Effetto Allais

Maurice Félix Charles Allais

Da non confondere con il paradosso di Allais in economia!
L’effetto prende il nome dal suo scopritore Maurice Allais (Parigi, 31 maggio 1911 – Saint-Cloud, 9 ottobre 2010).
L’effetto è stato notato per la prima volta da Maurice Allais nel 1954 durante un’eclissi solare , ed ha riferito un’altra osservazione dell’effetto durante una eclissi solare nel 1959.
L’effetto consiste in una anomala precessione del piano di oscillazione di un pendolo , come rappresentato nella figura seguente :

Effetto Allais

Durante le eclissi solari c’è l’allineamento tra sole, luna e terra e la rotazione del piano di oscillazione del pendolo – legata alla rotazione della terra – cambia. Da oraria, diventa antioraria per tutta la durata dell’eclisse. Una volta finito l’allineamento, ritorna oraria.
(se l’oscillazione del pendolo dipende solo e soltanto dalla rotazione della terra , quando si verifica l’effetto , si potrebbe affermare che : la terra ferma la propria rotazione , la inverte rapidamente …per tornare poi alla rotazione originaria!)

L’effetto è controverso poichè non si verifica sempre.

Il Pendolo di Foucault

Il pendolo è concepito come esperimento per dimostrare la rotazione della Terra attraverso l’effetto della forza di Coriolis

L’effetto Coriolis Link video : https://www.youtube.com/watch?v=9YcSSsEaUos

Successive Osservazioni

– Jeverdan in Romania ha affermato di aver osservato un comportamento anomalo pendolo durante un’eclisse solare nel 1961

– Un altro effetto anomalo durante un’eclissi solare, l’aumento del periodo di un pendolo di torsione, è stato segnalato da Saxl e Allen nel 1970, ma nei successivi tentativi di replicare l’esperimento , non e stato osservato alcun effetto.

– Durante l’ eclissi solare del 26 Gennaio 2009 , una correlazione è stata trovata tra il comportamento anomalo di un pendolo di torsione ed uno bilanciato, situati in due punti diversi al di fuori della zona d’ombra.

– Otto Gravimetri e due pendoli sono stati distribuiti in sei siti di monitoraggio in Cina per l’ eclissi solare del 22 luglio 2009. Anche se uno degli scienziati coinvolti sostenuto in un’intervista di aver osservato un effetto Allais.

– Un pendolo di Foucault automatizzato è stato utilizzato da H.R. Salva e non ha trovato alcuna prova di un cambiamento precessione del piano di oscillazione del pendolo durante l’ eclissi solare del 11 luglio 2010.

