precisa ubicazione è diversa per autori diversi. Nell’Odissea sono chiamati anche i “popoli di Creta”, intendendo ovviamente coloro che abitavano quest’isola prima dell’arrivo degli Achei, mentre nell’Iliade sono ubicati tra Tracia ed Ellesponto, ma poi la loro capitale viene considerata Larissa in Tessaglia, mentre nell’Epiro, a Dodona, si trovava un tempio dedicato allo Zeus pelasgico. Per Tucidide l’origine di Atene è pelasgica.

Per giustificare tali diversità possiamo supporre che la civiltà che si serviva dei muri poligonali per difendere le proprie città abbia avuto un periodo di grande compattezza ed unità. Poi verso il 3000 o 2500 a.C. – solo per dare delle date indicative – questa unità si è persa, e ampie regioni si sono rese autonome: la Tessaglia, la Tracia, Creta e altre ancora. Tutti erano Pelasgi ma non c’era più il senso di una patria o un governo comune. Così, chi li voleva identificare si riferiva a popolazioni che forse rispecchiavano maggiormente il carattere antico dei Pelasgi o che l’autore, direttamente o indirettamente, conosceva meglio. È probabile che con la denominazione “popoli del mare” ci si riferisse a popoli che discendevano dai Pelasgi e che ne conservavano ancora le antiche abilità marinare.

I Pelasgi erano sicuramente valenti marinai, ed è facile pensare che abbiano dominato tutto il Mediterraneo per millenni. In considerazione dello stato di avanzato progresso tecnico di questo popolo, essi potrebbero avere inventato, oltre alla metallurgia del bronzo, anche l’arte della navigazione. Il ragionamento si basa su alcuni punti di forza.

Il mare Mediterraneo è l’ambiente ideale per fare sbocciare la navigazione. E più in particolare lo è il mare Egeo, dove diverse isole sono in vista dal continente, come avviene per Egina, Angistri, Poros, Idra, Dokos, Spetses intorno alle coste dell’Argolide. Raggiungere queste isole poteva essere il modo di difendersi da aggressioni di altri popoli senza bisogno di erigere mura difensive.

Quindi, forse non è del tutto casuale che la prima evidenza di un commercio marittimo venga proprio dall’Argolide e precisamente dalla grotta di Franchthi, che si affaccia sul golfo di Nauplia. In questa grotta, che è stata frequentata dall’uomo fin dal Mesolitico, è stata trovata ossidiana lavorata in uno strato datato intorno all’8500 a.C.. Le analisi petrografiche hanno dimostrato che questa ossidiana è provenuta dall’isola di Milo, che è distante 150 km. Negli stessi strati sono state trovati anche resti di pesci di grande taglia, che indicano una pesca d’altura.

Infine, potrebbe essere non del tutto casuale anche il fatto che nell’entroterra che si affaccia sullo stesso golfo di Nauplia vi è la massima concentrazione di importanti città fortificate con mura megalitiche: in un raggio di appena 10 km troviamo Nauplia, Micene, Tirinto e Argo.

Tucidide ci fornisce un dettaglio interessante: i Pelasgi si distinguevano per il fatto che costruivano le loro città che si trovavano in prossimità del mare con le mura fondate sulla spiaggia stessa. Questo dettaglio corrisponde a quanto è stato ricostruito per Pyrgi e forse anche per Orbetello.

Questa civiltà delle città fortificate con mura megalitiche, che possiamo senza timori chiamare pelasgica, potrà continuare a svelare i suoi segreti se si svilupperà la volontà che ciò avvenga. In particolare l’archeologia subacquea potrebbe attivarsi per acquisire nuovi dati circa l’età delle prime mura poligonali. Dato che, a quanto pare, Orbetello è stata fondata al livello del mare durante lo stazionamento che il mare ha avuto a -4 m e questo ha permesso di attribuire a tale evento un’età di almeno 7360 anni circa, si potrebbe fare un piccolo passo verso la precisazione dell’inizio della civiltà pelasgica se si trovasse in qualche punto del Mediterraneo una analoga fortificazione fondata su un terreno alla quota del precedente stazionamento marino, cioè a -9 m, a condizione che l’area indagata possa essere considerata stabile. Magari potrebbe essere utile tener conto di quanto riferisce ancora Tucidide, secondo il quale i Pelasgi, per favorire i propri traffici, si erano insediati in corrispondenza degli istmi.

Viene proposto infine che l’unità di misura riscontrata per le opere poligonali dell’Italia centrale e di Atene e Milo sia chiamata “dito pelasgico”.

Opere citate

G. Lugli (1946). Corso di Topografia dell’Italia antica. Edizioni dell’Ateneo, Roma. 130 pp.
G. Lugli (1947). Le fortificazioni delle antiche città italiche. In RAI, II, pag. 294-307.
G. Lugli (1957). La tecnica edilizia romana, con particolare riguardo a Roma e Lazio. Bardi.
G. Lugli (1965). Conclusioni sulla cronologia dell’opera poligonale in Italia. In Studi minori di topografia antica. Roma. pag. 27-32.
E. Polito (2011). a cura di. Guida alle mura poligonali della provincia di Frosinone. Provincia di Frosinone. 96 pp.
M. Pincherle (1990). La civiltà minoica in Italia. Le città saturnie. Pacini. 218 pp.
R. Mortari (2005). A new reconstruction of recent sea level changes. A reference for a correct appraisal of subidence in coastal areas. Atti III Congresso Nazionale AIAR, Bressanone. Patron. p. 433-443.
R. Mortari (2010). I ritmi segreti dell’Universo. Aracne. Roma. 336 pp.
R. Mortari (2012). 2012 – Dalla profezia Maya alle previsioni della scienza. 85 pp.
R.L. Scranton (1941). Greek walls. Cambridge, Mass.
Roma, 19 novembre 2012

Antico taglio – Ancient cut

 Archeologia, Materia  Commenti disabilitati su Antico taglio – Ancient cut
Giu 202019
 

Il tempo è inesorabile. (…) ci lascia con solo “frammenti” che spesso vengono estratti solo con grande difficoltà. E più tempo è passato dal momento di una certa realtà, ai giorni nostri, più i piccoli “frammenti” sono a nostra disposizione per la ricostruzione di questo “gigantesco mosaico”.

L’antico taglio

A chi non sarà capitato di ammirare la magnificenza delle piramidi in Egitto e domandarsi come sia stato possibile edificarle per gli antichi che disponevano di mano d’opera e mezzi primitivi.
Le piramidi, realizzate con blocchi di calcare mediamente pesanti 2 Tonnellate e mezza.
Analizzando il lavoro compiuto, hanno :
1) Tagliato i blocchi di calcare della dimensione desiderata
2) Trasportato i blocchi di calcare dalla cava a Giza
3) Hanno messo in opera tonnellate e tonnellate di blocchi fino all’altezza di : 61 m. (Micerino), 136 m. (Chefren) e 139 m. (Cheope).

Un lavoro a dir poco titanico considerato che secondo le testimonianze furono impiegati solo 20 anni per realizzare quella di Cheope.
Inoltre gli antichi egizi hanno creato artefatti che non possono essere semplicemente spiegati. Gli strumenti in rame non corrispondono assolutamente al “livello di abilità”, che è evidente negli artefatti. Ci sono una serie di oggetti intriganti che sono sopravvissuti a questa civiltà e, nonostante i suoi monumenti più visibili e impressionanti, abbiamo solo una comprensione frammentaria delle piene capacità della sua tecnologia. Gli strumenti esposti dall’Egittologia come strumenti per la creazione di molti di questi incredibili reperti sono fisicamente incapaci di produrli.
Un egittologo britannico, Sir William Flinders Petrie, ha riconosciuto che questi strumenti erano insufficienti. Ha studiato a fondo questa anomalia nelle Piramidi e nei Templi di Giza e ha espresso stupore per i metodi che gli antichi egizi usavano per elaborare rocce vulcaniche solide. Li ha collegati a metodi che “… stiamo solo ora iniziando a comprendere”.

