Kirlian Camera

Con la Kirlian Camera s’intende il dispositivo per fare foto e non il gruppo musicale dei “Kirlian Camera“.

Questa prima parte dell’articolo proviene dal sito del Cicap Link originale : https://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100255

Effetto che si produce ponendo un oggetto a contatto con un foglio di materiale fotografico e applicandovi un’elevata tensione elettrica, mediante un apparato detto camera Kirlian. Sotto opportune circostanze, l’immagine che ne risulta ritrae il contorno dell’oggetto circondato da un alone luminescente dai bordi sfumati, alone che può apparire colorato se si impiega materiale sensibile in grado di registrare i colori. Taluni ritengono che l’immagine prodotta da una camera Kirlian ritragga la cosiddetta aura vitale, un’emanazione di natura indefinita che alcune filosofie orientali ritengono circondi ogni essere vivente.

camera_kirlian

l nome dell’effetto e dell’apparato per produrlo deriva da Semyon Davidovitch Kirlian, un riparatore di macchine fotografiche russo che scoprì l’effetto nel 1939. Assieme alla moglie, Valentina Kirliana, Kirlian pubblicò nel 1961 un articolo in cui si evidenziava come una normale pellicola fotografica potesse essere impressionata anche ponendola in una sorta di “sandwich” costituito da due elettrodi ad alta tensione, fra i quali includere l’oggetto da ritrarre. Nelle più note immagini Kirlian uno degli elettrodi è costituito da una parte del corpo, ad esempio una mano, ottenendo in tal modo l’immagine della mano stessa circondata dal suggestivo alone luminoso.
La somiglianza tra le fotografie Kirlian e l’aspetto che, nell’immaginazione di alcuni si attribuisce all’aura, ha portato alcune persone a ipotizzare la possibilità di ottenere informazioni sullo stato psicofisico di un soggetto esaminando l’aspetto della sua “aura” Kirlian. In campo più propriamente paranormale, taluni utilizzano la fotografia Kirlian per “certificare” la presenza di poteri psichici in un soggetto, nell’intenzione di confermare strumentalmente le ipotetiche capacità terapeutiche che scaturirebbero dalle mani di un operatore particolarmente dotato (guaritore). Tuttavia nessuno studio rigoroso ha mai mostrato alcuna correlazione certa fra l’immagine Kirlian e un qualsiasi parametro fisiologico significativo, ad esclusione forse del grado di umidità della pelle, né tantomeno fra l’immagine e il potere di guarigione paranormale da parte di un soggetto, una capacità peraltro non confermata neppure in circostanze differenti.

aura_dita

Dal punto di vista fisico, poi, l’effetto Kirlian non ha alcunché di misterioso: si tratta di una luminescenza che si produce normalmente quando si sottopone un gas (o una miscela di gas, come l’aria) a una tensione elettrica elevata, anche se a bassa corrente, provocandone la ionizzazione. La causa dell’immagine non è quindi da ricercarsi in una qualche “emanazione” proveniente dal soggetto, quanto piuttosto nell’energia fornita dalla scarica elettrica. In mancanza di quest’ultima, anche la cosiddetta aura scompare. L’effetto è comunemente noto non solo ai fisici, ma anche ai riparatori TV con il nome di effetto corona.

Ora come cita il sito wikipedia , l’effetto corona è dovuto per un fenomeno noto come potere dispersivo delle punte, o Effetto punta.

L’effetto punta è un fenomeno che si osserva nei conduttori carichi elettricamente e consiste nella formazione di un campo elettrico più intenso in prossimità delle zone in cui la superficie del conduttore presenta un raggio di curvatura minore, ovvero una maggiore curvatura, cosa che accade ad esempio se l’oggetto è molto appuntito. (Potere delle punte) propriamente sfruttato dai Menhir.

Ed è questo quello che interessa , e cioè cosa in natura sia una punta e cosa no , poiché in presenza di una punta , avremo una dispersione di energia (elettrostatica o magnetica) ed è questo che la Kirlian Camera rende visibile.
Bisogna considerare che lo spettro visibile è molto limitato.

spettro_elettromagnetico
Nel mondo degli insetti , essi hanno a disposizione migliaia di occhi (sovraesposizioni) che consentono loro di avere una visuale di 360° senza girare la testa.
In questa immagine l’occhio di un’ape mellifera ingrandito 370 volte: è composto da migliaia di lenti esagonali che catturano la luce a differenti angolazioni e permettono di percepire il movimento. Gli occhi delle api sono sensibili ai raggi UV che permettono loro di identificare i fiori più ricchi di polline.

eye370x_390753

Galleria di foto con la Kirlian Camera

 


 

kir3kir1
 

 

 

Come riprendere con una Kirlian Camera

Come costruire una Kirlian Camera

http://www.imagesco.com/articles/kirlian/kirlian-photography-device.html

http://www.sentex.ca/~mec1995/circ/hv/kirlian/kirlian.html

Documento sulla Kirlian Camera

 

Kirlian Camera

FB Comments

comments