Energia dalle onde

Original Link : http://www.corriere.it/ambiente/13_giugno_07/energia-onde-castiglioncello_70bf1ade-cf64-11e2-b6a8-ee7758ca2279.shtml

Prototipo R115

Energia dalle onde, una centrale nel Tirreno
Sommersa a 50 metri, poi sarà portata all’Elba e darà corrente a 240 famiglie
CASTIGLIONCELLO (Livorno) – Sommersa a 50 metri di profondità nel mare di Punta Righini, quel tratto della costa di Castiglioncello amatissimo da Alberto Sordi e Marcello Mastroianni che qui passavano l’estate, la macchina cattura energia dalle onde marine è pronta a stupire il mondo. L’ha appena acquistata l’Enel (costa 375 mila euro) da 40Southenergy, una società fondata da Michele Grassi, 40 anni, laurea alla Normale, dottorato alla Ucla di Los Angeles, ricercatore in aspettativa del dipartimento di matematica dell’Università di Pisa, un «cervello italiano» che è riuscito a trasformare in elettricità le onde del mare.

PUNTA RIGHINI – Sarà inaugurata il 19 giugno a Punta Righini e per ora sarà capace di produrre energia per soddisfare il fabbisogno di una cinquantina di famiglie. «Poi la potenza arriverà a 150 kilowatt e la macchina verrà trasportata all’isola d’Elba, nel mare di Pomonte», spiega Grassi, «e allora saranno 240 le famiglie a poter avere energia elettrica con le onde marine. Tutto questo senza inquinare l’ambiente, neppure a livello paesaggistico perché a 50 metri di profondità tutto è invisibile».

Link Foto messa in opera R115 : http://www.flickr.com/photos/mathclick/sets/72157634224668081/

Link Foto Y25t : http://www.flickr.com/photos/mathclick/sets/72157633718830605/

Link Foto D100t : http://www.flickr.com/photos/mathclick/sets/72157633719240918/

COSTI – La macchina delle onde riesce a produrre energia a costi tre volte inferiori al fotovoltaico e simili a quelli dell’eolico. Con un vantaggio strategico: «Non ha impatto visivo come le pale», spiega Grassi, «perché sta sotto il mare. Si possono costruire meccanismi simili di più dimensioni e potenza. Grandi e costosi (milioni di euro) e piccoli ed economici». La tecnologia si basa su semplici principi di ingegneria meccanica applicata al moto ondoso. Nel Mediterraneo ha un ottimo rendimento e una macchina come quella che sarà installata all’Elba in un anno può arrivare a produrre 720 chilowattora, appunto il fabbisogno di 240 famiglie, ma in Inghilterra dove maree e onde sono superiori anche il doppio. Oltre a Enel, che potrebbe acquistare altre macchina dopo la sperimentazione toscana, ci sono altre offerte di acquisto di importanti gruppi energetici mondiali. E chissà, la macchina a onde made in Italy potrebbe diventare uno tsunami energetico.

STRUTTURA GENERALE Il sistema di conversione dell’energia 40South energia dell’onda si compone di due parti. La prima parte – denominata “Stati Inferiore” – è sommersa ad una profondità tra i 15 e 25 metri (a seconda del tipo di modello e il sito della distribuzione). Sopra di esso, uno o più “elementi superiori” sono immersi a una profondità compresa tra 1 e 12 metri (a seconda del mare e delle condizioni operative). Il moto relativo tra gli elementi superiore e inferiore di convertire direttamente in energia elettrica all’interno della macchina.

TECNOLOGICA TRACK RECORD
Il prototipo D100t – è stato in acqua dal 11 agosto 2010 al novembre 2010. Abbiamo effettuato numerosi test e fatto di continui adeguamenti e le modifiche ad esso, fino a quando ci ritirammo in preparazione per il prossimo.
Il Prototipo Y25t è stato installato nel maggio 2011, e gestito fino alla fine di luglio del 2011, quando ci ritirammo per aggiornamenti e modifiche. Il Y25t in particolare, ci ha permesso di validare completamente i sofisticati modelli computerizzati che usiamo per predire l’efficienza delle nostre macchine in un determinato sito. L’installazione della prima macchina commerciale, una unità di R115, è in corso e sarà completato a breve.

Le macchine che abbiamo appena iniziato a commercializzare sono basate su una diversa geometria dell’elemento più basso, che noi chiamiamo “tipo Rail” binario, da cui la “R” davanti ai nomi. I modelli R115/150kW sono stati impiegati, mentre quelli R1300/2MW saranno disponibili a partire dal 2014. Il D100t aveva un “Delta” come forma dell’elemento inferiore e la Y25t aveva una “Y” a forma di uno, da cui derivano i loro nomi.

Elementi di base
Forma dell’elemento inferiore : di tipo “Rail” binario

Dimensioni dell’elemento inferiore : 36m x 36m

Elemento superiore : 115 metri cubi

Potenza nominale : 150kW

Potenza nominale in configurazione S75 : 75kW

Ormeggio : due basi gravità su lati opposti della macchina

Fattore di capacità prevista nel Mediterraneo : 25% -35%

Fattore di capacità prevista in Oceano : 45% -55%

Descrizione
Il R115/150kW è attualmente l’offerta principale di 40SouthEnergy. Si tratta di un dispositivo relativamente piccolo, con un elemento inferiore che comprende due “binari” ogni 36m lungo, e un elemento superiore di 115 metri cubi. L’ormeggio è formata da due basi gravità, da parti opposte rispetto alla macchina.

L’installazione consiste in un posizionamento preliminare delle basi gravità, che sono auto-mobile e quindi il posizionamento della macchina. Tutto il processo può essere effettuato in un giorno o, meglio, in due giorni.

Il destinatario di queste macchine in situazioni scollegati griglia sono isole o comunità isolate, con un consumo medio di energia elettrica nell’ordine di 150 kW o più, se non di accumulo di energia è disponibile. In caso di accumulo di energia o un uso di potere flessibile sono disponibili, quindi la macchina è utile anche in situazioni in cui il consumo medio è inferiore a 150 kW.

Le macchine possono essere installate in array per aumentare la produzione di energia, sia in una configurazione a griglia disconnessi e in una griglia collegata uno. La produzione è molto più stabile di quella di turbine eoliche.

Le R115 macchine possono essere utilizzate in modo efficace in una configurazione in cui la loro potenza di picco è artificiosamente limitata a 75 kW (“Serie 75” di configurazione, indicato come R115/150-S75). In questo caso il loro range atteso di fattori di capacità (se considerato come 75kW macchine) aumenta al 35% -45% in condizioni mediterranee e al 60% -85% in condizioni oceaniche. Un fattore di capacità nelle gamme sopra è estremamente importante in situazioni di griglia sconnesse, dove può contribuire a stabilizzare la griglia e offre una sostituzione quasi completa per la generazione di energia supplementare da centrali diesel (sporche).

Vettore R115

F-6 Fattore di carico

F-6

 

Original Link : http://www.corriere.it/ambiente/13_giugno_07/energia-onde-castiglioncello_70bf1ade-cf64-11e2-b6a8-ee7758ca2279.shtml

FB Comments

comments