William Matthew Flinders Petrie

Nel 24 Aprile 1883, Sir William Matthew Flinders Petrie (Charlton, 3 giugno 1853 – Gerusalemme, 28 luglio 1942) presentò all’Istituto Antropologico di Londra, uno studio sui fori effettuato su blocchi di roccia molto dura come il granito e il diorite.
Link documento : https://issuu.com/derekwillstar/docs/on-the-mechanical-methods-of-the-an

On the Mechanical Methods o… by on Scribd

Tra i vari dati tecnici riportati da Petrie, si poteva osservare quello di un foro realizzato su un blocco di granito dal diametro di 5,6 cm. E all’interno un solco a spirale con cinque giri con una differenza tra di loro di 2,3 millimetri, il che significa quasi un metro di profondità con un solo giro di perforazione.
Anche nel caso dei blocchi della Grande Piramide, le cifre erano sconcertanti in quanto si vedeva che in ogni giro il trapano entrava nella roccia di granito rosso per 2,5 millimetri; un dato inspiegabile se consideriamo che con la nostra moderna tecnologia i trapani di diamante sintetico perforano 0m05 millimetri alla volta esattamente cinque volte meno di quelli primitivi e rudimentali trapani egizi.
Negli altri fori studiati dal diametro di 11,43 cm. E realizzati su un durissimo blocco di diorite si poteva osservare il solco a spirale che raggiungeva le 17 volte, cioè nientemeno che 6 metri con un solo giro.
Tra la sorpresa e l’incredulità continuarono ad apparire nuovi dati di fori di ogni tipo di diametro, dai 70 cm. Fino a quelli minuscoli da 1 cm. Ma non meno effettivi dei primi al momento della penetrazione nella dura roccia.
I nostri materiali per la foratura più moderni della durezza massima secondo la scala di Mohs, raggiungono il livello 11 su 10, che è quella del diamante, una pietra che gli Egiziani non conoscevano. Questi materiali di livello 11 come il diamante nero, sono molto lontani dall’ottenere i risultati raggiunti dagli antichi strumenti egizi.
Secondo la scala di Mohs, che stabilisce un livello da 1 a 10 per la durezza dei materiali, a B. Baker, dopo aver applicato una semplice regola di tre, non rimase altro che viste le irrefutabili prove ed evidenze che ancora oggi rimangono tali e quali, assicurare che il materiale impiegato per le trapanature degli antichi Egizi avrebbero dovuto avere perlomeno una durezza di livello 500.
Un autentico controsenso se teniamo presente il livello 11 che è il massimo raggiunto dalla tecnologia del XX secolo a partire dagli elementi sintetici e un livello 101 che è anche il massimo che troviamo in natura.
Tra le conclusioni finali che troviamo nel resoconto Baker risalta quella che segue:
“…L’unica differenza nel funzionamento del trapano antico e quello moderno è una enorme pressione sui trapani che le nostre moderne frese d’acciaio e diamante non possono resistere.
La pressione massima che un moderno trapano può sopportare è di un 50 chili, però gli strumenti egiziani ne sopportavano almeno 2.000…”

Seguono alcune caratteristiche dell’Antico Taglio :

Carotaggio – Core drill

Tratto da link : http://old.lah.ru/konspekt/taina/amae-text.htm (Tradotto da Google)
Restringimento all’estremità e fori e il nucleo.
Scanalatura a vite simmetrica dopo queste costrizioni, a indicare che il trapano si è spostato nel granito con una velocità di avanzamento di 0,1 pollici per giro del trapano.
Il fatto sorprendente è che la scanalatura a spirale del trapano è più profonda quando passa attraverso il quarzo che attraverso il feldspato più morbido.
In normali lavorazioni, si verificherebbe una tale inversione. Nel 1983, Donald Ran ( Rahn Granite Surface Plate Co., Dayton, Ohio) mi ha detto che le frese diamantate, ruotando ad una velocità di 900 giri al minuto, penetrano nel granito alla velocità di 1 pollice in 5 minuti. Nel 1996, Eric Leiter (Trustone Corp) mi ha detto che questi parametri non sono cambiati da allora. La velocità di avanzamento dei trapani moderni è quindi di 0.0002 pollici per giro, a dimostrazione del fatto che gli antichi egizi erano in grado di perforare il granito con una velocità di avanzamento di 500 volte superiore (o più profonda per giro di foratura) rispetto alle trivelle moderne. Altre caratteristiche rappresentano anche un problema per le esercitazioni moderne. I trapani antichi creavano fori affusolati con una scanalatura a spirale che veniva perforata più in profondità attraverso l’elemento più duro del granito.

Vetrificazione della materia – The Reflex

Un’altro aspetto da considerare è la vetrificazione della Materia, ottenuta tramite l’antico taglio, una lavorazione che restituisce superfici riflettenti.

(La parte soggetta al taglio è come se subisse una sorta di “ceramizzazione” che la rende più fragile ma può essere più o meno lucida) :

Rendere la materia soffice – Soft Stones

La materia sottoposta all’Antico taglio viene resa “soffice” (della consistenza della ricotta) almeno per un certo periodo, finché non si “scarica” dall’energia primordiale di cui è stata caricata (anche tramite il potere delle punte) fino ad allora, è possibile asportarla, o modellarla agevolmente :

Vasi di pietra

Granito, perfettamente bilanciata (produrre un pezzo del genere in argilla sarebbe molto impressionante, in granito è incredibile.)

Granito, perfettamente bilanciata (produrre un pezzo del genere in argilla sarebbe molto impressionante, in granito è incredibile.)

Ma il grande trionfo è una ciotola di diorite (No. 4716) Traslucida e piena di piccole inclusioni, ancora questa ciotola, 6 pollici di diametro, è solo 1/40 di pollice (0,025′) di spessore nella sua parte più grande ; giusto dietro l’angolo il suo spessore, dove si ingrossa, ma una piccola scheggiatura proprio all’esterno della forma dimostra la sua straordinaria sottigliezza non più spessa di una carta da gioco. (W.M.F. Petrie 24 April 1883)

Attualmente siamo in grado di riprodurre vasi di pietra in questo modo, scavando solo un buco all’interno, mentre gli antichi riuscivano a lavorare interamente il pezzo.

Ciotola in Diorite, la materia è stata piegata per realizzare gli orli.

Questo è il modo in cui venivano realizzati i vasi con l’antico taglio, asportando completamente la materia in eccesso.

Ciotola in Diorite, talmente sottile che è stata resa trasparente.

Vaso Assiro in Ametista, durissima e facilmente scheggiabile.


Consultare anche il link : https://www.fortunadrago.it/5554/vasi-roccia-pietra/

Colosso di Ramesse

Il Colosso di Ramses II a Mit Rahina

Quando la statua fu scoperta nel 1820, Muhammad Ali Pasha, il governatore dell’Egitto in quel momento, donò la statua al British Museum, ma il museo si scusò per aver accettato il dono. Nonostante la magnificenza della statua, non sono riusciti a trovare un modo per trasportarlo a causa delle sue dimensioni e del suo peso. La Gran Bretagna era il paese dominante del mondo in quel momento e con le flotte più grandi, nonostante non riuscisse a trovare un modo sicuro per trasportarlo, la statua nella sua dimensione completa pesa quasi 100 tonnellate .. In Egitto, hanno scoperto che il taglio e il trasporto è costoso. Hanno trovato più facile lasciare nello stesso posto e creare un museo intorno ad esso! .. Voglio che tu, caro lettore, immagini come viene trasferito il produttore dalla sua posizione originale a questo posto!

