Lug 122017
 

Tratto dal link originale : http://www.ucl.ac.uk/mathematical-physical-sciences/maps-news-publication/saturn-sun-magnetic-rope

Collegamento magnetico in serie tra il sole ed i pianeti

La struttura di campo magnetico torcente, precedentemente mai osservata prima su Saturno, è stata rilevata per la prima volta, usando la strumentazione costruita presso UCL e Imperial College.

Quando il campo magnetico del Sole interagisce con il campo magnetico della Terra (la magnetosfera), si verifica un processo complesso chiamato riconnessione magnetica che può ruotare il campo in forma elicoidale.

Questi campi magnetici a spirale con struttura a spirale sono chiamati funi di flusso o “eventi di trasferimento del flusso” (FTE) e sono osservati sulla Terra e ancora più comunemente su Mercurio. Le condizioni che consentono di generare una FTE in un pianeta peggiorano con la distanza dal Sole, tuttavia sono state osservate in tutti i pianeti verso Giove.

L’osservazione di questo fenomeno con Saturno è stato inafferrabile. Sono state intraprese ricerche per trovare un FTE con la nave spaziale Cassini della NASA, senza successo. Fino ad ora….

La navicella Cassini è stata in orbita intorno a Saturno dal 2004, e dopo molti anni analizzando i dati raccolti, Cassini ha osservato la prima FTE con Saturno. La firma magnetica osservata è stata confrontata con successo rispetto a quella di un modello per dimostrare che Cassini ha effettivamente osservato una corda di flusso in questa gigantesca magnetosfera e che l’astronave passava vicino al centro della struttura. Si calcola inoltre che la fune di flusso potrebbe essere di larghezza fino a 8.300 chilometri.

“Contrariamente alle idee precedenti sulla magnetosfera di Saturno a differenza della sua controparte terrestre, questi risultati rivelano che Saturno a volte si comporta e interagisce con il Sole nello stesso modo della Terra”

.
Jamie Jasinski, UCL Space e fisica climatica laureato in PhD ora con sede presso l’Università del Michigan e autore principale del nuovo articolo pubblicato in Geophysical Research Letters. Si calcola inoltre che la fune di flusso potrebbe essere di larghezza fino a 8300 chilometri.

Ciò non solo mostra che la riconnessione magnetica si verifica con Saturno ma anche che il campo magnetico di Saturno può interagire a volte con il Sole in modo molto simile a quello della Terra.

L’analisi è stata completata usando uno spettrometro di particelle costruito a UCL e un magnetometro costruito presso l’Imperial College, entrambi a bordo della nave spaziale NASA Cassini.

La missione di Cassini terminerà nel novembre del 2017, quando la nave spaziale verrà fatta precipitare nel pianeta per studiarlo, prima di disintegrarsi nella fitta atmosfera di Saturno.

Tratto dal link originale : http://www.ucl.ac.uk/mathematical-physical-sciences/maps-news-publication/saturn-sun-magnetic-rope
(Tradotto con google, traduzione rivisitata)

Un’energia spaventosa, di un’immensa potenza ed inarrestabile!
Un flusso abbondante e continuo che impregna l’intero sistema solare da milioni e milioni di anni.

Video link : https://www.youtube.com/watch?v=qWlmz0K5Vwc

Pier Luigi Ighina : Prospetto della massa precipitante

Dall’allegato numero 26 del C.I.S.M. datato Luglio 1976 si può visualizzare questo prospetto :

FB Comments

comments

Sorry, the comment form is closed at this time.