Fonte : http://en.wikipedia.org/wiki/Allais_effect

Da una nota a nome di Antonio Iovane

La storia dell’ Effetto Allais (*) e’ controversa, lo sappiamo tutti
bene. Tra i motivi c’e’ che :
1) non si riescono a fare previsioni se e quando l’ effetto si verificherà’,
2) a volte l’ effetto non si verifica(**),
3) ed a volte invece si verifica in periodi non di
eclisse.
Senza allungare troppo il discorso, ed a seguito di lunga
dedizione allo studio di questo fenomeno (12 anni, che hanno anche
maturato la qualita’ del mio approccio scientifico), sono arrivato
alla conclusione che l’ eclisse non c’ entra niente. Tra tutte le
occasioni in cui si sono registrate anomalie, alcune rientrerebbero in
un modello basato su eclissi, altre no. Questo e’ uno dei motivi per
cui la controversia e’ aperta.
Quello che ho notato invece, e questo e’ un po’ incredibile, e’ che le
anomalie vengono rilevate quando il piano dell’ equatore della luna
attraversa il sito di osservazione sulla Terra
. Questo evento si
verifica anche nelle giornate di eclissi, anche se spesso spostato
rispetto alle eclissi stesse. La maggior parte delle volte infatti le
anomalie registrate non sono perfettamente centrate sulle eclissi. Una
analisi delle condizioni di librazione della luna nei casi in cui le
anomalie erano centrate sull’ eclisse mi ha condotto alla osservazione
che in quei casi il sito che ha registrato l’ anomalia si trovava a
giacere sul piano equatoriale della luna. Dopo di cio’ ho verificato
che in occasione di anomalie registrate in altre fasi della luna, il
sito di osservazione si trovava sul piano equatoriale della luna.
Quindi sono arrivato alla seguente ipotesi: quando un sito di
osservazione sulla terra si trova ad attraversare il piano equatoriale
della luna, su alcuni tipi di strumenti si rilevano delle anomalie.
Ho verificato tutti i dati storici a mia disposizione e questa
condizione e’ sempre verificata, sia per anomalie registrate durante
eclissi, sia per quelle registrate in altre fasi della luna. Una
previsione fatta il primo agosto per il 9 agosto 2011, luna crescente,
e’ stata nettamente verificata con una bilancia di torsione.
Cosa succede sul piano equatoriale della luna? E chi lo sa! Tra l’
altro la velocita’ di rotazione della luna e’ modesta. Comunque, in
relazione al tipo di apparati sensibili all’ anomalia, e all’ analisi
di specifiche anomalie registrate, sembrerebbe che vi sia all’ opera
un meccanismo sconosciuto di trasferimento di momento angolare. Quindi
il cosiddetto Allais Effect non sarebbe ne’ dovuto ad eclissi, ne’
tantomeno sarebbe di natura gravitazionale.
Un cenno sugli apparati sensibili e non sensibili.
Tutti gli apparati che hanno in qualche modo registrato anomalie sono
basati su una massa avente almeno una liberta’ di rotazione intorno ad
un punto fisico di pivotaggio, fisso o mobile. Tali sono i pendoli
statici, i pendoli di Foucault, i pendoli paraconici, i pendoli di
torsione, le bilance di torsione, i gravimetri a molla e massa tipo
LaCoste-Romberg. Tutti sono, ciascuno a suo modo, sensibili all’
effetto di una coppia.
Strumenti che non hanno mai reagito, e che hanno quindi supportato la
controversia, sono i gravimetri a superconduttore, i gravimetri
“falling mass”, e gli orologi atomici (il risultato di S.W.Zhou con
orologi atomici e’ per me discutibile).
Sto postando questo messaggio essendo ben consapevole di essere
esposto a critiche, ma sono convinto che la sua forza sia nel fatto
che cio’ che ho detto e’ facilmente verificabile: non dobbiamo piu’
attendere o andare a cercare eclissi, ma abbiamo una opportunita’ a
casa nostra ogni 13.6 giorni (tale e’ la frequenza dei passaggi della
luna per il nodo).
Nel mondo le persone visionarie che credono nell’ esistenza di queste
anomalie (finora ritenute collegate alle eclissi) sono circa 20. Se vi
credono e’ perche’ hanno avuto, me compreso, diretta evidenza
sperimentale ottenuta in buone condizioni sperimentali. L’ obiettivo
di queste poche persone e’ di arrivare ad una conclusione e chiudere
questa controversia. Questa mia nuova ipotesi apre una nuova strada,
di facile verifica, che forse ci portera’ ad una conclusione. Alcuni
di noi, me compreso, in 4 continenti, stanno lavorando in
collaborazione alla preparazione di un dettagliato e documentato
articolo da sottomettere a pubblicazione per reviewed.

(*) Il cosiddetto effetto Allais e’ stato rilevato la prima volta nel
1954 con un pendolo simile ad un pendolo di Foucault (pendolo
paraconico) e consistette in una anomala precessione di Foucault in
occasione di una eclissi di sole. Successivamente l’ anomalia e’ stata rilevata anche con altri apparati, ma l’ attenzione e’ sempre stata orientata alle eclissi, con varie ipotesi di tipo gravitazionale. I modelli basati su eclisse si sono rivelati deboli per i motivi accennati sopra. Per chi non e’ informato, vi e’ una descrizione dell’Allais Effect su Wikipedia, all’ indirizzo http://en.wikipedia.org/wiki/Allais_effect
(**) L’ anomalia infatti puo’ non essere presente nell’ arco di tempo
delle misure effettuate intorno alle eclissi, che spesso e’ di 12 ore, in quanto in quell’ arco di tempo, pur essendoci una eclisse, non succede che il piano equatoriale della luna attraversi il sito di
osservazione, ma succede prima o dopo. Finora queste anomalie venivano perse, o scartate come disturbi o errori sperimentali.

Antonio Iovane

Link dalla nota su Google Groups : https://groups.google.com/forum/#!topic/it.scienza.fisica/Uu13CmmdKG4

Sito calsky.com gestito da Arnold Barmettler dove è possibile da “Physical Ephemeris” conoscere i dati sul passaggio della luna.

Sito di Antonio Iovane : http://xoomer.virgilio.it/iovane/
(grazie ad Antonio Iovane)

Sincronizzazione simultanea di 32 Metronomi che poggiano su un piano mobile (non fisso)

Link video : https://www.youtube.com/watch?v=JWToUATLGzs

Spiegazione sui metronomi di Adam Micolich (Eng)

Link video : https://www.youtube.com/watch?v=ADGmBtLJ6y4

Documento dell’università degli studi di Milano sul pendolo/h2>

PROGETTO PENDOLO by D.Domenico

Articoli del sito che potrebbero interessare

I link sono cliccabili tramite testo attivo in blù

La Legge del Ritmo di Pier Luigi Ighina
La Colla Magnetica (Universale)
Il Problema della Luna
Universo Magnetico – Primer Fields

FB Comments

comments