Questa statua, che è stata esaminata dall’ingegnere Christopher Dan negli anni Novanta e ha notato qualcosa di transitorio .. che le aperture del naso della statua sono simili .. Questa è stata una motivazione per fare uno studio sul volto della statua nel 2005 e provato un “semitre” completo dalla fronte all’enorme statua (un’asimmetria tra le due metà del viso) che lo ha completamente escluso di essere scolpito con martelli e scalpelli e che c’è un altro modo di intagliare la statua che non è stato ancora scoperto.

Non dobbiamo aver paura di riconoscere che non sappiamo cosa sia realmente la Materia e ne tanto meno la Gravità. Che gli antichi avessero delle conoscenze e tecniche di manipolazione della Materia migliori delle nostre attuali ed hanno reso possibile ciò che oggi per noi è IMPOSSIBILE.

Link presenti sul sito per approfondire :

Che cos’è la Materia per la Scienza… : https://www.fortunadrago.it/2078/che-cose-la-materia-secondo-la-scienza/

I Maestri della Materia : https://www.fortunadrago.it/2398/i-maestri-della-materia/

Edward Leedskalnin (il costruttore solitario di Coral Castle – Homestead – Florida) : https://www.fortunadrago.it/approfondimenti/edward-leedskalnin/

Particelle solari mutano la Materia sulla Terra… : https://www.fortunadrago.it/2578/particelle-solari-mutano-la-materia-sulla-terra-lo-strano-caso-dei-brillamenti-solari-e-degli-elementi-radioattivi/

Universo Magnetico : https://www.fortunadrago.it/2744/universo-magnetico-primer-fields/

Energia Liquida : https://www.fortunadrago.it/2881/energia-liquida-teoria/

Effetto Hutchison : https://www.fortunadrago.it/3400/effetto-hutchison/

La Materia energia solidificata : https://www.fortunadrago.it/3868/la-materia-energia-solidificata/

Tutto ciò non è che bolle di sapone : https://www.fortunadrago.it/5084/non-bolle-sapone/

Vita Minerale : https://www.fortunadrago.it/5121/vita-minerale-mineral-life/

Vasi di roccia (pietra) : https://www.fortunadrago.it/5554/vasi-roccia-pietra/

Lo strano caso di Rolando Pelizza : https://www.fortunadrago.it/6137/lo-strano-caso-rolando-pelizza/

Viviamo in un Universo Magnetico : https://www.fortunadrago.it/6315/viviamo-un-universo-magnetico/

Breve storia dell’etere : https://www.fortunadrago.it/6744/breve-storia-delletere-dagli-antichi-greci-fino-al-xx-secolo/

Il segreto di madre natura : https://www.fortunadrago.it/approfondimenti/pierluigi-ighina/il-segreto-di-madre-natura/

Impronte umane di 5,7 milioni di anni fa, duro colpo all’ evoluzionismo

 Archeologia, Biologia  Commenti disabilitati su Impronte umane di 5,7 milioni di anni fa, duro colpo all’ evoluzionismo
Set 242017
 
Impronte umane

Tratto dal link origine : http://epochtimes.it/news/impronte-umane-di-57-milioni-di-anni-fa-duro-colpo-allevoluzionismo/

La scoperta a Creta di impronte umane impresse in una antichissima pietra fossile, minaccia di azzerare tutto quello che gli scienziati attualmente sanno sullo sviluppo della civiltà umana. Il nuovo reperto di Creta viene dopo altri recenti ritrovamenti in Europa che mettono in dubbio l’ipotesi che l’Africa sia stato il luogo che ha ospitato i primi esseri umani.

Il fossile di Creta risale a 5,7 milioni di anni fa, e quindi non è conforme alle credenze degli scienziati che seguono la teoria dell’evoluzione: sul fossile sono ben visibili delle impronte umane, non di scimmie. Questo vuol dire che l’umanità ha un’origine molto più antica di quello che si è pensato finora e che esiste una linea diversa di sviluppo dell’uomo, dato che la scoperta sposterebbe la nostra origine in un periodo molto più lontano e in un luogo molto diverso rispetto a quello indicato dagli evoluzionisti nelle teorie pre-esistenti.

Impronte umane scoperte nel sito di Trachilos (Creta)

La forma dell’impronta sul fossile di Creta riflette la struttura di un piede che supporta lo stare eretti: la pianta lunga, le dita corte con un dito più grande (l’alluce), l’avampiede ben distinto e l’assenza di artigli dell’impronta sono senza dubbio umani; se fosse stata l’impronta di una grande scimmia sarebbe stata molto più simile ad una mano umana.

Analisi degli strati sedimentari del reperto di Creta (Andrzej Boczarowski)

La scoperta stupisce e fa sorgere dubbi in quanto indicherebbe che gli esseri umani erano presenti sulla terra molto prima di quanto si era pensato fino ad ora e che le origini dell’umanità non sono in Africa o per lo meno per le scoperte di fossili più vecchi ritrovati fuori dall’Africa. Potrebbe indicare molto di più e suggerire che esistono diverse linee di progenitori di diverse stirpi dell’umanità.

Quello che gli scienziati prima pensavano era che le impronte trovate in Tanzania risalenti a 3,7 milioni di anni fa, rappresentassero il reperto più antico, sebbene anche per questo si ritiene che siano più simili alle impronte di scimmie che di esseri umani.

Il fossile di Creta è stato scoperto da Gerard Gierlinski, paleontologo del Polish Geological Institute, mentre era in vacanza sull’isola nel 2002 e fin da allora è stato sottoposto a un decennio di studi.

Le impronte sono state lasciate quando Creta era ancora parte della Penisola greca, l’età è stata dedotta analizzandole con il metodo chiamato ‘foraminifera’ che analizza i microfossili marini, insieme con l’analisi della posizione delle impronte negli strati sedimentari del terreno in cui sono state trovate; gli strati sedimentari si sono formati, circa 5,6 milioni di anni fa, quando il mar Mediterraneo si è prosciugato parzialmente abbassandosi.

Le più antiche orme umane conosciute

Come ha riportato il Telegraph un’altra scoperta paleontologica che mette a soqquadro le menti degli scienziati e crea una rottura con il concetto che sia l’Africa il più antico e l’unico luogo in cui è sorta l’umanità, sono i fossili di 7,2 milioni di anni fa ritrovati in un’altra parte della Grecia e in Bulgaria, che hanno subito una riclassificazione come appartenenti ad antenati pre-umani.

A dispetto delle continue scoperte ci sono ancora scienziati che rifiutano qualsiasi nozione che includa la possibile origine dell’umanità anche in Europa.

Traduzione di Fabio Cotroneo

Tradotto dall’articolo originale in inglese link : http://www.theepochtimes.com/n3/2290562-5-7-million-year-old-human-footprints-found-in-crete-obliterate-previous-thinking-on-human-origins/

Gallery

Giovanni Battista Belzoni

 Archeologia  Commenti disabilitati su Giovanni Battista Belzoni
Mag 212017
 
Giovanni Battista Belzoni

Giovanni Battista Belzoni (Padova, 5 novembre 1778Gwato, 3 dicembre 1823) è stato un esploratore pioniere dell’archeologia e un viaggiatore italiano. È considerato una delle figure di primo piano dell’egittologia mondiale.

Tratto dal link originale : http://www.blogdipadova.it/giovanni-belzoni-indiana-jones-di-padova/

(…) Per la sua incredibile vita avventurosa la sua figura meriterebbe una maggiore valorizzazione se è vero che le avventure vissute dal nostro Belzoni pare abbiano ispirato il personaggio cinematografico Indiana Jones, noto in tutto il mondo e creato da George Lucas. Scusate se è poco! Ma sappiamo bene che il detto “Nemo propheta in patria est” è particolarmente azzeccato a Padova…

Giovanni Belzoni esploratore egittologo PadovaDopo aver letto la sua biografia è infatti facile associare il Belzoni (vedi nell’immagine a sinistra un ritratto con il look “alla araba” che prese dal momento in cui iniziò a fare l’esploratore) ad Indiana Jones (omaggiato poi da Walt Disney con il personaggio a fumetti Indiana Pipps, eheeh) o ad altri personaggi spesso esaltati dal cinema piuttosto che dalla letteratura proprio per la sua vita avventurosa a tal punto che appare molto verosimile il fatto che ad ispirare George Lucas nella creazione del suo personaggio cinematografico fu proprio l’esploratore padovano. D’altra parte il “vero” Indiana Jones seppur noto in determinati ambienti, non ha di certo la popolarità di quello interpretato da Harrison Ford e la prima responsabile è senz’altro la sua città natale, la nostra Padova se è vero che Belzoni è mediamente più noto come l’istituto professionale che da Giovanni Belzoni prende il nome.

Casa dell

Casa del Belzoni

Nacque a Padova nel 1778 da una famiglia modesta e fino all’età di 16 anni aiutò il padre nella bottega di barbiere al Portello. Quella sulla sinistra è la sua casa, al civico 42 di via Belzoni, la casa di Indiana Jones!! Avete visto che insegna, eh?

Fin da giovane si trasferì a Roma dove iniziò ad interessarsi soprattutto di idraulica, ma cominciandosi anche ad accostare all’archeologia, forse sotto il fascino delle rovine dell’antica Urbe. Si trasferì poi a Parigi, dove si mise  vendere per strada immagini sacre e altri oggetti. Per evitare la coscrizione nell’esercito napoleonico riparò in Inghilterra nel 1803 dove tra i vari lavori arrivò a fare anche l’”uomo forzuto” in un circo. Era alto 2 metri e aveva un fisico imponente. Si presentava al pubblico come Patagonian Sanson (Sansone della Patagonia) ed il suo numero principale era quello di riuscire a sollevare una piramide umana di 12 persone!!

Viaggiò poi in Spagna, Portogallo, Sicilia e Malta, allestendo anche spettacoli di idraulica applicata, creando giochi di acqua e di fuoco, che ebbero molto successo nel mondo del teatro. Nel 1815, durante un soggiorno nell’isola di Malta venne a sapere che il viceré d’Egitto, Mohammed Ali, era alla ricerca di nuove soluzioni nel campo di idraulica per risolvere problemi legati all’irrigazione. Si decise così a partire per l’Egitto per mettere a disposizione le sue conoscenze nel campo. Fu l’inizio di una nuova vita. Belzoni presentò al sovrano una macchina di sua invenzione per il sollevamento dell’acqua, macchina che però non ebbe il successo sperato. Ma in Egitto Belzoni ebbe modo di conoscere il console generale britannico, Henry Salt, che era anche un amante dell’archeologia egizia, il quale gli commissionò il trasporto, dal tempio funerario di Qurneh (Tebe ovest) al British Museum di Londra, di una statua colossale di Ramesse II (vedi a destra la raffigurazione dello stesso Belzoni). Sfruttando le sue conoscenze di ingegneria idraulica, piuttosto che le sue scarse nozioni archeologiche, Belzoni riuscì a portare a compimento l’impresa, che segnò l’inizio di altre “imprese” archeologiche.

Abu simbelIn un momento in cui l’egittologia era ancora agli inizi e in cui la scrittura geroglifica non era stata decifrata, Belzoni si mise a viaggiare per il Paese scoprendo monumenti di grande valore, dedicandosi a scavi e a prospezioni archeologiche in zone anche poco note. Arrivò ad Abu Simbel, iniziando lo scoprimento del tempio di Ramesse II (vedi foto a sinistra, lo stesso tempio di Gardaland per intenderci…;)). Asportò da File un obelisco, che si rivelò poi di grande importanza per la decifrazione della scrittura egizia; condusse scavi nel tempio di Mut a Karnak, da dove prelevò alcune bellissime statue; cominciò ad esplorare la necropoli della Valle dei Re, scoprendo le tombe di Ramesse I e di Sethi I (ottobre 1817). Nel marzo del 1818 trovò l’ingresso della piramide di Chefren, che si pensava massiccia, e l’evento suscitò in Inghilterra un tale entusiasmo, che venne coniata una medaglia commemorativa dell’evento. All’interno della camera sepolcrale mise la sua firma “Scoperta da G. Belzoni, 2 mar. 1818.”.

Esplorò anche la città di Berenice sul Mar Rosso e l’Oasi del Fayyum. Molti sono i meriti di Belzoni; tra questi “prudenza estrema nello stabilire la datazione di un monumento…sobrietà e precisione nelle descrizioni… assenza di interpretazioni avventate degli oggetti, e di ogni mitizzazione degli antichi Egiziani”. “Notevoli furono l’impegno nel ricopiare e ricalcare in cera buona parte dei bassorilievi della tomba di Seti I, come pure, rintracciata la città di Berenice, la cura nel rilevare la zona e abbozzare un tentativo di datazione in base ai dati del tempio ivi rinvenuto; precisione e metodo il B. dimostrò nell’apertura della piramide del re Chefren, riuscendo nell’impresa attraverso un attento esame della struttura interna della piramide di Cheope.

Ritratto di BelzoniNel 1819 Belzoni fece ritorno in Inghilterra, avendo procurato al British Museum importanti monumenti egizi, grazie ai quali la modesta collezione egizia era diventata molto importante. Altri cimeli vennero dati a Cambridge, a Bruxelles, a Padova. La relazione dei suoi viaggi fu scritta in inglese in quegli stessi anni, corredata da un bellissimo volume di tavole. Il racconto ebbe un notevole successo, così come la mostra, allestita nella Egyptian Hall di Piccadilly dei calchi grafici tratti dalla tomba di Sethi I. Ai primi del 1823 Belzoni partì nuovamente per l’Africa per conto dell’Associazione africana con sede a Londra. Nel dicembre dello stesso anno, mentre si trovava in Nigeria morì, colpito da malattia.

Statua di Ramesses al British MuseumBelzoni quindi fu molto importante per l’archeologia e per un museo quale il British Museum. Leggendo quà e là su internet pare che Rappresentativi Britannici fecero credere a Belzoni che le sue scoperte Egizie gli sarebbero state accreditate. Lavorò instancabilmente,(usando miracolosamente quel suo innato fiuto di ricerca) portando alla luce incredibili reperti attualmente in mostra al British Museum di Londra. Fu impunemente ingannato e usato dall’allora governo Britannico che gli negò l’onore di essere nominato come autore dei ritrovamenti. Se vi recate al British Museum e vedete la statua di Ramesses (vedi foto a sinistra) sappiate che è lì per merito di Belzoni nonostante non troverete scritto il suo nome se non dietro all’orecchio del faraone si cui lo stesso Belzoni iscrisse il suo nome.

Navigate nel British museum >> Click here <<

La BBC qualche tempo fa racconto` la vita del Grande Belzoni in un serial televisivo, esponendo finalmente una verita` che per troppo tempo fu soppressa. Sarebbe bello un giorno poter vedere il suo nome inscritto al British Museum, vicino ai suoi amati reperti egizi.

C_1_Immagini_2317_Immagine

La Sala Egizia al Caffè Pedrocchi

A Padova gli è stata dedicata una via nel cuore del borgo dove era nato, il Portello,il più popolare dei borghi padovani, via Belzoni appunto di cui parlerò magari in futuro nella rubrica “le strade di Padova”. Presso il Museo Archeologico all’interno del complesso dei Musici Civici degli Eremitani esiste una sezione egizia formata da due sale dedicate al pionere dell’egittologia Giovanni Belzoni.

Una curiosità è rappresentata anche dal fatto che il Belzoni conosceva Jappelli, il noto ingegnere ed architetto che progettò il Caffè Pedrocchi, al cui interno, la Sala Egizia e quella Moresca rappresentano proprio un omaggio di Jappelli all’esploratore padovano. Altra curiosità il libro che ho trovato su internet a lui dedicato. Un libro in lingua inglese scritto nel 2006 e intitolato “The Great Belzoni. The Circus Strongman Who Discovered Egypt’s Ancient Treasures” di Stanley Mayes.

Insomma l’omaggio a Belzoni è stato fatto su un piano “intellettuale” ma non popolare se è vero che la maggioranza dei padovani associa a Belzoni molto più probabilmente all’istituto professionale che ad Indiana Jones o comunque ad un esploratore ed uno dei più importanti egittologi al mondo.

Riuscirà mai a Padova, una volta tanto, di dimostarsi un po’ orgogliosa e di “rivendicare” la legittimità di una paternità di un personaggio così famoso in tutto il mondo? Non dico di acquistare la casa per farci il museo di Indiana Jones e dell’esplorazione (ma anche si) ma far qualcosa in più per valorizzare questa figura a scopo turistico/culturale!

Intanto ci ha pensato la “mitica” Sergio Bonelli edizioni qualche anno fa con la pubblicazzione del fumetto del disegnatore romano “Walter Venturi” dal titolo “Il grande Belzoni”, uscita che avevo segnalato con questo post, distribuito in tutta Italia, presentato in varie città, compresa Bruxelles ma non ancora a Padova….

articolo a firma di : Alberto Botton

Tratto dal link originale : http://www.blogdipadova.it/giovanni-belzoni-indiana-jones-di-padova/

La Morte di Giovanni Battista Belzoni

Dopo essere sbarcato in Africa morì di dissenteria il 3 dicembre del 1823 nel porto fluviale di Gwato, circa 40 km prima di Benin City. Il signor Houtson, che lo accompagnava in questa spedizione, lo fece seppellire ai piedi di un albero alla periferia di Gwato, e sulla tomba fece apporre un’epigrafe recante il nome e la data di morte del Belzoni. Fece anche scrivere la seguente preghiera: “Il gentiluomo che ha messo questa epigrafe sulla tomba del celebrato e intrepido viaggiatore, spera che ogni europeo che visiti questo posto faccia pulire il terreno e riparare lo steccato intorno, se necessario”. Un viaggiatore europeo che tornò sul luogo circa quarant’anni dopo non trovò nient’altro che l’albero.

Il Sarcofago di Seti I

 

Sarcofago di Seti I

Sarcofago di Seti I

Il suo imponente sarcofago, ottenuto da un unico blocco di alabastro, decorato su ogni lato (all’interno si trova un’immagine della dea del cielo, Nut, oltre a varie divinità che avvolgono il corpo del faraone), si trova al Sir John Soane’s Museum, a Londra; Sir Soane lo acquistò per la sua collezione nel 1825, quando il British Museum rifiutò di pagare le £2000 del suo prezzo. Al momento dell’arrivo al museo, l’alabastro del reperto era completamente bianco e ancora arricchito con inserti di solfato rameico di colore blu posizionati nell’antichità. I due secoli trascorsi nel clima di Londra e l’inquinamento hanno fatto scurire il sarcofago, portandolo a un colore brunato; inoltre l’umidità ha causato la caduta dele decorazioni blu[28]. Sull’intero corpo del sarcofago sono incisi brani dal Libro delle Porte, un importante testo sacro funerario che descrive il viaggio notturno del dio-sole Ra nell’oltretomba.

      indiana

La Tomba di Seti I

Documentario su Giovan Battista Belzoni e note di archeologia egizia

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=x21prPuonS0

Giovanni Battista Belzoni le opere

Viaggi in Egitto e Nubia contenenti il racconto delle ricerche e scoperte archeologiche fatte nelle piramidi, nei templi, nelle rovine e nelle tombe di questi paesi seguiti da un altro viaggio lungo la costa del Mar Rosso e all’Oasi di Giove Ammone

Viaggi in Egitto Ed in Nubia_Tomo_Uno by D.Domenico on Scribd

Viaggi in Egitto Ed in Nubia Contenenti Tomo Due by D.Domenico on Scribd

Viaggi in Egitto Ed in Nubia Contenenti Tomo Tre by D.Domenico on Scribd

Viaggi in Egitto Ed in Nubia Contenenti Tomo Quarto by D.Domenico on Scribd

ENG
Narrative of the Operations and Recent Discoveries Within the Pyramids, Temples, Tombs and Excavations in Egypt and Nubia and of a Journey to the Coast of the Red Sea, in search of the ancient Berenice; and another to the Oasis of Jupiter Ammon

Narrative of the Operations and Recent Giovanni Battista Balzoni by D.Domenico on Scribd

Sole immoto = Terra stazionaria = Il Meraviglioso Inganno

 Archeologia, Gravità, Legge del Ritmo, Magnetismo, Sole  Commenti disabilitati su Sole immoto = Terra stazionaria = Il Meraviglioso Inganno
Apr 122017
 

Come di consueto , gli articoli pubblicati su Fortunadrago.it , prevedono una minima conoscenza della teoria base di Pier Luigi Ighina , la sua “Legge del Ritmo”. (sono consultabili cliccando sul testo con link attivo in evidenza).

Sole immoto

Negli scritti di Pier Luigi Ighina e nelle sue interviste spesso fa riferimento al fatto che la Terra è ferma e che viviamo in una riflessione di energia, che ci fa vedere le cose all’incontrario.

 

Adesso come si collega tutto ciò con quello che è scritto nella Bibbia :

Tratto da : http://labibbiatrastoriaescienza.blogspot.it/2015/12/il-sole-immoto.html

Giosuè cap 10
12 Fu allora che Giosuè parlava a Geova, il giorno che Geova abbandonò gli amorrei ai figli d’Israele, e diceva davanti agli occhi d’Israele: “Sole, resta immoto su Gabaon, E, luna, sul bassopiano di Aialon”.
13 Pertanto il sole rimase immoto, e la luna in effetti si fermò, finché la nazione poté far vendetta dei suoi nemici. Non è scritto nel libro di Iashar? E il sole stava fermo in mezzo ai cieli e non si affrettò a tramontare per circa un giorno intero.
14 E nessun giorno è stato come quello, né prima né dopo, in quanto Geova ascoltò la voce di un uomo, poiché Geova stesso combatteva per Israele.

Il Sole si fermò sopra la pianura e la Luna interruppe anch’essa il suo viaggiare, il giorno più lungo della storia dell’umanità si stava compiendo. Gli eserciti di Giosuè trucidarono le truppe nemiche che stavano fuggendo ed il tempo riprese a scorrere.

Ma a questo punto cosa succedeva dall’altra parte dell’emisfero terrestre ?
Succedeva l’esatto opposto, ovvero piombò nelle tenebre per un tempo corrispondente :

Raccontano le leggende azteche,di un giorno in cui la Terra piombò nell’oscurità più completa fatta eccezione per Teotihuacan dove continuò ad ardere una fiamma sacra. Allora in quel luogo si radunarono tutti gli dei e tentarono di spostare Sole e Luna,che erano immobili. A seconda delle diverse versioni della leggenda,venne lanciata una freccia o il dio del vento soffiò nel cielo.In ogni caso,il risultato fu che il Sole e la Luna ripresero il loro corso e la Terra fu salva. Gli Aztechi trassero da questa leggenda la nozione che il tempo si era fermato e che poi aveva ricominciato a scorrere, e dunque le piramidi di Teotihuacan vennero collegate idealmente al Sole e alla Luna.Queste leggende Azteche indicano con forza che le Piramidi de Sole e della Luna vennero costruite per ricordare il giorno in cui non ci fu il sorgere del Sole.

Se dunque a Canaan il Sole non tramontò per venti ore, nelle Ande per le stesse venti ore il Sole non sorse!
Questo fenomeno avvenne nel 1393 circa A.C. come citano le fonti…
i racconti non descrivono un arresto repentino del Sole (e della Luna), bensì una momentanea alterazione del movimento di rotazione della volta celeste.

Premessa

Premesso che : L’Energia positiva primordiale che proviene dal sole, nel suo incedere nello spazio è praticamente nulla (irrivelabile analogamente come in una camera oscura), essa si rivela solo quando impatta contro la materia di un corpo celeste, allora la luce diventa tale, calore, radiazioni etc.

Impatti o riflessi

In pratica la Terra come gli altri pianeti del sistema solare, non gira intorno al sole, quello che vediamo è solo l’impatto con l’energia solare, se non c’è impatto, non vediamo nulla.
Ma è più appropriato parlare piuttosto che di impatti, di riflessi come ne parlava Pier Luigi Ighina, infatti il risultato di un impatto con un corpo celeste, noi ne vediamo il riflesso e in quanto tale
sono soggetti ad inversioni (flip) sia verticali che orizzontali (dipende dalla natura del riflesso).

Camera oscura (Flip verticale)

(Inversione orizzontale ed inversione verticale)

Duran Duran The Reflex : https://www.youtube.com/watch?v=oDnNF5cHCdo

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=vBpxhfBlVLU

Terra stazionaria

Quindi ciò che vediamo sono riflessi che sono scaturiti dagli impatti, trascinati quindi dal vorticare dell’energia primordiale solare ne vediamo l’orbitare del corpo solare intorno al sole.
La natura quindi non sposta masse planetarie, che rimangono ben ferme al loro posto, ma solo il loro riflesso corrispondente.
Per questo motivo quando s’è avuto il transito del pianeta Venere nel 2012, la sua immagine ne è risultata “trasparente” al disco solare, poiché quello che vediamo non è la massa planetaria del pianeta, ma il suo impatto/riflesso.

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=d2-PVognJ94

La massa planetaria del pianeta, non è lì, ma seguendo il suo impatto visivo, compiremo un percorso orbitale (mai diretto) che ci consentirà di arrivare alla congiunzione dell’impatto con la massa planetaria stessa.

Andare al di fuori di questa rotta significa navigare nel vortice solare senza nessun tipo di riferimento, con l’inevitabile destino di finire prima o poi nel centro del vortice solare (nel sole).

Il meraviglioso inganno

Ma Pier Luigi Ighina parla anche di un effetto stroboscopico che crea l’alternarsi del giorno e della notte con il movimento di energia solare.
Ciò è spiegabile con la natura stessa della legge del ritmo (Gravità).
Infatti l’energia positiva (luminosa/Gialla/calda) proveniente dal sole, raggiunge il centro della Terra, dove si inverte in negativa (opaca/Blu/fredda) e risale alla superficie del pianeta per ritornare al sole.
Questo crea l’alternarsi pulsante tra luce (sole) e tenebre (sole nero), la cui frequenza mette in moto l’effetto stroboscopico di cui parla Pier Luigi Ighina.

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=pB4hFDZSn-I

Vivendo in questa riflessione di energia solare/terrestre ovvero luminosa/opaca abbiamo lo stabilizzarsi della forza di Gravità e il procedere dell’alternarsi pulsante del giorno/notte così come lo conosciamo.
Senza le tenebre saremmo ridotti come chi subisce gli interrogatori di terzo grado, con il riflettore (il sole) continuamente puntato contro senza nessuna difesa 24 ore su 24.

Il sole la nostra stella è l’unico corpo attivo di tutto il sistema solare, l’unico motore del sistema solare.

Da consultare anche : La Colla Magnetica (Universale)

Conclusioni

Oggi si cerca di dare spiegazioni su cosa sia la Gravità, tralasciando su cosa sia realmente la Materia e il legame tra di esse.
S’è arrivato a dire che la Gravità non esiste in quanto forza risultante o “effetto” vuoto!
Si ci ostina con la legge di gravitazione universale di Newton, ma i conti non tornano, e s’è inventata la Materia Oscura, l’Energia oscura o l’Universo olografico fino ad arrivare alla teoria di  Terra-piatta (in cui lo scrivente non crede).
Quello che credo è che la natura sia molto più semplice e che è l’essere umano a complicare il tutto.

Vasi di Roccia (Pietra)

 Archeologia, Materia  Commenti disabilitati su Vasi di Roccia (Pietra)
Nov 292016
 
vasi di roccia

Nei ritrovamenti archeologici, specie in Egitto, sono stati ritrovati vasi di roccia (pietra) di dimensioni più o meno grandi, ed alcuni di una pregevole quanto inspiegabile fattura.
Rocce durissime, friabili, lavorate fino a diventare dello spessore di pochi centimetri con forme anche complesse per contenere profumi o balsami, mantenendo il motivo naturale della roccia d’appartenenza.

John Anthony West sui vasi di pietra

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=vgVcxsH3kEc

Forse realizzati in epoca pre-dinastica dai “Maestri della Materia” sono più antichi di quanto si possa immaginare (impossibili da datare) e vengono tramandati da generazione a generazione, finché non ne rimangono distrutti e persi per sempre.

Tratto da : http://www.ars2000.it/geologia.htm

Classificazione delle rocce

1 – Rocce magmatiche (o eruttive)

– Rocce plutoniche: il magma (la lava fluida ed incandescente che si trova all’interno della Terra) è cristallizzato lentamente in profondità. Secondo il loro contenuto decrescente in silice si classificano in:
– granito (quarzo, feldspato, mica)
– sienite (feldspato, mica, anfibolo, pirosseno)
– diorite (plagioclasio, anfibolo, pirosseno, biotite)
– gabbro (plagioclasio, anfibolo, pirosseno, olivina)
– peridotite (olivina, pirosseno, anfibolo)

– Rocce effusive (o vulcaniche): il magma è fuoriuscito da una eruzione vulcanica e si è raffreddato velocemente. Secondo il loro contenuto decrescente in silice si classificano in:
– lipariti e porfidi quarziferi (quarzo, feldspato, biotite, anfibolo, pirosseno, vetro)
– trachiti e porfidi non quarziferi (feldspato, biotite, anfibolo, pirosseno, vetro)
– fonoliti (feldspato, pirosseno, nefelina, leucite)
– andesiti (feldspato, biotite, anfibolo, pirosseno, vetro)
– basalti e melafiri (plagioclasi, pirosseno, olivina, vetro)

– Rocce filoniane: il magma è penetrato nelle fratture delle rocce dove è cristallizzato.

In base alla composizione chimica, le rocce magmatiche si dividono inoltre in:
– Rocce acide, ricche di silice. Generalmente di colore chiaro, contengono come minerali fondamentali il quarzo, i feldspati e le miche.
– Rocce basiche, povere di silice. Generalmente scure, sono ricche di pirosseni e anfibole.

2 – Rocce sedimentarie

Derivano dalla decomposizione e dall’alterazione di rocce più antiche, i cui prodotti di distruzione sono stati trasportati dalle acque, dal vento o dal ghiaccio. Si dividono in:
– sedimenti clastici: possono essere incoerenti (ghiaia, sabbia, ecc.) oppure cementati da argilla, calcare o quarzo (arenarie, argilloscisti, ecc.)
– sedimenti chimici: le sostanze presenti nell’acqua sono precipitate per l’evaporazione dell’acqua o altro (salgemma, gesso, calcare, limonite, bauxite, ecc.)
– sedimenti organici: formati dall’accumulo di residui di animali o piante (calcare fossilifero, carbone, ecc.)

A seconda delle dimensioni dei granuli, le rocce sedimentarie si dividono in:
– breccia (frammenti cementati grossi e angolosi)
– conglomerato (frammenti a forma di ciottoli arrotondati)
– arenarie (granuli di quarzo molto fini, a volta non distinguibili ad occhio nudo)
– calcari, marne, argille (i granuli sono inferiori a 0,02 mm)

3 – Rocce metamorfiche

Si sono formate a partire da rocce sedimentarie sottoposte a forti pressioni e di elevate temperature nelle profondità della Terra. I minerali che componevano inizialmente queste rocce sono stati fusi e trasformati in altri minerali.
Alcune di queste rocce assomigliano, per la composizione, a rocce plutoniche, ma sono stratificate come le rocce sedimentarie da cui sono derivate. Ad esempio, il granito diventa gneiss, il calcare diventa marmo, l’arenaria diventa quarzite, l’argilloscisto diventa micascisto.

Ritrovamenti in base ai tipi dei vasi di roccia

1750507_900

Sezione di un vaso di Alabastro

mk_alabaster_vase

Interno di un vaso di roccia (Breccia)

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=p11cnbyCmM0

Agata

Alabastro

Amazonite

Ametista

Basalto

Breccia

Calcarea – Limestone

Diorite

Dolomite

Gneiss

Granito

Marmo

Porfido

Quarzo

Scisto

Magnesite, Ossidiana, Anfibolite, feldspato

Tracce di tempeste solari negli anelli degli alberi

 Archeologia, Botanica, Sole  Commenti disabilitati su Tracce di tempeste solari negli anelli degli alberi
Ago 182016
 

Una nuova scienza, Astrocronologia, potrebbe finalmente fissare date precise per gli eventi principali della preistoria utilizzando le tracce di violente tempeste solari conservati dagli alberi

Tratto dal link origine : https://www.theguardian.com/science/2016/aug/17/traces-of-sun-storms-locked-in-tree-rings-could-confirm-ancient-historical-dates-astrochronology

Gli archeologi ritengono di aver identificato un nuovo metodo di risalire a date precise per grandi eventi della preistoria. Rare e spettacolari tempeste sul sole sembrano aver lasciato il segno nei boschi e nei campi di tutto il pianeta nel corso degli ultimi 5.000 anni.

Michael W. Dee, del laboratorio di ricerca dell’Università di Oxford per l’archeologia e la storia dell’arte, pensa che le prove di tali tempeste solari potrebbe aiutare a risalire ad anni precisi per alcuni delle grandi incertezze nella storia: la costruzione della Grande Piramide d’Egitto di Giza, il crollo dell’antico civiltà Maya in America centrale, e forse anche l’arrivo dei Vichinghi nelle Americhe.

Anelli degli Alberi

Anelli degli Alberi

Ogni albero mantiene il proprio almanacco in forma di anelli di crescita annuale. Per decenni i cronologisti hanno utilizzato la prova degli anelli degli alberi e datazione al radiocarbonio per costruire un calendario di eventi che confermano i resoconti storici, anche quelli antecedenti le prime cronache scritte.

La datazione al carbonio funziona confrontando il rapporto tra due isotopi l’elemento carbonio, C-14 e C-12, presente in vecchi campioni di materiale organico. A causa del continuo bombardamento da raggi cosmici, rapporti di C-14 nell’atmosfera superiore sono più o meno costante, e poiché radioisotopi decadimento con il tempo, ad un tasso prevedibile, il rapporto di C-14 per la forma stabile C-12 è un guida per l’età di ogni legname da un tetto di una cattedrale o un luogo di sepoltura dell’età della pietra, per esempio.

La tecnica è impreciso, con un margine di errore di 50-100 anni, e anche costoso. Tuttavia, la scoperta di livelli insolitamente elevati di C-14 – fino a 20 volte il livello normale – stabilita durante le tempeste solari particolarmente violente possono consentire agli scienziati di fatto una data molto più precisa. Ogni albero che cresce al momento di una tale tempesta solare, in qualsiasi parte del mondo, avrebbe conservato una traccia di esso.

M6.6_30_1_2014

Nel 2012, lo scienziato giapponese Fusa Miyake ha identificato un notevole picco del livello di C-14 in una serie di anelli di crescita che è noto per la data del 775 A.D. Da allora, quello che il team di Oxford chiama un secondo evento Miyake – ovvero come una conseguenza di una scarica extraterrestre catastrofica di energia – è stato identificato per l’anno 994 A.D.

M.W.Dee e il suo co-autore Benjamin Pope propongono una nuova scienza, l’Astrocrolologia, per sfruttare come prova la tempesta solare, in un articolo sulla rivista Proceedings of the Royal Society A . La tecnica potrebbe molto precisa per identificare e collegare le cosiddette “cronologie galleggianti” dell’ antico Egitto, la civiltà Maya o all’età del bronzo alle date fissate nel calendario universale. Il sistema di numerazione giorno Maya si estende mille anni ed è ben stabilito – ma i ricercatori non sono stati finora in grado di collegare nessun caso, con qualsiasi data nel calendario gregoriano d’Europa.

In effetti, la data veramente identificabile prima nelle Americhe è ancora considerato come l’arrivo di Colombo nel 1492,” scrivono gli autori.

Se i controlli che sono stati precedentemente effettuati in anelli degli alberi, questi sono stati su base decennale – è il motivo per cui nessuno ha notato in un singolo anno le rare anomalie nel passato. Tali violente tempeste solari potrebbero anche essere state testimoniate: la Cronaca anglosassone registra un inquietante “crocifisso rosso” nel cielo nel 774 A.D. Un altra spettacolare tempesta solare nel 1859 ha portato ad aurore visibili nelle Hawaii e nei Caraibi.

Bardarbunga_13-9-2014

Gli scienziati propongono all’avanguardia tecniche matematiche per riesaminare tutti i dati esistenti ed identificare i suggerimenti di altri possibili picchi di tempesta solare.

“Quello di cui abbiamo bisogno è un record decennale per tornare indietro di 10.000 anni”, ha detto Dee. “Ci devono essere più di questi eventi e cercheremo di trovare dove possiamo cercare per loro. Non si può semplicemente misurare ogni singolo anello albero perché costerebbe decine di milioni di sterline, in quanto ogni anello albero deve essere misurato in triplice copia essenzialmente e ci sono un sacco di anni, tra oggi e il 5000 A.C. “.

Se i ricercatori riescono ad identificare un altro picco, si aspettano che esso sia duplicato nel tessuto vegetale in tutto il mondo da quell’anno: nelle canne che divennero papiro, in lino che è stata conservata come lino, nelle travi che puntellare antiche tombe . Picchi di anelli degli alberi del 775 A.D. sono stati trovati in Germania, Russia, Stati Uniti e Nuova Zelanda. L’Astrocronologia ha un potenziale di datazione di gran lunga più preciso di uno scriba umano.

“La chiave qui è che abbiamo cronologie lungamente collegate. Nel Antico Regno, abbiamo tutta la sequenza dei re, e l’ordine dei re è abbastanza ben stabilito. Abbiamo una ragionevole appiglio su quanto tempo erano al potere “, ha detto Dee.

“Se abbiamo trovato due o tre picchi nel terzo millennio A.C. non solo saremmo in grado di definire con precisione la sequenza dei 400-500 anno del Regno, ma saremmo messi in grado di verificare che gli anni tra i regni si sommano; non ci saranno anni mancanti, perché la data dell’anello di albero è assolutamente stabilita”.

Pioggia coronale link al video : https://ok.ru/video/86110898814

Tradotto con google, rivisitato manualmente.

Articoli da consultare :

Vita Vegetale : https://www.fortunadrago.it/5200/vita-vegetale-vegetable-life/
Esagono solare : https://www.fortunadrago.it/infinite-energy/esagono-solare/
Aspettando il super solar flare (brillamento) : https://www.fortunadrago.it/4407/aspettando-il-super-solar-flare-brillamento/

Acropoli di Alatri

 Archeologia, Sole  Commenti disabilitati su Acropoli di Alatri
Gen 292016
 

Alatri (Frosinone) Lazio , Italia
E’ un articolo dovuto, l’acropoli di Alatri è magnificamente conservata circondata da una cinta di mura in opera poligonale di 3a e 4a maniera :

Nella 1a maniera sono catalogate le opere realizzate sovrapponendo puramente e semplicemente i blocchi di pietra grezzi o appena sbozzati. (il comune Muro a secco)
Nella 2a maniera si nota un primo tentativo di levigatura dei piani esterni e, spesso, l’inserimento di zeppe o di pietre più piccole tra un interstizio e l’altro.
Il vero salto di qualità si consegue con la 3a maniera. In essa i blocchi hanno le forme perfettamente geometriche di veri e propri poligoni. Le superfici esterne delle fortificazioni sono perfettamente levigate e, quelle di posa, assolutamente combacianti. (senza malte ne cementanti)
Con la 4a maniera, i blocchi prendono forma di parallelepipedi quadrangolari, non sempre perfettamente levigati all’esterno e combacianti con minor cura. (senza malte ne cementanti)
Numerosi, tuttavia, risultano gli esempi di commistione tra le varie maniere.

All’autore di quest’articolo interessano le mura della 3a e della 4a maniera, poiché ritiene che la loro esistenza sia legata ad una funzione difensiva delle mura stesse (come quelle che conosciamo come recinzione elettrificata).
Quest’antico metodo di costruzione senza malte ne cementati, rende l’intera cinta di mura magneticamente ed elettricamente delle stesse proprietà di un unico blocco di pietra.
Una volta opportunamente energizzate chiunque toccava queste mura ne sarebbe rimasto incenerito.

Non conosciamo ancora tutto sull’energia…

Tratto da : http://www.livefiuggi.com/815/

Inca che usa il sole

Inca che usa il sole


Le sue origini si perdono nella notte dei tempi. Si dice sia nata da un raggio di sole e che la sua costruzione rispecchi la costellazione dei Gemelli. Definita dalla tradizione come la città dei Ciclopi, si pensa che sia stata edificata da un popolo di giganti, legato in qualche modo al dio Saturno. Alatri è un paese dagli albori misteriosi e confusi con il mito, ma di certo custodisce un’ Acropoli tra le più suggestive del Lazio.
Il paese conserva mura megalitiche ancora perfettamente conservate. Ha una delle più imponenti cinta murarie di epoca preromana che circonda completamente il perimetro dell’Acropoli. Ad essa vi si accede attraverso due porte: la Porta Maggiore e la Porta Minore.
La magnificenza della Porta Maggiore vi conquisterà, ha un architrave ciclopica di oltre 5 metri di lunghezza . Da qui avete due possibilità: salire le scale, attraversare la porta e accedere alla civita, oppure proseguire la passeggiata da fuori per ammirare ancora le mura. Continuando a camminare sul lato sud orientale troverete un’ incredibile parete megalitica – il Pizzo Pizzale – che sfiora i 17 metri.
Percorrendo il perimetro dell’Acropoli, sul lato nord-ovest, incontrerete la porta Minore (o Porta dei Falli) dove sono scolpiti tre falli come simbolo di fecondità. Al di sotto alcune lettere (DVT) ormai quasi svanite che gli esperti collegano alla lingua osca e che contenevano forse parole propiziatorie legate alle divinazioni degli auruspici o l’indicazione che tale luogo era deputato ai culti della fertilità …..ma sono solo supposizioni. La Porta Minore conduce in un piccolo corridoio ascendente, coperto con monoliti in progressivo aggetto: un sistema di copertura che trova riscontro solo nell’interno della piramide di Menfi. Negli equinozi il corridoio viene attraversato interamente dal Sole che arriva ad illuminare via Gregoriana, un chiaro simbolo di fertilità
Di fronte alle antichissime mura di Alatri rimarrete senza fiato e vi chiederete come sia stato possibile costruire un’opera di tale portata con i mezzi dell’epoca.
Soltanto l’Acropoli vale la visita in questo paese, che comunque ha molti altri tesori artistici.
Recenti studi hanno collegato il nome di Alatri a quello di un’antica città mesopotamica dell’antico regno di Mari.
Durante il ritrovamento di 20.000 tavolette presso Tell Hariri in Siria, negli scavi del palazzo reale di Zimri-Lim del potente stato Mari, la traduzione di una tavoletta rivela una lettera inviata dal re del Regno di Mari al figlio per informarlo dell’ottimo stato delle poderose fortificazioni di Alatri. Da questa informazione gli studiosi fanno derivare l’ipotesi che una città con il nome di Alatri esistesse già in terra Mesopotamica e che popolazioni originarie di questa città possano poi essersi spostate in varie tappe fino a giungere tra i monti della Ciociaria e costruirvi un’ acropoli simile a quella da cui erano partiti.
Preferiamo lasciare agli addetti ai lavori il compito di decifrare le origini di Alatri, per farci affascinare dal mistero e del fascino di questo paese. Consigliamo di arrivare in questa cittadina la mattina del 21 giugno, quando sull’Acropoli è facile incontrare appassionati e amanti di Alatri che si recano a vedere l’alba e lo spuntare del primo raggio di sole, per tornare indietro nel tempo, a quella mattina in cui Alatri ha visto i natali.

Comune della città di Alatri : http://www.comune.alatri.fr.it/

Alatri su wikipedia : https://it.wikipedia.org/wiki/Alatri

Grazie a Fabio Garuti, sono state tradotte delle scritte presenti sulle mura (Lettere dall’Alfabeto OGHAM in lingua Gaelica) ed è finalmente possibile datare le mura di Alatri ad almeno il 3.000 A.C. (Avanti Cristo)
Le mura avrebbero quindi più di 5.000 anni

Video del sito Fortunadrago.it sulla città di Alatri :

Alatri Agnello della cristianità o Leone degli antichi?

Alatri il segreto dell’aquila :

Il Trionfo di Ninurta e la Grande Piramide

Il Trionfo di Ninurta e la Grande Piramide

Alatri, l’antico tributo d’amore di un figlio per il suo padre link da consultare :

Città Animalesche : https://www.fortunadrago.it/3882/citta-animalesche/
Tutta un’altra Storia : https://www.fortunadrago.it/the-never-ending-story/tutta-unaltra-storia/
Menhir Dolmen & Co. : https://www.fortunadrago.it/2522/menhir-dolmen-co/
Mura Poligonali : https://www.fortunadrago.it/the-never-ending-story/tutta-unaltra-storia/mura-di-cuzco/
I Maestri della Materia : https://www.fortunadrago.it/2398/i-maestri-della-materia/
Zecharia Sitchin : https://www.fortunadrago.it/the-never-ending-story/tutta-unaltra-storia/10-000-anni-fa-la-storia-ignota/archeologia-proibita/

Galleria di Immagini sulla Città di Alatri :